Bufera sul Nobel, quest’anno niente premi

| Non succedeva da 75 anni, ma questa volta c’è di mezzo uno scandalo che ha “minato la credibilità stessa dell’Accademia”, come ammette un comunicato ufficiale

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
La decisione era nell’aria da un po’, da quando lo scandalo sessuale che ha travolto la serissima “Svenska Akademien” invece di placarsi ha finito per sfiorare addirittura la casa reale svedese nella persona della principessa Victoria, l’erede al trono. Circostanza mai confermata dal palazzo reale, ma in qualche modo avvalorata dal sostegno pubblico al movimento #MeToo.

Di qui, la decisione diffusa attraverso un comunicato: l’assegnazione dei Nobel Prize 2018 non ci sarà. Tutto rimandato al prossimo anno, quando si assegneranno anche quelli del 2018. Una decisione sofferta ma inevitabile, visto che la reputazione dell’ente voluto nel 1786 da re Gustavo III ha fatto segnare i minimi storici di credibilità. Da quando è deflagrato in seguito alle denunce di 18 donne che accusano di molestie e violenze Jean-Claude Arnault, fotografo e marito di Katarina Frostenson, membro dell’Accademia di Svezia, lo “scandalo del Nobel” ha portato alle dimissioni di sei membri, rendendo di fatto difficile assegnare i premi fino a nuove nomine.

Una decisione di portata storica che non si ripeteva dai tempi della Seconda Guerra Mondiale, ma che ha comunque dei precedenti, più che altro legati a momenti di particolare tensione per l’Europa: era successo nel 1914, nel 1918, nel 1935 e per quattro anni consecutivi, dal 1940 al 1943.

Uno stop forzato che la Svenska Akademien ha intenzione di utilizzare rivoluzionando i meccanismi interni: massima trasparenza e grande attenzione ai conflitti di interesse, riferimento che ancora una volta porta verso il nome di Arnauld, accusato di ricevere finanziamenti per un circolo culturale dai contorni poco chiari.

La Fondazione Nobel, conclude il presidente del board Carl-Henrik Heldin, “si augura che l’Accademia svedese concentri tutti i suoi sforzi verso l’obiettivo di ripristinare la sua credibilità come istituzione che assegna premi”.

Cultura
Decapitò lo zio ma vince premio letterario
Decapitò lo zio ma vince premio letterario
Claudio Borgarelli è stato condannato a 30 anni, è un detenuto modello che s'è iscritto all'università. Nel 2016 aveva ucciso lo zio per un sentiero conteso nelle campagne genovesi. Il racconto rievoca il delitto
I grandi classici? Fotocopie
I grandi classici? Fotocopie
Secondo una teoria discussa e discutibile, esisterebbero soltanto sei tipi di trame che si ripetono pressoché all’infinito. Un algoritmo ha analizzato 1700 grandi romanzi, trovando un mare di ripetizioni
Becoming, le memorie di Michelle
Becoming, le memorie di Michelle
L’ex First Lady sta per dare alle stampa la sua autobiografia: ricordi, fatiche, delusioni e vittoria di una donna forte e tenace, che gli americani sognano di rivedere alla Casa Bianca, ma come presidente
Bimbi migranti, viaggio nell'inferno
Bimbi migranti, viaggio nell
Lucia De Marchi racconta nel libro "A piccoli passi" le drammatiche vicende dei bambini migranti in Occidente, 15 mila risultano scomparsi in Italia, lungo i percorsi gestiti dai racket
Ricco, senza scrupoli ma terribilmente pop
Ricco, senza scrupoli ma terribilmente pop
Il libro del vicedirettore del Tg1 Gennaro Sangiuliano presentato all'Unione Industriali apre squarci inediti sulla figura del controverso presidente Usa. L'ultima gaffe con francesi e inglesi: "Armatevi"
decimate da web e GD'>L'ecatombe delle librerie
decimate da web e GD
Ldecimate da web e GD' class='article_img2'>
Chiusure in serie in tutta Italia, a Torino cede la armi anche il "Mondo delle Meraviglie", libreria storica del centro. Le titolari: "La gente legge meno, grande distribuzione e vendite on line distruggono il settore"
Premiato il libro di Federici e Meluzzi
Premiato il libro di Federici e Meluzzi
Il "Se e il ma delle investigazioni" tra i primi tre a Cattolica. Editore Oligo
La storia di Kike, scrittore spazzino
La storia di Kike, scrittore spazzino
Ogni notte ripulisce le banchine della metropolitana di Buenos Aires, ma di giorno diventa uno scrittore di successo
L'uomo che tortura e uccide i bambini
L
Nel romanzo "Arrivederci all'inferno" ed. Eroscultura , Luciano Dal Pont descrive in modo crudo lo spaventoso percorso di un pedofilo che cattura le sue prede simulando la normalità. Come è accaduto a Maelys
Scrittori per hobby per i librai è "spazzatura"
Scrittori per hobby per i librai è "spazzatura"
EDITORIA PIRATA/2 Gli autori non professionisti si ribellano a un sistema che prende in considerazione solo pochi privilegiati. Tra i dilettanti potrebbe nascondersi un grande narratore ma nessuno lo saprà mai