"Wetaxi", il taxi sharing sbarca a Torino

| Spinoff del Politecnico di Torino nata coinvolgendo le due storiche cooperative torinesi: permette di ridurre i costi e pensare alla sostenibilità ambientale

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

Come fronteggiare l'ascesa inarrestabile di Uber? La risposta è partita qualche mese fa da New York, dove la "app" che ha aperto il trasporto automobilistico ai privati, ha fatto crollare drasticamente le corse dei celebri taxi gialli. La soluzione, che sembra mettere d'accordo la categoria e i portafogli della clientela, è quella dello sharing, concetto di condivisione che va per la maggiore.

Un'idea piaciuta anche in Italia (Palermo, fra le prime città ad adottarla) da poche ore sbarcata anche a Torino. L'iniziativa, chiamata "Wetaxi", si basa anch'essa su un'application che consente di prenotare e condividere il taxi in tempo reale. Wetaxi è una giovane e rampante startup nata due anni fa da un'idea di ricercatori e professori del Politecnico di Torino e resa possibile attraverso una collaborazione con "Taxi Torino", società nata dalla fusione delle due storiche cooperative cittadine, Radio Taxi 5730 e Pronto Taxi 5737, che dispongono di una delle più grandi flotte italiane, composta da 1.400 vetture, di cui 200 ibride.

Un modo concreto, sottolineano i responsabili della start up, per puntare ad una riduzione dell'impatto ambientale e rendere il servizio di trasporto più trasparente ed economico. La piattaforma consente il calcolo anticipato della tariffa, la prenotazione e perfino il pagamento, che a scelta può essere effettuato anche a bordo, con una campagna di lancio che fino alla fine di giugno prevede tariffe scontate del 40%, con un massimo di 5 euro di sconto.

"Finalmente un servizio di mobilità condiviso, fornito da personale specializzato, che offrirà una nuova alternativa ai torinesi, soprattutto i più giovani, per spostarsi in città", ha commentato Maria Lapietra, assessora alla viabilità e trasporti della Città di Torino.

Cronaca
Mostro o ex? Lo strano caso Brega-Massone
Mostro o ex? Lo strano caso Brega-Massone
Dall’ergastolo del primo grado ai 15 anni che chiudono il processo bis a carico di Pier Paolo Brega Massone: per i giudici si è trattato di omicidi preterintenzionali
La vita spericolata di Rossi junior
La vita spericolata di Rossi junior
Processo a gennaio per il figlio di Vasco. Alla guida di un'Audi aveva saltato uno stop investendo una Panda con due ragazze a bordo. Poi se n'era andato. Nei guai anche l'amico che voleva sostituirsi a lui
Prete molestatore, la curia lo sospende
Prete molestatore, la curia lo sospende
Scandalo a Gorizia, il sacerdote avrebbe molestato sessualmente una donna in difficoltà. Smascherato dalle Iene
Raffica di condanne per la morte di Hélène Pastor
Raffica di condanne per la morte di Hélène Pastor
La ricchissima ereditiera monegasca fu assassinata quattro anni fa davanti ad un ospedale di Nizza. Le indagini hanno permesso di risalire a tutti i componenti del piano, condannati con pene pesanti dal tribunale
Emilia, scoperto arsenale partigiano
Emilia, scoperto arsenale partigiano
Armi paracadutate durante la guerra civile, conservate in un tubo di cemento poi sepolto in un campo. Sono intervenuti gli artificieri
Coppia investita da gommone-pirata
Coppia investita da gommone-pirata
Erano a bordo di un gozzo a motore quando sono stati investiti da un gommone con tre persone a bordo che, invece di soccorrere i feriti, uno grave, sono fuggiti. Le indagini della Capitaneria. E' accaduto a Posillipo
"Conteso tra moglie e amante
avevo scelto la famiglia"
"Conteso tra moglie e amante<br>avevo scelto la famiglia"
Fabrizio Pasini abbandona la prima versione e spiega perché ha ucciso Manuela Bailo: "Mia moglie mi telefonava, lei urlava, ho perso la testa". Un femminicidio da manuale. Ma l'assassino mente ancora
Modena, forse è un serial killer
Modena, forse è un serial killer
I carabinieri riaprono il fascicolo di una 75enne uccisa a bastonate in un parco, confronto con il Dna di Raffaele Esposito, in cella per avere ucciso una prostituta
Bossetti, ergastolo definitivo
Bossetti, ergastolo definitivo
Il procuratore: "L'ha lasciata morire da sola". Gli avvocati: "Negato un secondo esame del Dna, processo viziato dai media". Il muratore uccise Yara il 26 febbraio 2011. La Cassazione conferma le condanne di 1 e 2 grado
Scontri Val Susa: 30 anni ai No tav
Scontri Val Susa: 30 anni ai No tav
Pene quasi dimezzate rispetto alle richieste del pm: 20 mesi a Nicoletta Dosio. Fuori dal tribunale un presidio, all’interno anche la consigliera regionale M5S Frediani