All'asta la lettera d'addio di Baudelaire

| Poco prima di tentare il suicidio, a soli 24 anni, l’autore de “I fiori del male” aveva scritto una lettera d’addio all’amante. Una vera chicca per i collezionisti

+ Miei preferiti
Il 30 giugno 1845, il poeta Charles Baudelaire, ai tempi 24enne, tenta il suicidio accoltellandosi al petto. Pressato dai debiti e minato da una condizione psicologica precaria, l’autore di “Les Fleurs du Mal” scrive una lettera d’addio alla compagna e musa Jeanne Duval.

“Mi sto togliendo la vita perché non posso più vivere o sopportare il peso di addormentarmi e risvegliarmi di nuovo. Quando riceverai questa lettera sarò morto”, chiudeva così la sua missiva il poeta parigino, considerato uno dei più importanti intellettuali del XIX secolo, esponente del simbolismo e anticipatore del decadentismo. In realtà, Baudelaire finirà soltanto per ferirsi in modo lieve, vivendo ancora per 22 anni, quando la sifilide e un ictus se lo portano via a 46 anni, nel 1867.

Ma quella resta una lettera dai toni drammatici che per lungo tempo è stata il pezzo forte di una collezione privata, venduta all’asta qualche giorno fa a Parigi per 234mila euro, esattamente il doppio del prezzo di partenza.

Prima della celebrità per le sue opere, Baudelaire era un dandy molto conosciuto negli ambienti parigini: nel giro di pochi anni aveva dilapidato il patrimonio del padre ed era stato interdetto dalla madre. La sua opera più celebre, la raccolta di poesie “I fiori del male”, esce nel 1845 e fa scandalo perché affronta temi scomodi come sesso, morte, corruzione, lesbismo e depressione. Processato per “offesa alla morale pubblica e il buon costume”, nel 1949 la Corte di Cassazione francese ne riabilita le opere e la memoria.

Charles Baudelaire, riposa insieme ai genitori nella tomba di famiglia, nel cimitero di Montparnasse, a Parigi.

Cultura
Scrittori emergenti, la mafia dei social
Scrittori emergenti, la mafia dei social
INCHIESTA Per entrare nei gruppi regole ferree. Gli amministratori distruggono o esaltano gli autori. Ma con quale criterio? Una giungla feroce e crudele con l'ombra pesante di speculazioni editoriali
Il cerchio magico delle donne
Il cerchio magico delle donne
Nel libro di Elena Grilli, analisi anche crudele del complesso rapporto che si instaura fra le donne, tra invidie, cattiveria ma anche una solidarietà, un calore e una complicità che nasce dall'istinto
Uomo contro donna, l'amore vince la violenza
Uomo contro donna, l
Nel romanzo "Parlami di lei" (edizioni Convalle), Francesco Lisa si addentra in un tema controverso e delicato, la violenza di un uomo su una donna, sullo sfondo il coro di un contesto familiare solo in apparenza sereno
Gli uomini italiani preferiscono le romene
Gli uomini italiani preferiscono le romene
Aumentano i matrimoni tra italiani e straniere, il 20 per cento con spose romene, seguono ucraine e russe. Parla una manager, Felicia Biliboc
Audrey Hepburn, una star in prima linea
Audrey Hepburn, una star in prima linea
Prima di diventare una delle più grandi icone del cinema, l’attrice di origini europee aveva collaborato con la Resistenza olandese in lotta contro il nazismo. Un libro in uscita racconta il suo impegno
Un sogno può lenire lo stupro
Un sogno può lenire lo stupro
Tema tragico e attuale nel romanzo di Daisy Franchetto, "Dodici porte, Io sono Lunar" (ed. Dark Zone). Storia di Luna, dopo le violenze un viaggio nel tempo per ricostruire l'identità ferita e umiliata
Lo sguardo di un cane e l'immortalità dell'anima
Lo sguardo di un cane e l
"Cani in posa, dall'antichità ad oggi" in mostra da sabato 20 ottobre nella Reggia di Venaria. Ideatore il principe Fulco Ruffo di Calabria. Dai cuccioli morti a Pompei ai miti di Disney, da Pippo e Pluto. E la Pimpa di Altan
Figli dello stesso fango, sballo mortale
Figli dello stesso fango, sballo mortale
Il romanzo di Daniele Amitrano (ed. 13lab) racconta il mondo della droga, in ogni suo aspetto. I danni alla salute per chi fa uso di stupefacenti e gli incidenti del sabato sera
Tutti pazzi per le rievocazioni storiche
Tutti pazzi per le rievocazioni storiche
Scoppia la febbre delle feste in costume presso prestigiose residenze reali. Intanto i gruppi storici faticano a sopravvivere, come nel caso emblematico di Venaria Reale
Torino, se la cultura è accessibile a tutti
Torino, se la cultura è accessibile a tutti
Forum il 16 e il 17 ottobre nell'Aula Magna della Cavallerizza Reale, con rappresentanti delle metropoli di tutti il mondo, da Montreal a Copenaghen. Al centro la libertà di muoversi e di rinnovarsi