Corpo e anima, ti salveranno gli animali

| Simboli di purezza, immortalità e rinascita. Il film di Elnyedi racconta vita e pensieri di un'ispettrice del macello di Budapest. Immagini cruente e l'immensa delicatezza dei cervi. Vincitore dell'Orso d'oro e candidato all'Oscar

+ Miei preferiti

di BEATRICE FIDA

Corpo e anima, l’ungherese Ildikó Enyedi dipinge un affresco sentimentale di rara delicatezza. Anima(li) al macello, è possibile il sogno nella realtà? Vincitore dell’Orso d’Oro a Berlino e in concorso nella categoria film stranieri negli Oscar del 2018, Corpo e anima è l’ultimo film della regista Ildikó Enyedi. La delicatezza ci salverà, anche quando non può salvare i due protagonisti che la veicolano. 

Maria è una schiva e riservata ispettrice della qualità in un macello di Budapest. Endre, il direttore finanziario, si mostra da subito affascinato dalla giovane dottoressa, dalla solitudine in cui sembra immersa, dalla sua precisione patologica; un’anima desiderosa di scomparire, avvolta in abiti anonimi e sformati. La diffidenza degli altri colleghi si traduce nell’esclusione della ragazza, nei continui scherni, nel quasi bullismo da liceo. La vicinanza definitiva fra Endre e Maria avviene nei loro sogni sempre identici, e lo comprendono durante una seduta dalla psicologa aziendale, in attimi quasi da commedia. Nei loro sogni sono due bellissimi cervi immersi nel candore della neve - degna di nota è la fotografia di Máté Herbai - che riscatta per opposizione le cruente scene ambientate nel mattatoio. Il corpo del film è inizialmente la mutilazione gli animali, che è la stessa loro, fisica e figurata; Endre ha un braccio paralizzato, Maria si provocherà una ferita, ed entrambi sono paralizzati da sempre da angosce affini. L’anima è la purezza del sogno e dei cervi che non si accoppiano ma condividono gesti elementari di sopravvivenza, che si corteggiano delicatamente, in un intenso significato allegorico: l’animale è infatti simbolo di immortalità e rinascita, purezza e fecondità. Maria è totalmente incapace di contatto fisico, reclusa nel territorio sicuro dei ricordi (che registra con patologica esattezza numerica) e dell’infanzia. Gli animali innervano l’opera, in un dialogo perenne con l’umanità: è ancora con un animale che Maria prova il contatto fisico, ora con un pupazzo ora con una mucca al macello. Gioca con le cose: anziché agire nella realtà si concede prove con giocattoli o con attrezzi da cucina, in una totale incapacità di improvvisazione e quindi di vita. Ancora mani nel cibo e nei barattoli, in una continua sublimazione della carnalità. 



Nonostante la preponderanza di ambienti chiusi, il racconto non è mai claustrofobico e la presenza del sentimento mai stucchevole ma sempre delicata e poetica; l’occhio sensibile di Enyedi culla i due protagonisti/cervi, liberandoli poco a poco delle loro deprivazioni.

Dopo una continua oscillazione fra i due poli, che compongono il titolo del film in ogni lingua in cui è stato tradotto, Enyedi ci consegna il finale: forse vincono entrambi, se si può parlare di vittoria in termini agonistici, forse allo spettatore l’ardua sentenza. La cineasta ungherese ha le idee chiare riguardo alla conciliazione fra sogno e vita, ma non ci obbliga ad assimilarle, accordando importanza ad uno spettatore attivo. Se corpo e anima si inseguono durante tutto il corso del film, accordando tacitamente all’ultima la supremazia sentimentale e relegando invece il corpo alla mutilazione, al macello e alla paralisi fisica e psicologica, il finale sembra consegnarci il timido riscatto - o la vittoria? - della carne.

Galleria fotografica
Corpo e anima, ti salveranno gli animali - immagine 1
Cultura
La vita difficile dei distributori automatici
La vita difficile dei distributori automatici
Un fotografo giapponese ha reso loro un sentito omaggio: nel suo paese si trovano ovunque, e a lui hanno quasi salvato la vita
E per padre Steve Jobs
E per padre Steve Jobs
Lisa Brennan-Jobs, la prima figlia del genio della Apple, quella riconosciuta solo a 27 anni dalla nascita, racconta in un libro il rapporto difficile ma affettuoso con un padre ingombrante
Dalla California con… stile
Dalla California con… stile
Dopo molti anni di esperienza come responsabile di numerosi centri di design (tra cui Lancia e Fiat) Mike Robinson affronta nuove sfide: pittore iperrealista, stilista freelance, futurologo, scrittore. Con l’entusiasmo di un ragazzino
Tesoro archeologico in centro a Torino
Tesoro archeologico in centro a Torino
Le mura seicentesche del sistema difensivo della città sono riemerse nel corso degli scavi per un parcheggio sotterraneo. Nuova area archeologica. Franco Cravarezza, direttore del Museo: "Patrimonio immenso e prezioso"
Federici e Meluzzi, incetta di premi
Federici e Meluzzi, incetta di premi
“Il se e il ma delle investigazioni”, scritto a quattro mani dal colonnello Federici e dello psichiatra Meluzzi, è una finestra aperta nel complicato e affascinante mondo delle investigazioni. Un lavoro che miete consensi
Leggere è un po’ morire
Leggere è un po’ morire
Una vicenda che ricorda la trama de “Il nome della Rosa”: su tre volumi antichi, due ricercatori danesi ha rinvenuto tracce di un potente veleno
Decapitò lo zio ma vince premio letterario
Decapitò lo zio ma vince premio letterario
Claudio Borgarelli è stato condannato a 30 anni, è un detenuto modello che s'è iscritto all'università. Nel 2016 aveva ucciso lo zio per un sentiero conteso nelle campagne genovesi. Il racconto rievoca il delitto
I grandi classici? Fotocopie
I grandi classici? Fotocopie
Secondo una teoria discussa e discutibile, esisterebbero soltanto sei tipi di trame che si ripetono pressoché all’infinito. Un algoritmo ha analizzato 1700 grandi romanzi, trovando un mare di ripetizioni
Becoming, le memorie di Michelle
Becoming, le memorie di Michelle
L’ex First Lady sta per dare alle stampa la sua autobiografia: ricordi, fatiche, delusioni e vittoria di una donna forte e tenace, che gli americani sognano di rivedere alla Casa Bianca, ma come presidente
Bimbi migranti, viaggio nell'inferno
Bimbi migranti, viaggio nell
Lucia De Marchi racconta nel libro "A piccoli passi" le drammatiche vicende dei bambini migranti in Occidente, 15 mila risultano scomparsi in Italia, lungo i percorsi gestiti dai racket