Toffa: "Nessuna paura di morire dispiacere solo per i miei cari

| L'inviata delle Iene Nadia Toffa in onda domani in esclusiva a Verissimo racconta il malore che l'aveva colpita il 2 dicembre scorso. Fenomeno social mondiale. Lei: "Stupita che in tanti abbiano pregato per me"

+ Miei preferiti

 “Io non ho paura di niente e ho scoperto che non ho paura neppure di morire”. La conduttrice e inviata de ‘Le Iene’ Nadia Toffa ha spiegato in una intervista esclusiva a Le Iene,  come ha vissuto dopo il malore che il 2 dicembre scorso l'aveva portata in Rianimazione: “Ho avuto solo paura per i miei genitori, le mie sorelle, i miei amici perché non erano pronti a perdermi. I miei genitori in rianimazione cercavano di darmi sicurezza, di tranquillizzarmi, ma io capivo che erano preoccupatissimi”. A Silvia Toffanin, che le chiede come stia adesso, la iena risponde: “Sto benissimo, meglio di prima, perché queste cose servono a far rivalutare la vita. Un evento all’apparenza brutto, (i giornali hanno scritto che stavo addirittura morendo), invece, mi ha fatto scorrere ancora di più la vita nelle vene...Non ho mai rischiato di morire, ma finché sei lì in rianimazione e non fanno tutti gli accertamenti, non lo sai. Su suggerimento di un mio collega ho anche pregato, ripetendo le preghiere che sapevo e mi sono ricordata”. Poi: “Mi sento un po’ in colpa perché ho fatto preoccupare tanta gente. Mi sono commossa per i messaggi e le dimostrazioni d’affetto sui social. La gente ha pregato per me e questo mi ha stupita”. Infine un annuncio da molti attesa e da qualche altro un po' meno: “Torno in diretta a Le Iene dall’11 febbraio. Non vedo l’ora di rivedere tutti”. 

 

 

 

 
Cronaca
Sofiya uccisa a bastonate su testa e collo
Sofiya uccisa a bastonate su testa e collo
La bella ucraina scomparsa il 26 novembre a Cornuda e poi ritrovata cadavere il 24 dicembre, è stata uccisa a bastonate e poi finita con un colpo violentissimo al collo. Mistero sull'assassino, sospetti su 4 uomini
"Una macchina fa il suo lavoro, lei è licenziato"
"Una macchina fa il suo lavoro, lei è licenziato"
Incredibile storia di un operaio marocchino di 61, l'azienda lo licenzia dopo 30 anni di lavoro perché una macchina svolge le stesse mansioni. Lettera delirante, "purtroppo non ci sono altre mansioni disponibili"
"A Bologna nulla di cui debba vergognarmi"
"A Bologna nulla di cui debba vergognarmi"
L'ex Nar Francesca Mambro in aula a Bologna per il processo sulla strage alla stazione. "Essere qui mi provoca ansia e angoscia, so il male che ho fatto"
Riciclavano denaro svuotando conti postali
Riciclavano denaro svuotando conti postali
Blitz dei carabinieri a Reggio Calabria, 29 indagati. Avrebbero derubato anziani e disabili con la complicità di funzionari delle Poste. Conti svuotati attraverso ai conti on line
Insegnanti maltrattavano bimbi, 2 arresti
Insegnanti maltrattavano bimbi, 2 arresti
Indagine dei carabinieri a Colorno, presunte vittima tra i 3 e i 5 anni, violenze fisiche e psicologiche
Stupratori di Roma, cattura imminente
Stupratori di Roma, cattura imminente
La procura di Tivoli pronta ad ammanettare i quattro responsabili della violenza di gruppo ai danni di una donna di 43 anni
Assicurare il matrimonio, ora si può
Assicurare il matrimonio, ora si può
Polizze "dedicate" alle nozze, dal pranzo ai viaggi, in caso di annullamento l'assicurazione rifonde le spese. Costi contenuti
Lupo ucciso e appeso, due denunciati
Lupo ucciso e appeso, due denunciati
Individuati dai carabinieri da tabulati telefonici e immagini delle videocamere di sicurezza di Coriano, Rimini. Il lupo tramortito e trafitto con un forcone all'addome. Lav ed Enpa parte civile: "Grazie Arma"
Giallo a Bari, uccisa turista Usa
Giallo a Bari, uccisa turista Usa
La donna aveva 65 anni ed era in vacanza con il marito. Il corpo in una casa-vacanze, segni di ecchimosi sul collo, il marito era nella villetta ora sotto il controllo dei carabinieri
La gang svuotava i conti correnti con le Pec
La gang svuotava i conti correnti con le Pec
Ancora indagini dopo l'arresto in Sicilia di cinque persone che svuotavano i conti bancari di ignari correntisti utilizzando messaggi via Pec false. In poche ore avevano rubato oltre 200 mila euro