"Conteso tra moglie e amante
avevo scelto la famiglia"

| Fabrizio Pasini abbandona la prima versione e spiega perché ha ucciso Manuela Bailo: "Mia moglie mi telefonava, lei urlava, ho perso la testa". Un femminicidio da manuale. Ma l'assassino mente ancora

+ Miei preferiti

L’omicidio di Manuela Bailo, la 35enne di Nave (Brescia) uccisa una notte di fine luglio in una casa di Ospitaletto dall’amante (sposato e con due figli) e collega di lavoro Fabrizio Pasini, 48, alla fine fa emergere un movente di una sconcertante banalità. Dal carcere dove è rinchiuso da metà agosto, Pasini, segretario provinciale della Uil metalmeccanici, ex rugbista, appassionato di soft-air, fa filtrare una nuova verità. Dietro la morte di Manuela, non ci fu una lite per un “tatuaggio con le iniziali dei figli” che avrebbe provocato in lei una reazione rabbiosa, frutto di una gelosia morbosa e irrazionale, ma uno scenario profondamente piccolo-borghese.

Dopo due anni di relazione clandestina e mille promesse mai mantenute di separarsi e ufficializzare il loro rapporto, Pasini era prigioniero del più classico dei triangoli. Manuela era solo un divertimento collaterale al suo matrimonio, che non aveva alcuna intenzione di interrompere. E la presenza della collega-amante, sempre più esasperata per il suo doppio gioco, era diventata ingombrante. Si erano lasciati ma continuavano a vedersi. Manuela era innamorata di lui, lo aveva detto alla madre, alle amiche, al suo ex con cui continuava a condividere l’appartamento di Nave, imbottito di videocamere. E dall’hard disk dell’impianto di sicurezza, spunta la registrazione di un anno e mezzo fa, quando Fabrizio e Manuela litigano furiosamente per lo stesso motivo. Lui che non vuole lasciare la moglie, che inventa un sacco di bugie, lei che pretende un atto chiaro e senza ambiguità. Da qui le premesse del delitto.

Quella notte, confessa Pasini, la moglie è irrequieta. Lo tempesta di telefonate, a cui non risponde, e di messaggi. “Dove sei?”, “Con chi sei?”, “Quando torni?". I due sono nella casa della madre di lui, in vacanza con i nipoti ad Alghero. Le ore passano una dopo l’altra. Alle due lui inciampa su un tappeto e si rompe una costola. Lei lo accompagna al pronto soccorso dove viene medicato; i due vengono ripresi dalle videocamere del condominio. Sembrano tranquilli, Pasini chiude con cura le portiere dell’auto e tornano nell’appartamento di famiglia, non distante dalla villetta con moglie e figli. Il telefono del sindacalista continua a vibrare e Manuela avrebbe perso la pazienza. “Urlava, urlava sempre più forte, mi voleva tutto per sè, svegliava i vicini, allora l’ho spinta giù dalle scale, ha battuto la testa, era svenuta. L’ho portata nel bagno del garage, ho tamponato il sangue con la mia maglietta ma non si riprendeva, allora ho perso la testa, non respirava più. E ho deciso che avrei nascosto il cadavere. Mi sono tenuto il suo telefono. Stavo per partire per le vacanze, il mio desiderio era un chiarimento definitivo, volevo stare con la mia famiglia, non con lei”.

Una verità diversa dalla prima, dichiarata subito dopo l’arresto. Pasini s’è ritrovato prigioniero di un dilemma irrisolvibile e piuttosto consueto, nel momento in cui un uomo ritiene di concedersi una relazione clandestina con l’idea di non rinunciare alla famiglia, che resta sì nell’ombra ma comunque un punto fermo.

La procura pretende la verità vera, e non si accontenta dell’ultima versione. La carotide di Manuela risulta tagliata di netto con una lama affilata, e questo contrasta con la preterintenzionalità del delitto. Ma la difesa ritiene che quel taglio sia stato provocato dalla corda utilizzata per recuperare il corpo, in avanzato stato di decomposizione, dalla vasca dei liquami di una cascina del Cremonese dove l’assassino l’aveva gettato. Sarà una battaglia tra periti di parte e dell’accusa. Torna il concetto della “banalità del male”, enunciato dalla storica tedesca Hanna Arendt per identificare la capacità dell’uomo di commettere atti crudeli, criminali, genocidio compreso, in qualsiasi tipo di circostanze favorevoli. 

Pasini lotta per evitare, in abbreviato, i 30 di galera che lo aspettano. Alla fine, esaurito il filone dei giuramenti sul tatuaggio, con tutti i suoi valori rituali e simbolici, è tornato all’effetto paralizzante delle telefonate in serie della moglie, preoccupata e sospettosa, e alle urla di rabbia dell’amante. Un femminicidio da manuale, ripetuto con lo stesso meccanismo da secoli. L’ennesimo caso da archiviare. 

Cronaca
Caso Cervia, lo Stato ha sbagliato
Caso Cervia, lo Stato ha sbagliato
Il ministro Trenta dà ragione alla famiglia del sergente Davide Cervia, scomparso nel nulla 28 anni fa. "E' stato rapito" ma per anni è stata una verità negata
Salvini contro il Pipita, sia squalificato
Salvini contro il Pipita, sia squalificato
Il vice-premier era allo stadio con il figlio: "Professionisti pagati milioni non possono lasciarsi andare a scene del genere, pessimo insegnamento per i ragazzini", E gli augura una lunga squalifica
Caso Desiree, non fu omicidio
Caso Desiree, non fu omicidio
Il Tribunale del Riesame smonta in parte la tesi della procura, annullata l'accusa di omicidio per due degli arrestati, sparito lo stupro di gruppo. Domani tocca a Mamadou Gara
Il medico aggredì l'amante della moglie: processo
Il medico aggredì l
Torna in aula Matteo Cagnoni, il dermatologo dei Vip. Nel 2016 aveva ucciso la moglie Giulia Ballestri. Aveva aggredito prima del delitto il suo nuovo compagno. Nei guai anche Bossetti e Buoninconti
Londra violenta: ucciso un 15enne
Londra violenta: ucciso un 15enne
Nel giro di una settimana cinque aggressioni mortali, di cui la maggior parte verso adolescenti. Nella capitale inglese infuria una sanguinosa guerra fra gang, e la città chiede più controlli sulle strade
Targhe estere, Toninelli va all'attacco
Targhe estere, Toninelli va all
Con "Basta con i furbi", il ministro grillino vieta a chi risiede in Italia da più di 60 giorni di circolare con veicoli targati all'estero. "Finito il gioco di non pagare assicurazione e bollo in Italia"
Orrore nei lager, ex SS piange
Orrore nei lager, ex SS piange
Il 94enne Johann R., ex guardia SS nel lager di Stutthof, si è commosso di fronte alle testimonianza dei superstiti. E' sotto processo nel tribunale dei minori perché nel '44 aveva 18 anni
“Pagherei qualsiasi cifra per riabbracciarti”
“Pagherei qualsiasi cifra per riabbracciarti”
Antonio Cicchelli, fratello dell’avvocato torinese ucciso in Brasile dalla convivente, affida a FB poche righe struggenti. Sarà lui a riportare i resti del fratello in Italia
"Devi diventare una testimone di Geova"
"Devi diventare una testimone di Geova"
Marito allontanato dalla famiglia perché picchiava la consorte restia ad abbracciare la sua religione
Immigrati, sbarchi in calo del 92 per cento
Immigrati, sbarchi in calo del 92 per cento
Soddisfatto Salvini: "Gli altri parlano, noi facciamo". Calo anche delle richieste d'asilo. Crollo degli sbarchi di profughi