Traffico d'armi e guai con il fisco, l'avvocato torinese si difende

| Dii nuovo alla ribalta una vecchia indagine su forniture militari all'Iran. Conti off-shore segreti

+ Miei preferiti

"Ahimè. Io sono effettivamente nullatenente. E lo sono dal 3 marzo 2010".
A parlare è Raffaele Rossi Patriarca, l'avvocato torinese, civilista di fama internazionale, finito al centro di accertamenti della Guardia di Finanza nel capoluogo piemontese. Le indagini sono iniziate nei mesi scorsi, dopo che il professionista, imputato in Liguria in una causa per omicidio stradale, ha fatto richiesta di gratuito patrocinio.
Patriarca dichiara reddito zero, eppure le Fiamme Gialle sono risalite a una villa in collina, a un appartamento al mare, a yacht e costosi hobby. Le verifiche della Guardia di Finanza hanno accertato che dovrà pagare imposte su un reddito di circa 200 mila euro, a cui si aggiungeranno sanzioni e interessi.


"Tutto questo risale a una stagione lontana, a un'altra epoca. Ora non rimane più assolutamente nulla".

Nemmeno l'elegante studio di 300 mq in pieno centro storico a Torino, con affreschi e importanti opere d'arte?

"Quella che era la mia parte dello studio, non è più mia da molto tempo. Ora vivo e lavoro a Londra. E viaggio: Malta, Nigeria, Svizzera. Sono un avvocato con la valigia. Trovo dove dormire con Airbnb e mi sposto con Blah Blah car, che è ancora più economico del treno. Si figuri che non ho nemmeno i soldi per divorziare da mia moglie, che mi ha sbattuto fuori di casa nel 2014".

E i documenti trovati dalla Guardia di Finanza che l'ha fermato al Valico di Ponte Chiasso? I documenti che riguardano la gestione di società con sede in noti paradisi fiscali, come Panama e l'isola di Jersey in Gran Bretagna?

"Avevo un appuntamento di lavoro e, come ovvio, avevo con me alcune carte dei clienti. Non sono titolare di nessuna società off shore. Semmai seguo società comunitarie, che hanno alcuni azionisti fuori dall'Ue. E' il mio lavoro. Lavoro che ho ripreso a fare a Londra da quando sono stato sterilizzato professionalmente e reso inavvicinabile. Per me, dal 2010, è diventato impossibile lavorare".

Sette anni fa, Patriarca è stato chiamato in causa dalla Procura di Milano in un'inchiesta su un presunto traffico d'armi con l'Iran. Una storia suggestiva, in cui l'avvocato è accusato di aver organizzato e predisposto compravendite di forniture all'Iran utilizzando una quindicina di società ombra in vari Paesi europei.

"Una storia folkloristica, in cui non c'è nulla di vero. Non mi sono mai occupato di armi. Non per buonismo, ma perché non ho competenza né tecnica né giuridica. Nell'ottobre 2009 fui incaricato da una società privata iraniana di assisterla nell'acquisto di nove elicotteri vip e per il trasporto operai. Il mio settore professionale".

Ma sono arrivati i guai con la giustizia. L'arresto, il 3 marzo 2010. I due mesi trascorsi a San Vittore, i due mesi di arresti domiciliari, i sei mesi di divieto d'espatrio. Il Consiglio dell'Ordine degli avvocati l'ha sospeso, nel 2010, per cinque mesi. Ora il procedimento disciplinare è in attesa del processo di merito, iniziato il 14 giugno 2016.  

Cronaca
Vede il diavolo in una bimba e tenta di ucciderla
Vede il diavolo in una bimba e tenta di ucciderla
Una baby sitter ha tentato di uccidere la bambina di cui si occupava perché in lei aveva visto il volto di Gollum, un mostro de Il signore degli Anelli
Come muore una donna
Come muore una donna
Nicoletta Indelicato, Imane Fadil: due casi di cronaca recente che raccontano la morte di due giovani donne diverse fra loro, unite solo dalla voglia di vivere
Anche il vicesindaco Frongia indagato per corruzione
Anche il vicesindaco Frongia indagato per corruzione
Assessore allo sport, fedelissimo della sindaca Raggi, il suo nome è stato fatto dal costruttore Parnasi all’interno dell’inchiesta sullo stadio della Roma
In manette Marcello De Vito il grillino contro la corruzione
In manette Marcello De Vito il grillino contro la corruzione
Il presidente del Consiglio Comunale di Roma Capitale è stato arrestato insieme all’avvocato Mazzacapo: avrebbero favorito i progetti del costruttore Parnasi. Indagati altri imprenditori
Nicoletta è stata uccisa
Nicoletta è stata uccisa
Il corpo della giovane siciliana scomparsa domenica scorsa, è stato ritrovato nella notte. A indicarlo la coppia che ha confessato l’omicidio: ancora sconosciuto il movente
Nuova Zelanda, il killer aveva un terzo obiettivo
Nuova Zelanda, il killer aveva un terzo obiettivo
Lo ha rivelato la polizia, mentre nel paese sono iniziati i primi funerali e la premier annuncia un giro di vite dell’intelligence e sulla vendita delle armi
Tutti i misteri di Imane
Tutti i misteri di Imane
La fine della modella 34enne sempre più simile a una spy-story dai contorni inquietanti. L’autopsia cercherà di dare una risposta alla fine, ma se la cautela è tanta, i timori non mancano
“Nuovi elementi
per riaprire il processo Bossetti”
“Nuovi elementi<br>per riaprire il processo Bossetti”
Ezio Denti, consulente investigativo della difesa del muratore di Mapello condannato all’ergastolo per la morte di Yara Gambirasio, racconta di avere in mano nuovi elementi “molto forti”
Il caso di Ilaria Alpi verso l’archiviazione
Il caso di Ilaria Alpi verso l’archiviazione
Per la seconda volta, la procura di Roma ha richiesto al gip l’archiviazione dell’inchiesta per mancanza di nuovi elementi. Di tutt’altro parere gli avvocati della famiglia Alpi
Caso Sarti, il video hot è una squallida fake
Caso Sarti, il video hot è una squallida fake
Solidarietà totale alla parlamentare grillina (al di là delle idee politiche), vittima di una campagna diffamatoria di rara violenza e volgarità. Nel video porno c'è una donna tatuata e con una voce totalmente diversa