"Conteso tra moglie e amante
avevo scelto la famiglia"

| Fabrizio Pasini abbandona la prima versione e spiega perché ha ucciso Manuela Bailo: "Mia moglie mi telefonava, lei urlava, ho perso la testa". Un femminicidio da manuale. Ma l'assassino mente ancora

+ Miei preferiti

L’omicidio di Manuela Bailo, la 35enne di Nave (Brescia) uccisa una notte di fine luglio in una casa di Ospitaletto dall’amante (sposato e con due figli) e collega di lavoro Fabrizio Pasini, 48, alla fine fa emergere un movente di una sconcertante banalità. Dal carcere dove è rinchiuso da metà agosto, Pasini, segretario provinciale della Uil metalmeccanici, ex rugbista, appassionato di soft-air, fa filtrare una nuova verità. Dietro la morte di Manuela, non ci fu una lite per un “tatuaggio con le iniziali dei figli” che avrebbe provocato in lei una reazione rabbiosa, frutto di una gelosia morbosa e irrazionale, ma uno scenario profondamente piccolo-borghese.

Dopo due anni di relazione clandestina e mille promesse mai mantenute di separarsi e ufficializzare il loro rapporto, Pasini era prigioniero del più classico dei triangoli. Manuela era solo un divertimento collaterale al suo matrimonio, che non aveva alcuna intenzione di interrompere. E la presenza della collega-amante, sempre più esasperata per il suo doppio gioco, era diventata ingombrante. Si erano lasciati ma continuavano a vedersi. Manuela era innamorata di lui, lo aveva detto alla madre, alle amiche, al suo ex con cui continuava a condividere l’appartamento di Nave, imbottito di videocamere. E dall’hard disk dell’impianto di sicurezza, spunta la registrazione di un anno e mezzo fa, quando Fabrizio e Manuela litigano furiosamente per lo stesso motivo. Lui che non vuole lasciare la moglie, che inventa un sacco di bugie, lei che pretende un atto chiaro e senza ambiguità. Da qui le premesse del delitto.

Quella notte, confessa Pasini, la moglie è irrequieta. Lo tempesta di telefonate, a cui non risponde, e di messaggi. “Dove sei?”, “Con chi sei?”, “Quando torni?". I due sono nella casa della madre di lui, in vacanza con i nipoti ad Alghero. Le ore passano una dopo l’altra. Alle due lui inciampa su un tappeto e si rompe una costola. Lei lo accompagna al pronto soccorso dove viene medicato; i due vengono ripresi dalle videocamere del condominio. Sembrano tranquilli, Pasini chiude con cura le portiere dell’auto e tornano nell’appartamento di famiglia, non distante dalla villetta con moglie e figli. Il telefono del sindacalista continua a vibrare e Manuela avrebbe perso la pazienza. “Urlava, urlava sempre più forte, mi voleva tutto per sè, svegliava i vicini, allora l’ho spinta giù dalle scale, ha battuto la testa, era svenuta. L’ho portata nel bagno del garage, ho tamponato il sangue con la mia maglietta ma non si riprendeva, allora ho perso la testa, non respirava più. E ho deciso che avrei nascosto il cadavere. Mi sono tenuto il suo telefono. Stavo per partire per le vacanze, il mio desiderio era un chiarimento definitivo, volevo stare con la mia famiglia, non con lei”.

Una verità diversa dalla prima, dichiarata subito dopo l’arresto. Pasini s’è ritrovato prigioniero di un dilemma irrisolvibile e piuttosto consueto, nel momento in cui un uomo ritiene di concedersi una relazione clandestina con l’idea di non rinunciare alla famiglia, che resta sì nell’ombra ma comunque un punto fermo.

La procura pretende la verità vera, e non si accontenta dell’ultima versione. La carotide di Manuela risulta tagliata di netto con una lama affilata, e questo contrasta con la preterintenzionalità del delitto. Ma la difesa ritiene che quel taglio sia stato provocato dalla corda utilizzata per recuperare il corpo, in avanzato stato di decomposizione, dalla vasca dei liquami di una cascina del Cremonese dove l’assassino l’aveva gettato. Sarà una battaglia tra periti di parte e dell’accusa. Torna il concetto della “banalità del male”, enunciato dalla storica tedesca Hanna Arendt per identificare la capacità dell’uomo di commettere atti crudeli, criminali, genocidio compreso, in qualsiasi tipo di circostanze favorevoli. 

Pasini lotta per evitare, in abbreviato, i 30 di galera che lo aspettano. Alla fine, esaurito il filone dei giuramenti sul tatuaggio, con tutti i suoi valori rituali e simbolici, è tornato all’effetto paralizzante delle telefonate in serie della moglie, preoccupata e sospettosa, e alle urla di rabbia dell’amante. Un femminicidio da manuale, ripetuto con lo stesso meccanismo da secoli. L’ennesimo caso da archiviare. 

Cronaca
ORE CONTATE
per l'assassino di Stefania Crotti
ORE CONTATE<br>per l
il suo corpo carbonizzato è stato trovato ieri nelle campagne di Erbusco. Un uomo è sotto torchio da ore in una caserma dei carabinieri. Stefania Crotti, 42 anni, era sparita mercoledì. Lascia sola una bimba di 7 anni
Pedofilo liberato, subito ucciso dai vicini
Pedofilo liberato, subito ucciso dai vicini
Nel 1985, l'uomo aveva stuprato e ucciso un bimbo di 17 mesi. Condannato all'ergastolo, era stato liberato. Ai vicini aveva detto una bugia sui reati commessi. Smascherato da Google, è stato pugnalato a morte con 150 coltellate
Non gli dà codice telefono, brucia vivo marito
Non gli dà codice telefono, brucia vivo marito
Una donna indonesiana arrestata dopo una lite. Lei voleva vedere il contenuto dello smartphone, ma lui si è rifiutato. Lo ha cosparso di benzina e poi gli ha dato fuoco con l'accendino. Morto
Studentessa uccisa, stava telefonando alla sorella
Studentessa uccisa, stava telefonando alla sorella
Misterioso delitto a Melbourne, una 21enne rapita, stuprata e pugnalata a morte mentre telefonava alla sorella che ha sentito in diretta il momento in cui è stata aggredita. La polizia: "Forse aggressione sessuale"
Baldini disperato, usano la mia immagine
Baldini disperato, usano la mia immagine
Siti e "giornalisti" hanno diffuso sul web una serie di articoli in cui l'ex spalla di Fiorello annuncia trionfalmente di essersi arricchito con i bitcoin. Ma è una truffa. Lui li ha denunciati alla polizia postale. Senza risultato
"Le donne abusate? Si sono anche divertite"
"Le donne abusate? Si sono anche divertite"
L'ex governatore del Michigan, presidente dell'università omonima, costretto a dimettersi dopo le sorprendenti dichiarazioni sulle atlete abusate dal medico Larry Nassar. "Hanno avuto premi e riconoscimenti"
"Hai fatto sesso con la mia compagna"
"Hai fatto sesso con la mia compagna"
Pista passionale nel sequestro da parte di un marocchino armato di un operaio 45enne di Gavardo, Brescia. I due sono spariti nella notte e li cercano nei boschi zona. Ipotesi delitto-suicidio ma nessuna certezza
Uccide bimbo schiacciandolo nell'auto
Uccide bimbo schiacciandolo nell
Alfie aveva 3 anni e "faceva troppo rumore" durante il viaggio. Il fidanzato della madre per due volte ha spinto indietro il sedile e alla fine lo ha soffocato. La mamma non ha fatto nulla per salvarlo. Rispondono entrambi di omicidio
La falsa storia del povero senzatetto
La falsa storia del povero senzatetto
In tre si erano inventati una storia commovente virale sul web: un barbone aveva donato i suoi ultimi 20 dollari a una donna con l'auto senza benzina. Raccolti 400 mila dollari per aiutarlo. Arrestato per truffa, complici denunciati
Hanno causato 28 fratture al figlio di 4 mesi
Hanno causato 28 fratture al figlio di 4 mesi
Genitori condannati a 8 anni di carcere nel Sussex: avevano picchiato il loro bimbo provocandogli "lesioni spaventose" perché piangeva troppo. Adesso è stato adottato e si sta riprendendo. Le dure parole del giudice