UBRIACO CONTRO MOTO RAGAZZA MUORE FIDANZATO GRAVE

| Stazionario il centauro torinese ferito dopo una lite in strada. Investitore arrestato per omicidio, è un cinquantenne di Nichelino risultato positivo all'alcol

+ Miei preferiti
Sono stazionarie le condizioni di Matteo Penna, 29 anni, travolto da un Ford Transit con alla guida un ubriaco deciso a vendicarsi di un affronto in seguito a una banale stradale. E' stata scongiurata l'amputaione di una gamba e il giovane è in coma farmacologico. Solo nelle prossime ore sarà possibile avere un quadro diagnostico più preciso.  La fidanzata, Elisa Ferrero, 27, laureata in Medicina e prossima a iniziare la specilità, è morta invece sul colpo.Una moto sorpassa un mini-bus, sfiora uno specchietto. Segue una discussione con toni accesi, e forse il centauro ha dato un pugno al vetro. Dopo è follia pura. Maurizio De Giulio, 50 anni, insegue per  un chilometro la Ktm 900, la raggiunge a Condove, quando Matteo è costretto a rallentare per affrontare la rotatoria del Gravio, sulla Statale 24, la travolge, la trascina per una decina di metri. Fine della corsa, con i centauri schiacciati e stritolati contro il guard rail. Muore sul colpo Elisa Ferrero, 27 anni, di Moncalieri. Il fidanzato Matteo Penna, 29, è ricoverato in prognosi riservata al Cto. E' stato trasportato in ospedale in elicottero. E' in condizioni disperate. Maurizio De Giulio, risultato positivo all'alcol test, è stato arrestato dai carabinieri di Susa per omicidio stradale. E' un autotrasportatore, convive con una peruviana con due figli. Domani interrogatorio di convalida dell'arresto. Sulla volontarietà dell'investimento non ci sono dubbi. Ci sono molti testimoni, già sentiti dagli inquirenti. La moto procedeva in direzione Torino. Matteo è un ingegnere informatico, Elisa si era appena laureata. Una coppia felice che stava programmando di partire per le vacanze. Gli amici di Matteo ed Elisa  ora temono che il killer possa uscire presto dal carcere. "E' un assassino - dicono - voleva uccidere, deve restare in cella per tutta la vita". A bordo del Ford Transit c'era anche la compagna e una delle sue figlie. De  Giulio ha precedenti di polizia per un fatto simile, aveva litigato dopo un incidente con un automobilista e aveva insultato anche i carabinieri che erano intervenuti.
SOCIAL? INOPPORTUNI E CRUDELI
E sui social divampa una discussione che gli amici della coppia hanno pesantemente contestato. "Non c'è rispetto nemmeno per chi ha perduto i propri cari", scrive un'amica rispondendo a due post firmati da Matteo M.: "
Non avresti dovuto tirare quel pugno sul finestrino, dispiace dirlo ma parte della responsabilità è tua, non puoi sapere mai quale pazzo ti potrebbe capitare, e tu avevi la responsabilità di proteggere la tua donna per giunta... è partito tutto dal tuo gesto sconsiderato, col senno di poi la tua è stata una mancanza di buon senso, e questo rimorso penso che te lo porterai dietro per tutta la vita. Ad ogni modo, ti auguro una pronta guarigione". Molti i commenti che hanno criticato il tono e il contenuto. Ma Matteo M. ha continuato: "Non manco di rispetto a nessuno, viviamo in un mondo nel quale conviene pensarci mille volte prima di compiere dei gesti inutili, soprattutto quando si ha la responsabilità dell'incolumità di terze persone a bordo... ovviamente non giustifico assolutamente la reazione di quel criminale, ma in questo mondo bisogna imparare a non innescare certe dinamiche, si sa che i pazzi esistono per le strade, la maturità sta nel non creare occasioni pericolose". Un modo quasi per dare una giustificazione a chi ha ucciso una ragazza incolpevole di tutto per niente.

Cronaca
Uccide bimbo schiacciandolo nell'auto
Uccide bimbo schiacciandolo nell
Alfie aveva 3 anni e "faceva troppo rumore" durante il viaggio. Il fidanzato della madre per due volte ha spinto indietro il sedile e alla fine lo ha soffocato. La mamma non ha fatto nulla per salvarlo. Rispondono entrambi di omicidio
La falsa storia del povero senzatetto
La falsa storia del povero senzatetto
In tre si erano inventati una storia commovente virale sul web: un barbone aveva donato i suoi ultimi 20 dollari a una donna con l'auto senza benzina. Raccolti 400 mila dollari per aiutarlo. Arrestato per truffa, complici denunciati
Hanno causato 28 fratture al figlio di 4 mesi
Hanno causato 28 fratture al figlio di 4 mesi
Genitori condannati a 8 anni di carcere nel Sussex: avevano picchiato il loro bimbo provocandogli "lesioni spaventose" perché piangeva troppo. Adesso è stato adottato e si sta riprendendo. Le dure parole del giudice
"Il razzismo la paga cara"
"Il razzismo la paga cara"
L'ex ministro del governo Letta, la dottoressa Cecile Kyenge, commenta così la condanna in primo grado del ministro leghista Calderoli che l'aveva definita "un orango". Vincere il razzismo in modo pacifico e legale
L'ombra senza pace della nave Concordia
L
Sette anni fa, alle 21:47 del 13 dicembre 2013, la nave affondò davanti all'Isola del giglio per una manovra sbagliata. Il suo ex capitano, Francesco Schettino, è in carcere da mesi. Legge, fa sport e spera in una riduzione della pena
Regeni, la procura apre un'altra inchiesta
Regeni, la procura apre un
Al centro le pressioni delle autorità egiziane contro il consulente della famiglia Regeni a Il Cairo. Ma l'inchiesta principale, sulla tortura e morte del ricercatore, ancora in alto mare. L'Egitto non collabora
Ucciso Kevin Fret, il primo trapper gay
Ucciso Kevin Fret, il primo trapper gay
È stato freddato mentre era alla guida della sua moto. Il suo desiderio era aprire la scena musicale che conta agli artisti della comunità omosessuale di Porto Rico
Snow board proibito, morto 24enne
Snow board proibito, morto 24enne
La vittima, Julian Impagliazzo di Scandicci ha sbagliato un salto ed è volato per 20 metri in una scarpata. Illeso l'amico. La zona era vietata, inutili i soccorsi.
L'assassino di Desirée chiede nuovo processo
L
Giovanni Erra fu condannato a 30 anni per avere ucciso, assieme a tre minori, una ragazzina di 14 anni a Leno. Ora pretende si cerchi "un'altra verità". La famiglia: "Sconti la sua sua pena e faccia i conti la sua coscienza"
È morto Fernando Aiuti
È morto Fernando Aiuti
L’immunologo, 83 anni, si è battuto per tutta la vita contro i pregiudizi verso i malati di Aids. Celebre il bacio ad una donna sieropositiva. La Procura indaga per possibile suicidio