Vallette, guerra straordinari finisce in procura

| Prima segnalazione, nei guai un commissario con precedenti giudiziari per corruzione. Indagini per verificare se si tratti di episodi isolati o no. Adesso il funzionario avrebbe utilizzato ore di lavoro per fini personali

+ Miei preferiti
Forse il caso non è isolato, ma intanto il riflettore s'è acceso sulle richieste di lavoro straordinario nelle pubbliche amministrazioni. Si parte dal carcere delle Vallette ma risultano già molti epsiodi al vaglio delle amministrazioni.  Il vice comandante della polizia penitenziaria delle Vallette, M. C., sarebbe infatti nei guai per via di alcune ore extra di utilizzate per fatti non collegati al suo lavoro. Il caso è stato segnalato nei giorni scorsi in Procura a Torino e adesso sono in corso ulteriori accertamenti per capire se si tratti di un episodio isolato o di un’abitudine consolidata nel tempo. Lo stesso soggetto, nel 1998, quando era ispettore della polizia penitenziaria sempre alle Vallette, era già rimasto coinvolto in una vicenda dai contorni spiacevoli. Si occupava di gestire lo spaccio ed era finito agli arresti domiciliari per tre mesi perché prendeva una percentuale dai fornitori, il 5 per cento. Una gabella che poteva essere in denaro o in merce, con cadenza trimestrale. Pena la rescissione del contratto.
I fatti attuali risalgono a fine novembre dello scorso anno, quando era ancora alle Vallette, e riguardano delle ore di straordinario segnate senza motivo. Sull’accaduto è già stato redatto un rapporto dettagliato che è stato trasmesso al direttore del carcere per avviare un procedimento disciplinare. “Per aver effettuato lavoro straordinario – si legge nella nota – oltre il proprio orario, non giustificato da alcuna esigenza di servizio, né da preventiva autorizzazione”. Il direttore ha poi inoltrato a fine dicembre la relazione al dipartimento dell’amministrazione penitenziaria (Dap) a Roma. La vicenda è nata nell’ambito di una serie di accertamenti sugli straordinari eseguiti dal personale della polizia penitenziaria. E il caso è stato segnalato in procura a Torino. Le ipotesi di reato che si ravvisano sono tentata truffa e falso. Già in precedenza il commissario capo M. C. era stato rimosso nel novembre 2016 dall’incarico di coordinatore del Nucleo Traduzioni e Piantonamenti di Torino. E anche in quell’occasione era stata accertata, nell’ambito di un’indagine del provveditore regionale, una cattiva gestione per disparità di trattamento circa i turni e lo straordinario dei suoi sottoposti.
 

Cronaca
Taxista (illegale) e sfruttatore
Arrestato a Cervia romeno 30enne che aveva tra i suoi clienti solo prostitute e transex. Servizio completo: da casa al litorale e ritorno. Costo 20 euro
Italiani, 20 milioni in vacanza
Italiani, 20 milioni in vacanza
Ma l'88 per cento resta a casa. I dati della Coldiretti: "Offriamo ai vacanzieri il primato dell'agricoltura più green d'Europa
Salvo il bimbo ferito dai killer
Salvo il bimbo ferito dai killer
Colpito dalla pioggia di pallettoni usati per uccidere un pregiudicato in una campagna di Gioia Tauro. Sarà operato a un braccio ma è fuori pericolo
Qui! Group, un debito da 156 milioni di euro
Qui! Group, un debito da 156 milioni di euro
Accertato il monte dei debiti contratti con 23 istituti bancari, 82 milioni sono a scadenza breve. Restituiti in Piemonte 30 mila tagliandi gialli alle amministrazioni pubbliche. Nel mirino di Bankitalia
"Se non va con Ferrari, c'è il Pavarotti..."
"Se non va con Ferrari, c
Pesanti condanne a Modena per una gang decisa a impadronirsi delle salme di Pavarotti e Ferrari per chiedere poi il riscatto ai familiari. Sopralluoghi, intercettazioni e precedenti
40 anni di galera per la morte di Kylen
40 anni di galera per la morte di Kylen
Si è concluso il processo a carico di una mamma che due anni fa uccise il figlio di due anni perché aveva fatto la pipì a letto. Per la corte un delitto efferato e orribile
Baldini difende i Casamonica: indagato
Baldini difende i Casamonica: indagato
Il popolare dj era stato inserito tra le vittime di un clan di usurai legati alla famiglia Casamonica. Ma lui nega: "Mi prestarono soldi, li ho restituiti senza interessi". Indagato per false comunicazioni al pm
Il ragno violino? Può essere letale
Il ragno violino? Può essere letale
Drammatico racconto di una donna morsa dal temibile ragno diffuso in tutta Italia. Danni alla salute e guarigione lenta. La scheda di un aracnide che attacca solo se spaventato e che può annidarsi tra le lenzuola
Qui Group, angosciante crisi finale
Qui Group, angosciante crisi finale
In fila per i rimborsi fermi da mesi, a Genova i carabinieri per riportare la calma. Danneggiati i dipendenti della pubblica amministrazione. Tagliandi restituiti a migliaia in Piemonte. In pericolo 250 posti di lavoro
Disability day, un parco davvero per tutti
Disability day, un parco davvero per tutti
Attrezzature, giochi e accessi nei parchi pubblici devono essere inclusivi per tutti e non solo per i disabili. Disability Pride Onlus e Anmil: "Sensibilizzare i cittadini". Iniziative a New York, Brighton e Roma