Tu chiamale se vuoi, deiezioni

| È in partenza una massiccia campagna di sensibilizzazione contro l'inciviltà di chi non raccoglie gli escrementi del proprio cane

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

È un problema, inutile negarlo, che tocca diverse corde come senso civico, educazione e rispetto. Dovrebbe essere un po' l'abc di qualsiasi agglomerato urbano - eppure - guai a camminare senza controllare un passo dopo l'altro, pena ritrovarsi a schiacciare quella roba che secondo un celebre detto popolare porta fortuna, ma sicuramente non al momento, magari dopo.

Non è sicuramente per risparmiare sulla fortuna che L'Amiat, con la collaborazione della Città di Torino, ha deciso di tenere alta l'attenzione sulle deiezioni dei cani, uno degli effetti compresi nel pacchetto di quanti (tanti) scelgono la compagnia di un cucciolo. Per far leva sulla sensibilizzazione, proprio in questi giorni parte una campagna di comunicazione che invita i proprietari di animali ad un comportamento tanto semplice quanto corretto nei confronti dei propri concittadini: raccogliere le deiezioni del cane.

Una campagna "gentile"

Nulla di accusatorio, anzi, il claim ed il visual scelti sono spiritosi ma comunque sottili: "Raccoglierla non sarà un piacere, ma pestarla è molto peggio", recita la locandina che mostra un cane che ha appena lasciato il proprio "ricordino", tirato via dal padrone. Come a dire: gli animali non hanno colpe, ma i padroni qualcuna.

Una campagna massiccia destinata a comparire sui quotidiani torinesi, su 50 linee di autobus cittadini e attraverso card distribuite gratuitamente in un centinaio fra negozi di articoli per animali, circoscrizioni e biblioteche civiche. "Pensare al marciapiede come a un pezzo della propria casa, come a qualcosa di proprio da proteggere e tenere in ordine, è il modo migliore per restituire alla nostra città un'immagine consona alla sua bellezza e al suo fascino, in ogni angolo del suo territorio", ha commentato Alberto Unia, assessore all'Ambiente della Città di Torino.

In campo perfino la tecnologia

È una vera battaglia contro l'inciviltà che quotidianamente si trovano ad affrontare centinaia di città in tutto il mondo. Fra i casi più eclatanti le fototrappole annunciate di Torre Boldone, nel bergamasco, la rete di telecamere adottate a Madrid e il database canino voluto dal sindaco di Beziers, nel sud della Francia, in cui raccogliere il Dna di ogni animale e da quello riuscire a risalire e multare il proprietario.

Cronaca
Mostro o ex? Lo strano caso Brega-Massone
Mostro o ex? Lo strano caso Brega-Massone
Dall’ergastolo del primo grado ai 15 anni che chiudono il processo bis a carico di Pier Paolo Brega Massone: per i giudici si è trattato di omicidi preterintenzionali
La vita spericolata di Rossi junior
La vita spericolata di Rossi junior
Processo a gennaio per il figlio di Vasco. Alla guida di un'Audi aveva saltato uno stop investendo una Panda con due ragazze a bordo. Poi se n'era andato. Nei guai anche l'amico che voleva sostituirsi a lui
Prete molestatore, la curia lo sospende
Prete molestatore, la curia lo sospende
Scandalo a Gorizia, il sacerdote avrebbe molestato sessualmente una donna in difficoltà. Smascherato dalle Iene
Raffica di condanne per la morte di Hélène Pastor
Raffica di condanne per la morte di Hélène Pastor
La ricchissima ereditiera monegasca fu assassinata quattro anni fa davanti ad un ospedale di Nizza. Le indagini hanno permesso di risalire a tutti i componenti del piano, condannati con pene pesanti dal tribunale
Emilia, scoperto arsenale partigiano
Emilia, scoperto arsenale partigiano
Armi paracadutate durante la guerra civile, conservate in un tubo di cemento poi sepolto in un campo. Sono intervenuti gli artificieri
Coppia investita da gommone-pirata
Coppia investita da gommone-pirata
Erano a bordo di un gozzo a motore quando sono stati investiti da un gommone con tre persone a bordo che, invece di soccorrere i feriti, uno grave, sono fuggiti. Le indagini della Capitaneria. E' accaduto a Posillipo
"Conteso tra moglie e amante
avevo scelto la famiglia"
"Conteso tra moglie e amante<br>avevo scelto la famiglia"
Fabrizio Pasini abbandona la prima versione e spiega perché ha ucciso Manuela Bailo: "Mia moglie mi telefonava, lei urlava, ho perso la testa". Un femminicidio da manuale. Ma l'assassino mente ancora
Modena, forse è un serial killer
Modena, forse è un serial killer
I carabinieri riaprono il fascicolo di una 75enne uccisa a bastonate in un parco, confronto con il Dna di Raffaele Esposito, in cella per avere ucciso una prostituta
Bossetti, ergastolo definitivo
Bossetti, ergastolo definitivo
Il procuratore: "L'ha lasciata morire da sola". Gli avvocati: "Negato un secondo esame del Dna, processo viziato dai media". Il muratore uccise Yara il 26 febbraio 2011. La Cassazione conferma le condanne di 1 e 2 grado
Scontri Val Susa: 30 anni ai No tav
Scontri Val Susa: 30 anni ai No tav
Pene quasi dimezzate rispetto alle richieste del pm: 20 mesi a Nicoletta Dosio. Fuori dal tribunale un presidio, all’interno anche la consigliera regionale M5S Frediani