Sesso tra detenuto e consorte "Perso il senso della punizione"

| Vita allegra nelle carcere italiane. Dura presa di posizione del sindacato Osapp dopo l'episodio a "luci rosse" durante i colloqui in carcere. Pagheranno una multa da 5 a 30 mila euro

+ Miei preferiti
"Ieri 08/08/2017, alle ore 16,00 circa, presso la Casa Circondariale Lorusso-Cutugno di Torino, un detenuto di 25 (venticinque) anni, di nazionalità Albanese, in carcere per rapina furto ed altro, fine pena 2020, è stato sorpreso dall'Agente di Polizia Penitenziaria addetto alla vigilanza armata sul muro di cinta, intento a consumare un rapporto sessuale nell'area verde aperta riservata ai colloqui con i propri familiari presso la struttura a custodia attenuata denominata Arcobaleno. Erano presenti all'atto della consumazione del rapporto altri detenuti con i rispettivi familiari ma ciò non avrebbe inibito la piena consumazione del rapporto, dopodiché il colloquio oramai intimo è stato necessariamente sospeso a cura del personale di Polizia Penitenziaria intervenuto e il detenuto è stato allontanato dal reparto e deferito all'Autorità Competente per atti osceni in luogo aperto al pubblico.....". Così inizia, letteralmente, un severo comunicato dell'Osapp, sindacato della polizia penintenziaria, a proposito dI un rovente colloquio tra moglie e marito - a luce rossa - in carcere. Entrambi  - ora - pagheranno per l'esibizione in plein air, una multa tra i 5 e i 30mila euro. Diecimila se pagano entro 60 giorni. L'albanese è anche uno sportivo, gioca a rugby nellla squadra del penitenziario composta da detenuti.
"Il sistema non funziona, vince il populismo"
Il segretario generale Osapp Leo Beneduci coglie l'occasione per sferrare un altro colpo all'amministrazione: 
"Come organizzazione sindacale non saremmo di per sé contrari che alcuni detenuti possano essere autorizzati ad intrattenere rapporti di tipo intimo con propri congiunti o con persone ad esse affettivamente legati, quali ed anche misure premiali riservate a soggetti che hanno dimostrato in maniera continua e provata concreto ravvedimento e la fattiva volontà per un produttivo rientro nella società civile, purché ciò avvenga in strutture idonee ed esterne al carcere, escluse qualsiasi osservazione e vigilanza da parte degli agenti della polizia penitenziaria. Quanto accaduto a Torino più che un evento isolato rappresenta a nostro avviso l‘ennesima falla del sistema penitenziario Italiano a cui  peraltro non sarebbe estraneo una sorta di populismo al momento imperante presso il Ministero della Giustizia che per le carceri non troverebbe limiti nello stravolgimento del significato della pena detentiva e che privilegia sempre di più chi commette i reati rispetto a chi di tali reati è vittima. Anche su tali situazioni ribadiamo quindi la richiesta di un apposita Commissione Parlamentare che  indaghi sulle attuali contraddizioni e sugli sprechi del sistema penitenziario Italiano nonché sulle condizioni di servizio di un personale di Polizia Penitenziaria costretta ad assistere  a  consimili storture della detenzione".


Cronaca
"Piangeva troppo, l'ho picchiata"
"Piangeva troppo, l
Si sono aggravate le condizioni della piccola aggredita con inaudita violenza dal compagno della madre, ora in carcere per tentato omicidio. "Ho perso la testa", ha detto alla polizia. Sul corpo lividi, graffi, persino morsi
"Olindo e Rosa innocenti, assassini liberi"
"Olindo e Rosa innocenti, assassini liberi"
Il tunisino Azouz Marzouk, marito, padre e genero di tre vittime della strage di Erba, insiste. Pensa che i killer siano da cercare "in un altro contesto". Ma le prove raccolte dagli investigatori inchiodano la coppia diabolica
Bossi grave ma non in pericolo di vita
Bossi grave ma non in pericolo di vita
Trasportato con un elicottero nell'ospedale di Circolo è tuttora in terapia intensiva. Era nella sua casa di Gemonio ed è caduto, ferendosi lievemente. Crisi epilettica. Oggi nuovo bollettino medico
Cucchi, indagato il colonnello Sabatino
Cucchi, indagato il colonnello Sabatino
L'ufficiale non avrebbe trasmesso alla procura tutte le carte. "Sono stato ingannato", si è difeso. Ora è il comandante provinciale di Messina
La catechista killer resta in carcere
La catechista killer resta in carcere
Respinto il ricorso di Chiara Alessandri, 44 anni, che ha ucciso a martellate, il 17 gennaio, Stefania Crotti. Voleva i domiciliari per assistere i tre figli
Tenevano i figli in gabbia, arrestati
Tenevano i figli in gabbia, arrestati
Una coppia texana in carcere per maltrattamenti, bambini scoperti in stato di denutrizione chiusi in un capannone, in condizioni igieniche indescrivibili
Guardate il volto del poliziotto ferito
Guardate il volto del poliziotto ferito
Un marocchino ha aggredito un agente massacrandolo di botte in seguito a un controllo. "Non importa, tornerò a lavorare con lo stesso impegno di prima"
"Sono un prigioniero politico, nulla di cui pentirmi"
"Sono un prigioniero politico, nulla di cui pentirmi"
Bill Cosby, 81 anni, l'ex America's Dad, in carcere per abusi sessuali si paragona a Martin Luther King e al Mahatma Gandhi: "Mi colpiscono per le mie idee politiche. Le donne che mi accusano? Mentono". Non è più in isolamento
Fa a pezzi il suo bimbo, i resti nella borsetta
Fa a pezzi il suo bimbo, i resti nella borsetta
In carcere la madre 24enne di Daniel. "Piangeva e non mi dava ascolto, l'ho colpito ed è morto, volevo nascondere il corpo, è stato un incidente, nessuno mi avrebbe creduto". La casa dell'orrore. Famiglia in apparenza normale e serena
Pamela, i genitori sfidano il killer
Pamela, i genitori sfidano il killer
"L'ho guardato negli occhi...". L'assassino in aula per la prima udienza del processo per il delitto di Macerata. La giovane fu uccisa, il corpo fatto a pezzi e infilato in due valigie, poi abbandonate in un bosco