Il Bene e il Male, nell'Inferno la chiave per riconoscerli

| Nel libro "La divina Umanità- Inferno" (860 pagine, ed. Etica Torino, 38 euro in cartaceo, 5 in digitale, già disponibile su Amazon e nelle librerie) lo scrittore Christian Grasso ci riporta all'alfa del Creato, al rapporto con Dio

+ Miei preferiti

Perché occuparsi delle grandi categorie del Bene e del Male in questo XXI secolo? Perché, in questa società “liquida”, di corsa e inquieta, soffermarsi a studiare e ad analizzare la Coscienza (con la “c” maiuscola) degli individui e il loro rapporto con quel grande Principio Creatore che è Dio? Perché scavare nelle oscure e profonde prigioni al vizio che Dante Alighieri con sublime maestria poetica e raffinata violenza ha voluto tessere intorno ai grandi, eterni vizi dell’umanità?

Le domande sono tutt’altro che peregrine e fuori luogo e non a caso la dottrina gnostica è maestra nel cammino dell’Autore della  “La Divina Umanità – Inferno”, così come il sommo vate Virgilio lo è per Dante Alighieri nel suo cammino all’Inferno, andata e ritorno…



L’umanità nasce da un Principio Creatore. Questo Principio Creatore è Dio. Dio è un’immensa forza energetica che crea senza sosta, secondo un Principio Divino. L’umanità è “divina” perché reca in sé la matrice originale di Dio, ma reca pur sempre – e per principio divino di creazione – sia la matrice del Bene sia la matrice del Male (che può trasformarsi nel suo cuore, secondo inclinazioni malvagie, in un infinito repertorio di vizi, difetti e pericolosissimi “io” psicologici).

In questo Libro, l’Autore – alla sua Opera prima – si propone il compito che secoli orsono aveva animato ed infiammato l’anima ed il cuore di Dante Alighieri: risvegliare la Coscienza degli individui ed “avvisarli” di ritornare a Dio. Come Dante Alighieri, Christian Grasso ripercorre il cammino dell’iniziato - “iniziato” perché ha pur sempre “ricevuto la luce” della Conoscenza e il dono della Consapevolezza – verso il centro della Terra, Interiora terrae, per ritrovare la pietra filosofale nascosta e ripulirsi appunto da vizi, difetti, io psicologici.



Notiamo come, nel libro, non si parli di “Peccato” chiamandolo genericamente per nome, ma ci si riferisce soprattutto a quel grande Nemico per l’Essere umano rappresentato dall’io psicologico, sublime affabulatore del Male, amico di ogni pigrizia e di ogni ignavia, complice compiacente di lussuria, avidità, ingordigia e violenza di ogni genere.

Ogni personaggio che incontriamo nella lettura, è lo specchio della parte più oscura dell’animo umano, quella parte che Grasso non esita a chiamare con il suo nome: “la bestia”. Ma, se la Divina Umanità è il risultato finale della Creazione di Dio, Grasso ci fa capire e comprendere il suo messaggio (che è il medesimo di Dante Alighieri): rimettersi sui binari giusti di quel Grande Gioco che è la Vita. 



“… Un mattino qualunque di un giorno come un altro mi sono sentito fortemente coinvolto nella lettura della Divina Commedia, fino a sentire la necessità impellente di immedesimarmi in Dante. Ecco i risultati di tutte le mie elucubrazioni…”, così spiega, al Capitolo I, “…e non scriverò che cosa è la Divina Commedia come gli studiosi attualmente la considerano… nulla verrà scritto o proferito in merito a… quanto già letto di inerente alla Divina Commedia…”. La Divina Commedia, scrive ancora l’Autore, è un manuale scientifico, politico, sociale, spirituale… è una dottrina gnostica elaborata affinché ci si possa auto-realizzare. 

 

Secondo Grasso e, ai suoi tempi, anche secondo Dante Alighieri, l’Individuo versa attualmente in una condizione paragonabile a quella “animale”. Se vuole essere Uomo, deve lavorare con rettitudine, volontà e coscienza per trasformare la sua animalità in Anima. L’individuo, risvegliando la sua coscienza giorno per giorno, ha la possibilità di alzare il proprio livello di consapevolezza, gradino per gradino.

Ogni gradino ha una linea orizzontale che rappresenta il cammino di tutti e una linea verticale che sale man mano che sale il cammino: i gradini saranno sempre più piccoli, e al livello più alto si incontrerà il Paradiso di pochi, ma forse anche di quasi tutti, degli iniziati, degli autorealizzati… tutto dipende dalla scelta del cammino.   

La prossima presentazione il 31 gennaio al Fenice di via Porte Palatine 2, ci sarà l’autore.

 

 

Galleria fotografica
Il Bene e il Male, nellInferno la chiave per riconoscerli - immagine 1
Il Bene e il Male, nellInferno la chiave per riconoscerli - immagine 2
Il Bene e il Male, nellInferno la chiave per riconoscerli - immagine 3
Il Bene e il Male, nellInferno la chiave per riconoscerli - immagine 4
Cultura
Violenza sulle donne e uomini egoisti
Violenza sulle donne e uomini egoisti
Nel romanzo di Sonia Paolini "Beethoven's Silence...io sono Irina e sono Elise..." (ed. Lettere Animate) la storia di una giovane clandestina romena vittima di violenze e abusi. Il segreto di rinascere
La vita è, o può essere, bella anche da invalidi
La vita è, o può essere, bella anche da invalidi
L'autobiografia ("Io, vivace invalida senza frontiere") di Paola Giusti, 74 anni, che 16enne fu colpita da una disabilità motoria, racconta la sua vita straordinaria tra amori, lavoro, conflitti. Senza lamentarsi mai
Non solo web, di nuovo biblioteche
Non solo web, di nuovo biblioteche
Iniziativa contro-tendenza di una circoscrizione comunale di Torino che inaugura sabato "Quinta copertina", due sale di lettura con 6 mila libri, la prima sul territorio, a cura dei volontari dell'associazione SanTourin
La Casa delle Arti, nel cuore di Torino
La Casa delle Arti, nel cuore di Torino
Un nuovo polo culturale nel Borgo Medievale del Valentino dedicato ad Alfonso d'Andrade, fondato da due operatori ambizioni e combattivi, Enrica Merlo e Max Ponte. Il progetto e le idee
L'Italia è ancora (molto) omofoba
L
Nel romanzo "Un'altra metà" di Streusa si racconta come l'omofobia ancora si manifesta nella società e come combatterla in modo coraggioso, aperto e senza pregiudizi
Prima lo stalker s'innamora e poi odia
Prima lo stalker s
Nel romanzo "La rete" di Elisa Giobbi (ed. Stampa Alternativa) una storia drammatica che si ispira al diffuso fenomeno dello stalking. Tra condanne, immeritato perdono e continui cambi di scena
Follia è non avere paura
Follia è non avere paura
"Words" di Alessandro Gatta è un viaggio nell'autocoscienza, ma davvero senza filtri o limiti. La voce e la parola, gli artisti scelti come compagni di vita. Felici o infelici, il costo è sempre alto. Ma entusiasmante
Una donna libera (anche) in Marocco
Una donna libera (anche) in Marocco
La scrittrice marocchina Ilham Belfakir, nel romanzo "I miei perché" (Il Mulino Onlus Editore) racconta la vita di Zina che lotta faticosamente e con rabbia, come tante altre donne arabe, per libertà e tolleranza
Come insegnare ai bambini a difendersi dai pedofili
Come insegnare ai bambini a difendersi dai pedofili
La scrittrice e psicologa Anna Caiati ha scritto una fiaba su un tema delicato e controverso, titolo "Meglio così" (ed Il Temperino Rosso", in cui mette in guardia i bambini dai pedofili
Scrittori emergenti, la mafia dei social
Scrittori emergenti, la mafia dei social
INCHIESTA Per entrare nei gruppi regole ferree. Gli amministratori distruggono o esaltano gli autori. Ma con quale criterio? Una giungla feroce e crudele con l'ombra pesante di speculazioni editoriali