Venaria: dal caro estinto all'estinto carissimo

| Il paradosso di una città che ha esaurito i loculi cimiteriali a disposizione dei cittadini: ora morire costerà molto di più

+ Miei preferiti
Nell'agosto del 2015, il sindaco del Comune di Sellia, 505 abitanti in provincia di Catanzaro, aveva emesso un curioso divieto alla cittadinanza: "Occupatevi della vostra salute con più attenzione, perché è fatto divieto di morire".

Una provocazione, certo, che a breve potrebbe essere adottata anche da Venaria, città dell'hinterland torinese che di abitanti ne conta molti di più - 32.200 - con conseguente difficoltà a non sgarrare da parte di chi è ligio al dovere e ce la mette proprio tutta, ma quando il destino chiama è costretto a passare a miglior vita, alla faccia dell'ordinanza.

E se a Sellia i motivi si concentravano più che altro sullo spopolamento del paese, con la conseguenza di lasciare sul posto solo gli ultrasessantacinquenni, a Venaria la faccenda assume note e sfumature diverse: meglio non morire perché non sapremmo dove conservare le vostre spoglie.

Un paradosso che Salvatore Ippolito, capogruppo del Gruppo Misto di Minoranza in Comune e Valter Perin, presidente del Comitato Salvaguardia dei Defunti, avevano denunciato più di un anno fa, invitando il sindaco Cinquestelle Roberto Falcone a prendere provvedimenti.

"I loculi a disposizione sono zero, esauriti: una mancanza che costringerà i venariesi a vagabondare nei centri limitrofi alla disperata ricerca di un loculo libero, per di più dovendo sopportare costi pari al doppio del valore, compresi fra 9 e 10.000 euro".

Invece, si è arrivati puntuali al "tutto esaurito", ipotesi minacciata due anni fa dall'Ufficio Cimiteriale, che confrontando semplicemente i posti liberi con il tasso di mortalità cittadini, era perfino riuscito a ipotizzare una data limite. Erano seguite interrogazioni e solleciti, visto che realizzare un nuovo lotto richiede fra i tre ed i quattro anni. Fino ad allora, tutti in gamba: è un ordine.

Cronaca
Il medico aggredì l'amante della moglie: processo
Il medico aggredì l
Torna in aula Matteo Cagnoni, il dermatologo dei Vip. Nel 2016 aveva ucciso la moglie Giulia Ballestri. Aveva aggredito prima del delitto il suo nuovo compagno. Nei guai anche Bossetti e Buoninconti
Londra violenta: ucciso un 15enne
Londra violenta: ucciso un 15enne
Nel giro di una settimana cinque aggressioni mortali, di cui la maggior parte verso adolescenti. Nella capitale inglese infuria una sanguinosa guerra fra gang, e la città chiede più controlli sulle strade
Targhe estere, Toninelli va all'attacco
Targhe estere, Toninelli va all
Con "Basta con i furbi", il ministro grillino vieta a chi risiede in Italia da più di 60 giorni di circolare con veicoli targati all'estero. "Finito il gioco di non pagare assicurazione e bollo in Italia"
Orrore nei lager, ex SS piange
Orrore nei lager, ex SS piange
Il 94enne Johann R., ex guardia SS nel lager di Stutthof, si è commosso di fronte alle testimonianza dei superstiti. E' sotto processo nel tribunale dei minori perché nel '44 aveva 18 anni
“Pagherei qualsiasi cifra per riabbracciarti”
“Pagherei qualsiasi cifra per riabbracciarti”
Antonio Cicchelli, fratello dell’avvocato torinese ucciso in Brasile dalla convivente, affida a FB poche righe struggenti. Sarà lui a riportare i resti del fratello in Italia
"Devi diventare una testimone di Geova"
"Devi diventare una testimone di Geova"
Marito allontanato dalla famiglia perché picchiava la consorte restia ad abbracciare la sua religione
Immigrati, sbarchi in calo del 92 per cento
Immigrati, sbarchi in calo del 92 per cento
Soddisfatto Salvini: "Gli altri parlano, noi facciamo". Calo anche delle richieste d'asilo. Crollo degli sbarchi di profughi
"Voglio tornare nel carcere di Ravenna"
"Voglio tornare nel carcere di Ravenna"
Matteo Cagnoni, detenuto a Bologna dopo la condanna per uxoricidio, ha presentato istanza per il trasferimento nella città natale. E' "in forte stato depressivo"
Gara col tempo per salvare i puledri
Gara col tempo per salvare i puledri
Accade a Ostellato, Ferrara. I cavalli sono stati abbandonati da tempo in un maneggio fallito. Tra i volontari Nicole Berlusconi
Il giorno di El Chapo
Il giorno di El Chapo
Inizia a New York, fra immense misure di sicurezza, il processo al “più grande narcoboss del mondo”, come si era definito lui stesso poco prima di essere catturato. Sul suo capo una sfilza infinita di capi d’accusa