Bufera sul Nobel, quest’anno niente premi

| Non succedeva da 75 anni, ma questa volta c’è di mezzo uno scandalo che ha “minato la credibilità stessa dell’Accademia”, come ammette un comunicato ufficiale

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
La decisione era nell’aria da un po’, da quando lo scandalo sessuale che ha travolto la serissima “Svenska Akademien” invece di placarsi ha finito per sfiorare addirittura la casa reale svedese nella persona della principessa Victoria, l’erede al trono. Circostanza mai confermata dal palazzo reale, ma in qualche modo avvalorata dal sostegno pubblico al movimento #MeToo.

Di qui, la decisione diffusa attraverso un comunicato: l’assegnazione dei Nobel Prize 2018 non ci sarà. Tutto rimandato al prossimo anno, quando si assegneranno anche quelli del 2018. Una decisione sofferta ma inevitabile, visto che la reputazione dell’ente voluto nel 1786 da re Gustavo III ha fatto segnare i minimi storici di credibilità. Da quando è deflagrato in seguito alle denunce di 18 donne che accusano di molestie e violenze Jean-Claude Arnault, fotografo e marito di Katarina Frostenson, membro dell’Accademia di Svezia, lo “scandalo del Nobel” ha portato alle dimissioni di sei membri, rendendo di fatto difficile assegnare i premi fino a nuove nomine.

Una decisione di portata storica che non si ripeteva dai tempi della Seconda Guerra Mondiale, ma che ha comunque dei precedenti, più che altro legati a momenti di particolare tensione per l’Europa: era successo nel 1914, nel 1918, nel 1935 e per quattro anni consecutivi, dal 1940 al 1943.

Uno stop forzato che la Svenska Akademien ha intenzione di utilizzare rivoluzionando i meccanismi interni: massima trasparenza e grande attenzione ai conflitti di interesse, riferimento che ancora una volta porta verso il nome di Arnauld, accusato di ricevere finanziamenti per un circolo culturale dai contorni poco chiari.

La Fondazione Nobel, conclude il presidente del board Carl-Henrik Heldin, “si augura che l’Accademia svedese concentri tutti i suoi sforzi verso l’obiettivo di ripristinare la sua credibilità come istituzione che assegna premi”.

Cultura
Lo sguardo di un cane e l'immortalità dell'anima
Lo sguardo di un cane e l
"Cani in posa, dall'antichità ad oggi" in mostra da sabato 20 ottobre nella Reggia di Venaria. Ideatore il principe Fulco Ruffo di Calabria. Dai cuccioli morti a Pompei ai miti di Disney, da Pippo e Pluto. E la Pimpa di Altan
Figli dello stesso fango, sballo mortale
Figli dello stesso fango, sballo mortale
Il romanzo di Daniele Amitrano (ed. 13lab) racconta il mondo della droga, in ogni suo aspetto. I danni alla saluta per chi fa uso di stupefacenti e gli incidenti del sabato sera
Tutti pazzi per le rievocazioni storiche
Tutti pazzi per le rievocazioni storiche
Scoppia la febbre delle feste in costume presso prestigiose residenze reali. Intanto i gruppi storici faticano a sopravvivere, come nel caso emblematico di Venaria Reale
Torino, se la cultura è accessibile a tutti
Torino, se la cultura è accessibile a tutti
Forum il 16 e il 17 ottobre nell'Aula Magna della Cavallerizza Reale, con rappresentanti delle metropoli di tutti il mondo, da Montreal a Copenaghen. Al centro la libertà di muoversi e di rinnovarsi
Menti Insolite fa tappa a Torino
Menti Insolite fa tappa a Torino
Fra i primi appuntamenti del nuovo ciclo di incontri dell’Unione Industriale, fa il pieno di pubblico la presentazione del volume scritto a sei mani da Fabio Federici, Alessandro Meluzzi e Massimo Numa
La ragazza del Sud sfida l''Ndrangheta
La ragazza del Sud sfida l
La vibonese Titti Preta, nel romanzo omonimo, traccia lo scenario e l'ambiente in cui è costretto a vivere chi mafioso non è. Tra contraddizioni, atti di silenzioso eroismo e una rivolta civile contro l'acquiescenza al crimine
L'Iran, la star del Salone del Libro, uccide sposa-bambina
L
Zeinab Sekaavand aveva 17 anni quando uccise il marito che aveva sposato quando ne aveva 15. Lo aveva denunciato alla polizia per le sevizie subite senza esito. Il Salone del Libro di Torino 2019 dedicato all'Iran. Ma è opportuno?
Il tumore si combatte ma senza facili illusioni
Il tumore si combatte ma senza facili illusioni
La storia di Sara, che ha affrontato una rara malattia scoprendo un altro mondo, quello dei malati dimenticati e isolati. Lo ha raccontato nel libro "Al di là della tempesta", ed. Gruppo Albatros Il Filo. L'intervista
Se uno vale uno, un idiota uno quanto vale?
Se uno vale uno, un idiota uno quanto vale?
Nel romanzo di Christian Baiotto (ed. Intrecci) "La ricerca della stupidità" un viaggio in una società anonima, stereotipata e piena di inconfessabili paure
Disturbo borderline, l'incubo e il riscatto
Disturbo borderline, l
L'autobiografia di Martin B. nel libro "Borderline, Storia di un ragazzo interrotto" ed. Eremon, scava nel profondo nella vita di persone che gli psichiatri hanno bollato come vittime di disturbi indefinibili