Scontri tra polizia e centri sociali Appendino: "No alla violenza"

| Ma i sindacati di polizia non sono per nulla soddisfatti: "Equilibrismo politico, ci aspettavamo la sua solidarietà"

+ Miei preferiti
 "La violenza è sempre sbagliata in qualunque forma questa venga esercitata e va condannata senza se e senza ma". Lo ha detto la sindaca di Torino, Chiara Appendino, nel corso delle comunicazioni in Consiglio comunale, a proposito dei tafferugli tra antagonisti e polizia al corteo del Primo maggio. "Come diverse altre volte è accaduto, anche quest'anno le scene che si sono materializzate nelle vie centrali della città non sono state affatto di festa. Vedere un corteo spezzato a metà e scontri con le relative conseguenze non può che creare un forte dispiacere", ha commentato la sindaca che si è detta convinta che non spetti al Consiglio comunale e alla politica, definire quali siano le corrette decisioni da attuare in materia di ordine pubblico. 

"Esistono organi preposti a cui va il nostro rispetto e ringraziamento per il difficile lavoro quotidiano", ha messo in chiaro Appendino che si è detta rammaricata e dispiaciuta perché "l'atteggiamento di pochi ha rovinato la festa dei lavoratori, impedendo a molte persone, che pacificamente erano al corteo, di manifestare anche il proprio dissenso". 

"Il dissenso – ha concluso Appendino – quando manifestato all'interno del perimetro della legalità è senza dubbio un valore e le istituzioni tutte ne devono consentire la pacifica espressione".
Ecco la replica dei sindacati di polizia Siulp, Siap e Sap.

Una risposta, quella della Sindaca Appendino che esalta il più caparbio equilibrismo politico, riproponendo il vetusto teatrino della responsabilità irresponsabile, ma tanté. 

I rappresentanti dei sindacati di polizia avevano chiesto senza se e senza che la Sindaca di Torino dicesse chiaramente con chi volesse stare: con la legalità e le forze dell'ordine o con gli scalmanati del "partito" dell'anti-Stato dei Centri sociali. 

La risposta della Sindaca intrisa della retorica di circostanza non chiarisce quale parte della società predilige ma si inerpica in una stravagante genuflessione politico-culturale, interpretando a suo uso e consumo proposizioni altisonanti di uomini illustri. 

La verità, per noi che rappresentiamo uomini donne che con onore e spirito di sacrificio indossano una divisa per la sicurezza dei cittadini, della legalità, della democrazia e delle Istituzioni anche comunali, è finanche scontato sentir dire che il primo cittadino di Torino sia contro la violenze; ci mancherebbe altro. 

Ma la serietà di chi vuole rappresentare il popolo, non solo del web, e quello di denunciare a chiari lettere, senza se e senza ma, i luoghi e le associazioni dove matura una sub cultura che si connota con l'odio verso le forze dell'ordine. 

Quello che è successo il 1° Maggio a Torino è un copione che si ripete da molti, troppi anni, e le istituzioni, Sindaca in testa devono stigmatizzare gli autori e i gruppi violenti, che non sono affatto misteriosi, specificandoli senza reticenze. 

Dal tenore della risposta della Sindaca non si evince alcun provvedimento nei confronti dei Consiglieri Comunali 5 Stelle, che prima scaricano le responsabilità degli incidenti alle forze dell'ordine e poi, quali campioni di democrazia, arrivano persino ad ipotizzare di vietare ai sindacati di scendere in piazza. 



Ci aspettavamo più coraggio da parte della Sindaca che ha l'onore di guidare una città così importante come Torino. 

Sulla coerenza della Sindaca non possiamo pronunciarci, attesa che la sua vicinanza ai Centri sociali è più che nota ed è palesemente dimostrata dal veto posto, con votazione consigliare, alla chiusura proprio di questi Centri. 

Nulla di nuovo sotto sole. 

Cronaca
Crisi nervosa in casa Rodriguez
Crisi nervosa in casa Rodriguez
Il padre di Belen, in preda a uno stato di alterazione, si è messo a urlare dalla finestra della sua casa di Brera e a lanciare oggetti in strada. Ricoverato precauzionalmente in ospedale
Due turiste uccise in Marocco
Due turiste uccise in Marocco
I corpi decapitati di Louisa e Maren, entrambe scandinave, sono stati ritrovati in una zona impervia dell’Alto Atlante. Fermato un uomo, ma si sospetta abbia avuto complici
Muore di freddo su una panchina
Muore di freddo su una panchina
Una studentessa di 15 anni scozzese aveva trascorso la serata con un ragazzo, avevano bevuto alcol in un parco sulla collina di Edinburgo. Il corpo trovato all'alba da un passante. Genitori sconvolti
Ha stuprato un cadavere, arrestato
Ha stuprato un cadavere, arrestato
Un 23enne inglese sorpreso in un obitorio mentre violentava il corpo di una defunta. Ora rischia 7 anni di carcere. Familiari sconvolti. La polizia: "Trovato il suo Dna". Lui: "Impulso irresistibile". Ipotesi sette sataniche
CARABINIERE AGGREDITO
per il branco ore contate
CARABINIERE AGGREDITO<BR> per il branco ore contate
Il militare aggredito dagli ultrà laziali, ferito perché difendeva un tifoso tedesco, è il simbolo dell'Arma. Esempio di professionalità e nervi saldi. Caccia agli aggressori. Violenti traditi da videocamere
Grillina aggredita a Nuoro, vero o falso?
Grillina aggredita a Nuoro, vero o falso?
Lei, una parlamentare, dice di essere stata spinta da un uomo e ha una costola fratturata. Una teste racconta che s'è buttata a terra da sola dopo un banale diverbio. Indaga la squadra mobile
Catania, salva la speleologa ferita
Catania, salva la speleologa ferita
Dopo 12 ore di ricerche nella notte i soccorritori sono riusciti a salvare una speleologa di 42 anni caduta all'interno della grotta di Cozzo Balatelli
Stilista strangolata, dopo appesa a un albero
Stilista strangolata, dopo appesa a un albero
Colpo di scena. La stilista milanese Carlotta Benusuglio, 37 anni, non si suicidò ma fu uccisa. Il suo corpo fu trovato impiccato a un albero in un parco. Ex fidanzato ora indagato per omicidio volontario
Muore accoltellata dalla compagna di stanza
Muore accoltellata dalla compagna di stanza
Una studentessa 21enne del Minnesota, a Rotterdam con il programma Erasmus, è stata uccisa senza un perché dalla coinquilina. Era un talento della batteria
Uccise una donna, giustiziato in Florida
Uccise una donna, giustiziato in Florida
Josè Antonio Jimenez aveva picchiato e ucciso una donna nel 1992, è stato giustiziato con un'iniezione letale. Aveva strangolato anche un'altra vittima a Miami, respinti tutti i ricorsi