Corpo e anima, ti salveranno gli animali

| Simboli di purezza, immortalitą e rinascita. Il film di Elnyedi racconta vita e pensieri di un'ispettrice del macello di Budapest. Immagini cruente e l'immensa delicatezza dei cervi. Vincitore dell'Orso d'oro e candidato all'Oscar

+ Miei preferiti

di BEATRICE FIDA

Corpo e anima, l’ungherese Ildikó Enyedi dipinge un affresco sentimentale di rara delicatezza. Anima(li) al macello, è possibile il sogno nella realtà? Vincitore dell’Orso d’Oro a Berlino e in concorso nella categoria film stranieri negli Oscar del 2018, Corpo e anima è l’ultimo film della regista Ildikó Enyedi. La delicatezza ci salverà, anche quando non può salvare i due protagonisti che la veicolano. 

Maria è una schiva e riservata ispettrice della qualità in un macello di Budapest. Endre, il direttore finanziario, si mostra da subito affascinato dalla giovane dottoressa, dalla solitudine in cui sembra immersa, dalla sua precisione patologica; un’anima desiderosa di scomparire, avvolta in abiti anonimi e sformati. La diffidenza degli altri colleghi si traduce nell’esclusione della ragazza, nei continui scherni, nel quasi bullismo da liceo. La vicinanza definitiva fra Endre e Maria avviene nei loro sogni sempre identici, e lo comprendono durante una seduta dalla psicologa aziendale, in attimi quasi da commedia. Nei loro sogni sono due bellissimi cervi immersi nel candore della neve - degna di nota è la fotografia di Máté Herbai - che riscatta per opposizione le cruente scene ambientate nel mattatoio. Il corpo del film è inizialmente la mutilazione gli animali, che è la stessa loro, fisica e figurata; Endre ha un braccio paralizzato, Maria si provocherà una ferita, ed entrambi sono paralizzati da sempre da angosce affini. L’anima è la purezza del sogno e dei cervi che non si accoppiano ma condividono gesti elementari di sopravvivenza, che si corteggiano delicatamente, in un intenso significato allegorico: l’animale è infatti simbolo di immortalità e rinascita, purezza e fecondità. Maria è totalmente incapace di contatto fisico, reclusa nel territorio sicuro dei ricordi (che registra con patologica esattezza numerica) e dell’infanzia. Gli animali innervano l’opera, in un dialogo perenne con l’umanità: è ancora con un animale che Maria prova il contatto fisico, ora con un pupazzo ora con una mucca al macello. Gioca con le cose: anziché agire nella realtà si concede prove con giocattoli o con attrezzi da cucina, in una totale incapacità di improvvisazione e quindi di vita. Ancora mani nel cibo e nei barattoli, in una continua sublimazione della carnalità. 



Nonostante la preponderanza di ambienti chiusi, il racconto non è mai claustrofobico e la presenza del sentimento mai stucchevole ma sempre delicata e poetica; l’occhio sensibile di Enyedi culla i due protagonisti/cervi, liberandoli poco a poco delle loro deprivazioni.

Dopo una continua oscillazione fra i due poli, che compongono il titolo del film in ogni lingua in cui è stato tradotto, Enyedi ci consegna il finale: forse vincono entrambi, se si può parlare di vittoria in termini agonistici, forse allo spettatore l’ardua sentenza. La cineasta ungherese ha le idee chiare riguardo alla conciliazione fra sogno e vita, ma non ci obbliga ad assimilarle, accordando importanza ad uno spettatore attivo. Se corpo e anima si inseguono durante tutto il corso del film, accordando tacitamente all’ultima la supremazia sentimentale e relegando invece il corpo alla mutilazione, al macello e alla paralisi fisica e psicologica, il finale sembra consegnarci il timido riscatto - o la vittoria? - della carne.

Galleria fotografica
Corpo e anima, ti salveranno gli animali - immagine 1
Cultura
Figli dello stesso fango, sballo mortale
Figli dello stesso fango, sballo mortale
Il romanzo di Daniele Amitrano (ed. 13lab) racconta il mondo della droga, in ogni suo aspetto. I danni alla saluta per chi fa uso di stupefacenti e gli incidenti del sabato sera
Tutti pazzi per le rievocazioni storiche
Tutti pazzi per le rievocazioni storiche
Scoppia la febbre delle feste in costume presso prestigiose residenze reali. Intanto i gruppi storici faticano a sopravvivere, come nel caso emblematico di Venaria Reale
Torino, se la cultura č accessibile a tutti
Torino, se la cultura č accessibile a tutti
Forum il 16 e il 17 ottobre nell'Aula Magna della Cavallerizza Reale, con rappresentanti delle metropoli di tutti il mondo, da Montreal a Copenaghen. Al centro la libertą di muoversi e di rinnovarsi
Menti Insolite fa tappa a Torino
Menti Insolite fa tappa a Torino
Fra i primi appuntamenti del nuovo ciclo di incontri dell’Unione Industriale, fa il pieno di pubblico la presentazione del volume scritto a sei mani da Fabio Federici, Alessandro Meluzzi e Massimo Numa
La ragazza del Sud sfida l''Ndrangheta
La ragazza del Sud sfida l
La vibonese Titti Preta, nel romanzo omonimo, traccia lo scenario e l'ambiente in cui č costretto a vivere chi mafioso non č. Tra contraddizioni, atti di silenzioso eroismo e una rivolta civile contro l'acquiescenza al crimine
L'Iran, la star del Salone del Libro, uccide sposa-bambina
L
Zeinab Sekaavand aveva 17 anni quando uccise il marito che aveva sposato quando ne aveva 15. Lo aveva denunciato alla polizia per le sevizie subite senza esito. Il Salone del Libro di Torino 2019 dedicato all'Iran. Ma č opportuno?
Il tumore si combatte ma senza facili illusioni
Il tumore si combatte ma senza facili illusioni
La storia di Sara, che ha affrontato una rara malattia scoprendo un altro mondo, quello dei malati dimenticati e isolati. Lo ha raccontato nel libro "Al di lą della tempesta", ed. Gruppo Albatros Il Filo. L'intervista
Se uno vale uno, un idiota uno quanto vale?
Se uno vale uno, un idiota uno quanto vale?
Nel romanzo di Christian Baiotto (ed. Intrecci) "La ricerca della stupiditą" un viaggio in una societą anonima, stereotipata e piena di inconfessabili paure
Disturbo borderline, l'incubo e il riscatto
Disturbo borderline, l
L'autobiografia di Martin B. nel libro "Borderline, Storia di un ragazzo interrotto" ed. Eremon, scava nel profondo nella vita di persone che gli psichiatri hanno bollato come vittime di disturbi indefinibili
Somalia, dove lo stupro č legge
Somalia, dove lo stupro č legge
Nel romanzo Amnesia di Paola Di Nino (ed. Leone Editore) la storia di una donna schiava che, persa la memoria dopo esperienze terribili, torna a vivere una seconda vita. Sullo sfondo lo sfruttamento e le violenze sulle donne