I grandi classici? Fotocopie

| Secondo una teoria discussa e discutibile, esisterebbero soltanto sei tipi di trame che si ripetono pressoché all’infinito. Un algoritmo ha analizzato 1700 grandi romanzi, trovando un mare di ripetizioni

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
C’è da sentirsi vagamente imbecilli, scoprendo i risultati di una serissima ricerca di un gruppo di ricercatori dell’Università del Vermont che hanno raccolto 1.700 classici della letteratura anglosassone lasciando che un algoritmo installato su uno dei loro computer analizzasse i testi. Alla fine, è arrivato il responso: esistono solo sei trame che si ripetono all’infinito, niente di che. In pratica, sono centinaia di anni che gli scrittori si dannano l’anima per trovare storie all’apparenza sempre nuove e diverse, e altrettanto tempo che i lettori ci cascano, comprando opere che cambiano solo per ambientazione, nomi dei personaggi e dettagli. Ma per il resto, tutte uguali.

Tre i filtri utilizzati per scandagliare le opere analizzate: analisi e rivelamento delle parole chiave, in grado di individuare la direzione emotiva. Il secondo è invece capace di segnalare il ripetersi di scene simili, mentre il terzo - per finire - è quello che “spolpa” la vicenda di tutti gli orpelli e mostra lo scheletro della storia, nuda e cruda. Una tecnica spesso usata dai “marketeers” per analizzare i post sui social media, in cui ad ogni parola viene assegnato un particolare punteggio e classificato in aree precise: positiva, negativa, paura, gioia, rabbia e sorpresa. 

Ad analisi terminata, ai ricercatori è bastato mettere nero su bianco i sei tipi di trama che sembrano ripetersi all’infinito, con una costante da cui ogni volume tenta disperatamente di sganciarsi per rendersi unico in base al gusto e alle idee dell’autore: caduta, ascesa e ricaduta. In una sola parola: Shakespeare. Lo scheletrato di tutte le sue tragedie.

Un’analisi da cui non sono esclusi capolavori come la “Divina Commedia” di Dante, “Madame Bovary” di Flaubert, “Romeo e Giulietta” di Shakespeare, “Orgoglio e pregiudizio” di Jane Austin, “Frankestein” di Mary Shelley e “Il brutto anatroccolo” di Hans Christian Andersen.

A ipotizzare la teoria, anche se allora privo dell’algoritmo che sembra voler dare dell’idiota al mondo intero, era stato Kurt Vonnegut, autore americano che forse atterrito dall’idea di poter essere inserito nel mucchio, si era specializzato in opere che mescolavano senza soluzioni di continuità fantascienza, humor, satira sociale e di costume, politica e valori umanisti. Il suo romanzo più celebre, “Mattatoio n° 5 o La crociata dei bambini” (Slaughterhouse - Five; or, The Children's Crusade: A Duty-Dance With Death), racconta la testimonianza della sua prigionia in Germania e del drammatico bombardamento aereo che rase al suolo la città di Dresda.

Vonnegut, ai tempi della sua laurea a Chicago, aveva espresso una teoria che era stata rifiutata dagli inorriditi soloni accademici: signori, è inutile che ci affanniamo. Alla base della letteratura ci saranno cinque, al massimo sei trame. Nel 1995, l’autore di Indianapolis, classe 1922, in una conferenza aveva ripreso la sua tesi, tracciando su una lavagna i sei archi narrativi possibili e le linee che seguono i protagonisti delle vicende, comprese fra i due punti di partenza: buono e cattivo. In mezzo alcune varianti: un “buco” in cui il protagonista finisce mettendosi nei guai, per poi uscirne quasi sempre, “la scoperta”, il momento in cui trova qualcosa di meraviglioso – nella maggior parte dei casi un amore - lo perde ed è costretto a riconquistarlo.

Anni dopo, Vonnegut avrebbe ricordato: “Il contributo più bello alla cultura che abbia mai letto è stata la tesi scritta dal mio professore di antropologia: respinta perché semplice e perfino divertente”.

Cultura
E per padre Steve Jobs
E per padre Steve Jobs
Lisa Brennan-Jobs, la prima figlia del genio della Apple, quella riconosciuta solo a 27 anni dalla nascita, racconta in un libro il rapporto difficile ma affettuoso con un padre ingombrante
Dalla California con… stile
Dalla California con… stile
Dopo molti anni di esperienza come responsabile di numerosi centri di design (tra cui Lancia e Fiat) Mike Robinson affronta nuove sfide: pittore iperrealista, stilista freelance, futurologo, scrittore. Con l’entusiasmo di un ragazzino
Tesoro archeologico in centro a Torino
Tesoro archeologico in centro a Torino
Le mura seicentesche del sistema difensivo della città sono riemerse nel corso degli scavi per un parcheggio sotterraneo. Nuova area archeologica. Franco Cravarezza, direttore del Museo: "Patrimonio immenso e prezioso"
Federici e Meluzzi, incetta di premi
Federici e Meluzzi, incetta di premi
“Il se e il ma delle investigazioni”, scritto a quattro mani dal colonnello Federici e dello psichiatra Meluzzi, è una finestra aperta nel complicato e affascinante mondo delle investigazioni. Un lavoro che miete consensi
Leggere è un po’ morire
Leggere è un po’ morire
Una vicenda che ricorda la trama de “Il nome della Rosa”: su tre volumi antichi, due ricercatori danesi ha rinvenuto tracce di un potente veleno
Decapitò lo zio ma vince premio letterario
Decapitò lo zio ma vince premio letterario
Claudio Borgarelli è stato condannato a 30 anni, è un detenuto modello che s'è iscritto all'università. Nel 2016 aveva ucciso lo zio per un sentiero conteso nelle campagne genovesi. Il racconto rievoca il delitto
Becoming, le memorie di Michelle
Becoming, le memorie di Michelle
L’ex First Lady sta per dare alle stampa la sua autobiografia: ricordi, fatiche, delusioni e vittoria di una donna forte e tenace, che gli americani sognano di rivedere alla Casa Bianca, ma come presidente
Bimbi migranti, viaggio nell'inferno
Bimbi migranti, viaggio nell
Lucia De Marchi racconta nel libro "A piccoli passi" le drammatiche vicende dei bambini migranti in Occidente, 15 mila risultano scomparsi in Italia, lungo i percorsi gestiti dai racket
Ricco, senza scrupoli ma terribilmente pop
Ricco, senza scrupoli ma terribilmente pop
Il libro del vicedirettore del Tg1 Gennaro Sangiuliano presentato all'Unione Industriali apre squarci inediti sulla figura del controverso presidente Usa. L'ultima gaffe con francesi e inglesi: "Armatevi"
decimate da web e GD'>L'ecatombe delle librerie
decimate da web e GD
Ldecimate da web e GD' class='article_img2'>
Chiusure in serie in tutta Italia, a Torino cede la armi anche il "Mondo delle Meraviglie", libreria storica del centro. Le titolari: "La gente legge meno, grande distribuzione e vendite on line distruggono il settore"