Vallette, guerra straordinari finisce in procura

| Prima segnalazione, nei guai un commissario con precedenti giudiziari per corruzione. Indagini per verificare se si tratti di episodi isolati o no. Adesso il funzionario avrebbe utilizzato ore di lavoro per fini personali

+ Miei preferiti
Forse il caso non è isolato, ma intanto il riflettore s'è acceso sulle richieste di lavoro straordinario nelle pubbliche amministrazioni. Si parte dal carcere delle Vallette ma risultano già molti epsiodi al vaglio delle amministrazioni.  Il vice comandante della polizia penitenziaria delle Vallette, M. C., sarebbe infatti nei guai per via di alcune ore extra di utilizzate per fatti non collegati al suo lavoro. Il caso è stato segnalato nei giorni scorsi in Procura a Torino e adesso sono in corso ulteriori accertamenti per capire se si tratti di un episodio isolato o di un’abitudine consolidata nel tempo. Lo stesso soggetto, nel 1998, quando era ispettore della polizia penitenziaria sempre alle Vallette, era già rimasto coinvolto in una vicenda dai contorni spiacevoli. Si occupava di gestire lo spaccio ed era finito agli arresti domiciliari per tre mesi perché prendeva una percentuale dai fornitori, il 5 per cento. Una gabella che poteva essere in denaro o in merce, con cadenza trimestrale. Pena la rescissione del contratto.
I fatti attuali risalgono a fine novembre dello scorso anno, quando era ancora alle Vallette, e riguardano delle ore di straordinario segnate senza motivo. Sull’accaduto è già stato redatto un rapporto dettagliato che è stato trasmesso al direttore del carcere per avviare un procedimento disciplinare. “Per aver effettuato lavoro straordinario – si legge nella nota – oltre il proprio orario, non giustificato da alcuna esigenza di servizio, né da preventiva autorizzazione”. Il direttore ha poi inoltrato a fine dicembre la relazione al dipartimento dell’amministrazione penitenziaria (Dap) a Roma. La vicenda è nata nell’ambito di una serie di accertamenti sugli straordinari eseguiti dal personale della polizia penitenziaria. E il caso è stato segnalato in procura a Torino. Le ipotesi di reato che si ravvisano sono tentata truffa e falso. Già in precedenza il commissario capo M. C. era stato rimosso nel novembre 2016 dall’incarico di coordinatore del Nucleo Traduzioni e Piantonamenti di Torino. E anche in quell’occasione era stata accertata, nell’ambito di un’indagine del provveditore regionale, una cattiva gestione per disparità di trattamento circa i turni e lo straordinario dei suoi sottoposti.
 

Cronaca
È finito l’incubo di Utrecht
È finito l’incubo di Utrecht
Arrestato l’attentatore, si sgonfia l’ipotesi della vendetta terroristica alla strage in Nuova Zelanda. Il 37enne di origine turca conosciuto in zona per problemi di instabilità
Il caso di Ilaria Alpi verso l’archiviazione
Il caso di Ilaria Alpi verso l’archiviazione
Per la seconda volta, la procura di Roma ha richiesto al gip l’archiviazione dell’inchiesta per mancanza di nuovi elementi. Di tutt’altro parere gli avvocati della famiglia Alpi
“Nuovi elementi
per riaprire il processo Bossetti”
“Nuovi elementi<br>per riaprire il processo Bossetti”
Ezio Denti, consulente investigativo della difesa del muratore di Mapello condannato all’ergastolo per la morte di Yara Gambirasio, racconta di avere in mano nuovi elementi “molto forti”
Come è morta Imane?
Come è morta Imane?
Soltanto l’autopsia potrà svelare come è morta la modella 34enne, test chiave del processo Ruby Ter. Non ancora del tutto chiarita la presenza o meno di sostanze radioattive nel sangue
Caso Sarti, il video hot è una squallida fake
Caso Sarti, il video hot è una squallida fake
Solidarietà totale alla parlamentare grillina (al di là delle idee politiche), vittima di una campagna diffamatoria di rara violenza e volgarità. Nel video porno c'è una donna tatuata e con una voce totalmente diversa
Ikea furti e ricettazione, 10 licenziati
Ikea furti e ricettazione, 10 licenziati
Accade a Corsico, i dipendenti avrebbe venduto a parenti e amici mobili e altro cambiando i codici a barre con il prezzo di bottiglie d'acqua e oggetti di scarso valore. Provvedimenti disciplinari per altri 22
Gli otto italiani vittime del volo ET302
Gli otto italiani vittime del volo ET302
Sono soprattutto volontari di Ong, i nostri connazionali morti nel tragico schianto di questa mattina. Istituita una commissione d’inchiesta, le famiglie avvisate dalla Ethiopian Airlines
Abusi sessuali su minori, in cella anche la madre
Abusi sessuali su minori, in cella anche la madre
Quattro bambini disabili sono stati abusati dalla madre, con la complicità del compagno e di un pregiudicato. vivono in condizioni di degrado indescribivibili. Ora sono stati affidati a una casa.famiglia
"Accertate se Cagnoni è sano di mente"
"Accertate se Cagnoni è sano di mente"
La difesa del dermatologo Ravenna condannato all'ergastolo in promo grado per avere ucciso la moglie Giulia Balestri punta a una perizio peoschiatrica prima dell'appello. Ma sostengono anche la sua innocenza
Pamela sezionata da viva
Pamela sezionata da viva
Orrore in Corte d'Assise, l'ex compagno di cella di Innocent Oseghale rivela le confidenze del nigeriano. "Mentre tagliava una gamba lei si lamentava e le diede una seconda coltellata". Violentata e fatta a pezzi