Una processione di Harley Davidson per l'ultimo abbraccio a Laura ed Edo

| Chiesa affollata a Mondovė, un raduno di bikers come sarebbe piaciuto a loro. Sabato lo schianto davanti alla stazione di Carrų, i due biker provenivano dal raduno Faaker

+ Miei preferiti
Sembra quasi incredibile, ma i funerali di Edo e Laura nella chiesa del Ferrone a Mondovì avevano quasi un'aria di una strana festa, con il rombo di decine di moto a riempire la piazza, come in uno dei tanti raduni a cui avevano partecipato con immensa passione. La chiesa affollata, tanti amici stretti ai familiari della coppia di biker che, ricorda Bruno Bongiovanni, presidente di Alba Chaptter ha voluto ricordare così: "Mi chiedono come è avvenuto l'incidente, è colpa della sfortuna, rispondo, erano a 10 km da casa...". Solo chi ama le moto può capire il senso di queste poche parole lontane dalla retorica. 
"Lasciate un vuoto incolmabile"....così i familiari di Edo e Laura hanno scritto su Fb, mentre centinaia di post, da tutta Italia, hanno commentato, sul sito di Alba Chapter, la scomparsa dei due biker monregalesi. Qualcuno ha ricordato un post in cui Edo aveva scritto:"Si ho sognato l'Harley tutta la vita e finalmente sono riuscito a realizzare il mio sogno. Un mondo bellissimo, spero di cavalcarla ancora per un po'..... anche se il tempo stringe !!" E Laura:  "Speriamo di incontrarci ancora. Buona strada e un abbraccio" Ora quell'abbraccio vorrei potervelo dare davvero...più forte che mai...
Siete andati via insieme Laura ed Edo, che la terra vi sia lieve, proteggeteci da lassù...". 

Da Alba Chapter Harley-Davidson
Che questo viaggio sia il più sereno e gioioso che possiate fare. Con grande sconcerto e rammarico ci stringiamo al dolore dei Familiari, dei Figli, dei Nipotini (di cui eravate tanto fieri) e di tutti i vostri Cari, Noi Vi abbiamo conosciuto in questa Seconda Giovinezza, quella data da un'Harley, da tanta voglia di viaggiare e da tanti amici sparsi per l'Italia; quella data dalla grande Famiglia H.O.G..
Vi eravate trovati così bene ed in così poco tempo, che ad ogni raduno si parlava già del successivo! I vostri sorrisi e la vostra voglia di condividere qualsiasi momento insieme, vi hanno portato a centinaia e centinaia di km lontano da casa, ma a voi non pesava il viaggio, eravate affascinati da questo mondo fatto di regole semplici e tanto divertimento. 
Ci mancherete, purtroppo è in istanti come questi che ti rendi conto di come il succedersi degli eventi possa segnare per sempre la tua vita, mentre provo a scrivere il giusto encomio in mente ho solo i vostri sorrisi, perchè è cosi che vi ho sempre visti ed è così che vi ricorderò per sempre!


"Saluti a tutti dal Faaker, in questo posto incredibile, dove e' bello stare anche solo a guardare queste moto uniche è bellissime" 

...Ciao Edo, Ciao Laura, Tutto l'Alba Chapter vi saluta!!
----
Edoardo Terraneo, 67 anni e la moglie Laura Comino, 61, monregalesi, sono morti sabato in un incidente stradale avvenuto in uno dei tratti più pericolosi della fondovalle Tanaro, teatro di altri sinistri mortali, davanti alla stazione di Carrù. Tornavano dal raduno del Faaker in Austria, e dopo oltre 700 km di viaggio erano quasi a casa ma la sorte ha voluto che Edoardo perdesse il controllo della sua Harley-Davidson per schiantarsi poi contro un'auto. Sono morti sul colpo. Terraneo "Edo" era un motociclista prudente, di grande esperienza, con alle spalle migliaia e migliaia di km. Laura, biker, lo era diventata per amore. Chi non l'ha conosciuta ad uno dei tanti raduni a cui aveva partecipato, non può capire: allegra, comunicativa, con il suo giubbotto pieno di patch, perfettamente equipaggiata ma con le bandane colorate o a fiori, così lontana da uno stile aggressivo o malamente copiato da certi luoghi comuni dei club motociclistici. Due veri biker. L'incidente, dalla dinamica semplice, ha il sapore di una triste imprevedibile fatalità. Lo ha ricordato il presidente di Alba Chapter, Bruno Bongiovanni, con un post, seguito da decine di commenti, sul sito Facebook.
Condoglianze alla Famiglia Terraneo anche dalla Redazione Motori di ItaliaStar

 


Cronaca
"Piangeva troppo, l'ho picchiata"
"Piangeva troppo, l
Si sono aggravate le condizioni della piccola aggredita con inaudita violenza dal compagno della madre, ora in carcere per tentato omicidio. "Ho perso la testa", ha detto alla polizia. Sul corpo lividi, graffi, persino morsi
"Olindo e Rosa innocenti, assassini liberi"
"Olindo e Rosa innocenti, assassini liberi"
Il tunisino Azouz Marzouk, marito, padre e genero di tre vittime della strage di Erba, insiste. Pensa che i killer siano da cercare "in un altro contesto". Ma le prove raccolte dagli investigatori inchiodano la coppia diabolica
Bossi grave ma non in pericolo di vita
Bossi grave ma non in pericolo di vita
Trasportato con un elicottero nell'ospedale di Circolo č tuttora in terapia intensiva. Era nella sua casa di Gemonio ed č caduto, ferendosi lievemente. Crisi epilettica. Oggi nuovo bollettino medico
Cucchi, indagato il colonnello Sabatino
Cucchi, indagato il colonnello Sabatino
L'ufficiale non avrebbe trasmesso alla procura tutte le carte. "Sono stato ingannato", si č difeso. Ora č il comandante provinciale di Messina
La catechista killer resta in carcere
La catechista killer resta in carcere
Respinto il ricorso di Chiara Alessandri, 44 anni, che ha ucciso a martellate, il 17 gennaio, Stefania Crotti. Voleva i domiciliari per assistere i tre figli
Tenevano i figli in gabbia, arrestati
Tenevano i figli in gabbia, arrestati
Una coppia texana in carcere per maltrattamenti, bambini scoperti in stato di denutrizione chiusi in un capannone, in condizioni igieniche indescrivibili
Guardate il volto del poliziotto ferito
Guardate il volto del poliziotto ferito
Un marocchino ha aggredito un agente massacrandolo di botte in seguito a un controllo. "Non importa, tornerō a lavorare con lo stesso impegno di prima"
"Sono un prigioniero politico, nulla di cui pentirmi"
"Sono un prigioniero politico, nulla di cui pentirmi"
Bill Cosby, 81 anni, l'ex America's Dad, in carcere per abusi sessuali si paragona a Martin Luther King e al Mahatma Gandhi: "Mi colpiscono per le mie idee politiche. Le donne che mi accusano? Mentono". Non č pių in isolamento
Fa a pezzi il suo bimbo, i resti nella borsetta
Fa a pezzi il suo bimbo, i resti nella borsetta
In carcere la madre 24enne di Daniel. "Piangeva e non mi dava ascolto, l'ho colpito ed č morto, volevo nascondere il corpo, č stato un incidente, nessuno mi avrebbe creduto". La casa dell'orrore. Famiglia in apparenza normale e serena
Pamela, i genitori sfidano il killer
Pamela, i genitori sfidano il killer
"L'ho guardato negli occhi...". L'assassino in aula per la prima udienza del processo per il delitto di Macerata. La giovane fu uccisa, il corpo fatto a pezzi e infilato in due valigie, poi abbandonate in un bosco