Premiato il libro di Federici e Meluzzi

| Il "Se e il ma delle investigazioni" tra i primi tre a Cattolica. Editore Oligo

+ Miei preferiti

Nel teatro della Regina di Cattolica, nell’ambito della kermesse culturale in occasione della Xa edizione del concorso letterario di Città di Cattolica, conosciuto a livello internazionale per la qualità dei contenuti, il libro “Il Se e il Ma delle Investigazioni. Riflessioni tra criminologia, diritto ed esperienza sul campo”, scritto a due mani da Alessando Meluzzi, psichiatra forense e crime analyst, e da Fabio Federici, colonnello dei carabinieri e crime analyst, ricevuto il “Premio Letterario Internazionale Città di Cattolica. Pegasus Literary Awards”, classificandosi, tra mille 1900 autori concorrenti, al terzo posto nella categoria principale “narrativa, poesia e saggistica” di opere edite. Il premio è stato consegnato nel corso della serata della direttrice del teatro, Simonetta Salvetti, unitamente a Roberto Sarra, ideatore e presidente dell’Associazione Pegasus Cattolica. Il premio negli anni ha assunto un livello internazionale e recentemente la stampa lo ha definito l'oscar della letteratura italiana. Infatti, oggi, il Città di Cattolica - Pegasus Literary Awards è considerato uno dei premi più ambiti, ed è tappa indispensabile nel curriculum di ogni autore e questa edizione si è caratterizzata per l’elevatissimo numero di scrittori partecipanti, quasi duemila, divenendo di fatto in Europa, nel 2018, uno dei concorsi letterari con il maggior numero di iscritti.

Cultura
La Casa delle Arti, nel cuore di Torino
La Casa delle Arti, nel cuore di Torino
Un nuovo polo culturale nel Borgo Medievale del Valentino dedicato ad Alfonso d'Andrade, fondato da due operatori ambizioni e combattivi, Enrica Merlo e Max Ponte. Il progetto e le idee
L'Italia è ancora (molto) omofoba
L
Nel romanzo "Un'altra metà" di Streusa si racconta come l'omofobia ancora si manifesta nella società e come combatterla in modo coraggioso, aperto e senza pregiudizi
Prima lo stalker s'innamora e poi odia
Prima lo stalker s
Nel romanzo "La rete" di Elisa Giobbi (ed. Stampa Alternativa) una storia drammatica che si ispira al diffuso fenomeno dello stalking. Tra condanne, immeritato perdono e continui cambi di scena
Follia è non avere paura
Follia è non avere paura
"Words" di Alessandro Gatta è un viaggio nell'autocoscienza, ma davvero senza filtri o limiti. La voce e la parola, gli artisti scelti come compagni di vita. Felici o infelici, il costo è sempre alto. Ma entusiasmante
Una donna libera (anche) in Marocco
Una donna libera (anche) in Marocco
La scrittrice marocchina Ilham Belfakir, nel romanzo "I miei perché" (Il Mulino Onlus Editore) racconta la vita di Zina che lotta faticosamente e con rabbia, come tante altre donne arabe, per libertà e tolleranza
Come insegnare ai bambini a difendersi dai pedofili
Come insegnare ai bambini a difendersi dai pedofili
La scrittrice e psicologa Anna Caiati ha scritto una fiaba su un tema delicato e controverso, titolo "Meglio così" (ed Il Temperino Rosso", in cui mette in guardia i bambini dai pedofili
Scrittori emergenti, la mafia dei social
Scrittori emergenti, la mafia dei social
INCHIESTA Per entrare nei gruppi regole ferree. Gli amministratori distruggono o esaltano gli autori. Ma con quale criterio? Una giungla feroce e crudele con l'ombra pesante di speculazioni editoriali
Il cerchio magico delle donne
Il cerchio magico delle donne
Nel libro di Elena Grilli, analisi anche crudele del complesso rapporto che si instaura fra le donne, tra invidie, cattiveria ma anche una solidarietà, un calore e una complicità che nasce dall'istinto
Uomo contro donna, l'amore vince la violenza
Uomo contro donna, l
Nel romanzo "Parlami di lei" (edizioni Convalle), Francesco Lisa si addentra in un tema controverso e delicato, la violenza di un uomo su una donna, sullo sfondo il coro di un contesto familiare solo in apparenza sereno
Gli uomini italiani preferiscono le romene
Gli uomini italiani preferiscono le romene
Aumentano i matrimoni tra italiani e straniere, il 20 per cento con spose romene, seguono ucraine e russe. Parla una manager, Felicia Biliboc