All'asta la lettera d'addio di Baudelaire

| Poco prima di tentare il suicidio, a soli 24 anni, l’autore de “I fiori del male” aveva scritto una lettera d’addio all’amante. Una vera chicca per i collezionisti

+ Miei preferiti
Il 30 giugno 1845, il poeta Charles Baudelaire, ai tempi 24enne, tenta il suicidio accoltellandosi al petto. Pressato dai debiti e minato da una condizione psicologica precaria, l’autore di “Les Fleurs du Mal” scrive una lettera d’addio alla compagna e musa Jeanne Duval.

“Mi sto togliendo la vita perché non posso più vivere o sopportare il peso di addormentarmi e risvegliarmi di nuovo. Quando riceverai questa lettera sarò morto”, chiudeva così la sua missiva il poeta parigino, considerato uno dei più importanti intellettuali del XIX secolo, esponente del simbolismo e anticipatore del decadentismo. In realtà, Baudelaire finirà soltanto per ferirsi in modo lieve, vivendo ancora per 22 anni, quando la sifilide e un ictus se lo portano via a 46 anni, nel 1867.

Ma quella resta una lettera dai toni drammatici che per lungo tempo è stata il pezzo forte di una collezione privata, venduta all’asta qualche giorno fa a Parigi per 234mila euro, esattamente il doppio del prezzo di partenza.

Prima della celebrità per le sue opere, Baudelaire era un dandy molto conosciuto negli ambienti parigini: nel giro di pochi anni aveva dilapidato il patrimonio del padre ed era stato interdetto dalla madre. La sua opera più celebre, la raccolta di poesie “I fiori del male”, esce nel 1845 e fa scandalo perché affronta temi scomodi come sesso, morte, corruzione, lesbismo e depressione. Processato per “offesa alla morale pubblica e il buon costume”, nel 1949 la Corte di Cassazione francese ne riabilita le opere e la memoria.

Charles Baudelaire, riposa insieme ai genitori nella tomba di famiglia, nel cimitero di Montparnasse, a Parigi.

Cultura
La Casa delle Arti, nel cuore di Torino
La Casa delle Arti, nel cuore di Torino
Un nuovo polo culturale nel Borgo Medievale del Valentino dedicato ad Alfonso d'Andrade, fondato da due operatori ambizioni e combattivi, Enrica Merlo e Max Ponte. Il progetto e le idee
L'Italia è ancora (molto) omofoba
L
Nel romanzo "Un'altra metà" di Streusa si racconta come l'omofobia ancora si manifesta nella società e come combatterla in modo coraggioso, aperto e senza pregiudizi
Prima lo stalker s'innamora e poi odia
Prima lo stalker s
Nel romanzo "La rete" di Elisa Giobbi (ed. Stampa Alternativa) una storia drammatica che si ispira al diffuso fenomeno dello stalking. Tra condanne, immeritato perdono e continui cambi di scena
Follia è non avere paura
Follia è non avere paura
"Words" di Alessandro Gatta è un viaggio nell'autocoscienza, ma davvero senza filtri o limiti. La voce e la parola, gli artisti scelti come compagni di vita. Felici o infelici, il costo è sempre alto. Ma entusiasmante
Una donna libera (anche) in Marocco
Una donna libera (anche) in Marocco
La scrittrice marocchina Ilham Belfakir, nel romanzo "I miei perché" (Il Mulino Onlus Editore) racconta la vita di Zina che lotta faticosamente e con rabbia, come tante altre donne arabe, per libertà e tolleranza
Come insegnare ai bambini a difendersi dai pedofili
Come insegnare ai bambini a difendersi dai pedofili
La scrittrice e psicologa Anna Caiati ha scritto una fiaba su un tema delicato e controverso, titolo "Meglio così" (ed Il Temperino Rosso", in cui mette in guardia i bambini dai pedofili
Scrittori emergenti, la mafia dei social
Scrittori emergenti, la mafia dei social
INCHIESTA Per entrare nei gruppi regole ferree. Gli amministratori distruggono o esaltano gli autori. Ma con quale criterio? Una giungla feroce e crudele con l'ombra pesante di speculazioni editoriali
Il cerchio magico delle donne
Il cerchio magico delle donne
Nel libro di Elena Grilli, analisi anche crudele del complesso rapporto che si instaura fra le donne, tra invidie, cattiveria ma anche una solidarietà, un calore e una complicità che nasce dall'istinto
Uomo contro donna, l'amore vince la violenza
Uomo contro donna, l
Nel romanzo "Parlami di lei" (edizioni Convalle), Francesco Lisa si addentra in un tema controverso e delicato, la violenza di un uomo su una donna, sullo sfondo il coro di un contesto familiare solo in apparenza sereno
Gli uomini italiani preferiscono le romene
Gli uomini italiani preferiscono le romene
Aumentano i matrimoni tra italiani e straniere, il 20 per cento con spose romene, seguono ucraine e russe. Parla una manager, Felicia Biliboc