Il Bene e il Male, nell'Inferno la chiave per riconoscerli

| Nel libro "La divina Umanità- Inferno" (860 pagine, ed. Etica Torino, 38 euro in cartaceo, 5 in digitale, già disponibile su Amazon e nelle librerie) lo scrittore Christian Grasso ci riporta all'alfa del Creato, al rapporto con Dio

+ Miei preferiti

Perché occuparsi delle grandi categorie del Bene e del Male in questo XXI secolo? Perché, in questa società “liquida”, di corsa e inquieta, soffermarsi a studiare e ad analizzare la Coscienza (con la “c” maiuscola) degli individui e il loro rapporto con quel grande Principio Creatore che è Dio? Perché scavare nelle oscure e profonde prigioni al vizio che Dante Alighieri con sublime maestria poetica e raffinata violenza ha voluto tessere intorno ai grandi, eterni vizi dell’umanità?

Le domande sono tutt’altro che peregrine e fuori luogo e non a caso la dottrina gnostica è maestra nel cammino dell’Autore della  “La Divina Umanità – Inferno”, così come il sommo vate Virgilio lo è per Dante Alighieri nel suo cammino all’Inferno, andata e ritorno…



L’umanità nasce da un Principio Creatore. Questo Principio Creatore è Dio. Dio è un’immensa forza energetica che crea senza sosta, secondo un Principio Divino. L’umanità è “divina” perché reca in sé la matrice originale di Dio, ma reca pur sempre – e per principio divino di creazione – sia la matrice del Bene sia la matrice del Male (che può trasformarsi nel suo cuore, secondo inclinazioni malvagie, in un infinito repertorio di vizi, difetti e pericolosissimi “io” psicologici).

In questo Libro, l’Autore – alla sua Opera prima – si propone il compito che secoli orsono aveva animato ed infiammato l’anima ed il cuore di Dante Alighieri: risvegliare la Coscienza degli individui ed “avvisarli” di ritornare a Dio. Come Dante Alighieri, Christian Grasso ripercorre il cammino dell’iniziato - “iniziato” perché ha pur sempre “ricevuto la luce” della Conoscenza e il dono della Consapevolezza – verso il centro della Terra, Interiora terrae, per ritrovare la pietra filosofale nascosta e ripulirsi appunto da vizi, difetti, io psicologici.



Notiamo come, nel libro, non si parli di “Peccato” chiamandolo genericamente per nome, ma ci si riferisce soprattutto a quel grande Nemico per l’Essere umano rappresentato dall’io psicologico, sublime affabulatore del Male, amico di ogni pigrizia e di ogni ignavia, complice compiacente di lussuria, avidità, ingordigia e violenza di ogni genere.

Ogni personaggio che incontriamo nella lettura, è lo specchio della parte più oscura dell’animo umano, quella parte che Grasso non esita a chiamare con il suo nome: “la bestia”. Ma, se la Divina Umanità è il risultato finale della Creazione di Dio, Grasso ci fa capire e comprendere il suo messaggio (che è il medesimo di Dante Alighieri): rimettersi sui binari giusti di quel Grande Gioco che è la Vita. 



“… Un mattino qualunque di un giorno come un altro mi sono sentito fortemente coinvolto nella lettura della Divina Commedia, fino a sentire la necessità impellente di immedesimarmi in Dante. Ecco i risultati di tutte le mie elucubrazioni…”, così spiega, al Capitolo I, “…e non scriverò che cosa è la Divina Commedia come gli studiosi attualmente la considerano… nulla verrà scritto o proferito in merito a… quanto già letto di inerente alla Divina Commedia…”. La Divina Commedia, scrive ancora l’Autore, è un manuale scientifico, politico, sociale, spirituale… è una dottrina gnostica elaborata affinché ci si possa auto-realizzare. 

 

Secondo Grasso e, ai suoi tempi, anche secondo Dante Alighieri, l’Individuo versa attualmente in una condizione paragonabile a quella “animale”. Se vuole essere Uomo, deve lavorare con rettitudine, volontà e coscienza per trasformare la sua animalità in Anima. L’individuo, risvegliando la sua coscienza giorno per giorno, ha la possibilità di alzare il proprio livello di consapevolezza, gradino per gradino.

Ogni gradino ha una linea orizzontale che rappresenta il cammino di tutti e una linea verticale che sale man mano che sale il cammino: i gradini saranno sempre più piccoli, e al livello più alto si incontrerà il Paradiso di pochi, ma forse anche di quasi tutti, degli iniziati, degli autorealizzati… tutto dipende dalla scelta del cammino.   

La prossima presentazione il 31 gennaio al Fenice di via Porte Palatine 2, ci sarà l’autore.

 

 

Galleria fotografica
Il Bene e il Male, nellInferno la chiave per riconoscerli - immagine 1
Il Bene e il Male, nellInferno la chiave per riconoscerli - immagine 2
Il Bene e il Male, nellInferno la chiave per riconoscerli - immagine 3
Il Bene e il Male, nellInferno la chiave per riconoscerli - immagine 4
Cultura
La vita difficile dei distributori automatici
La vita difficile dei distributori automatici
Un fotografo giapponese ha reso loro un sentito omaggio: nel suo paese si trovano ovunque, e a lui hanno quasi salvato la vita
E per padre Steve Jobs
E per padre Steve Jobs
Lisa Brennan-Jobs, la prima figlia del genio della Apple, quella riconosciuta solo a 27 anni dalla nascita, racconta in un libro il rapporto difficile ma affettuoso con un padre ingombrante
Dalla California con… stile
Dalla California con… stile
Dopo molti anni di esperienza come responsabile di numerosi centri di design (tra cui Lancia e Fiat) Mike Robinson affronta nuove sfide: pittore iperrealista, stilista freelance, futurologo, scrittore. Con l’entusiasmo di un ragazzino
Tesoro archeologico in centro a Torino
Tesoro archeologico in centro a Torino
Le mura seicentesche del sistema difensivo della città sono riemerse nel corso degli scavi per un parcheggio sotterraneo. Nuova area archeologica. Franco Cravarezza, direttore del Museo: "Patrimonio immenso e prezioso"
Federici e Meluzzi, incetta di premi
Federici e Meluzzi, incetta di premi
“Il se e il ma delle investigazioni”, scritto a quattro mani dal colonnello Federici e dello psichiatra Meluzzi, è una finestra aperta nel complicato e affascinante mondo delle investigazioni. Un lavoro che miete consensi
Leggere è un po’ morire
Leggere è un po’ morire
Una vicenda che ricorda la trama de “Il nome della Rosa”: su tre volumi antichi, due ricercatori danesi ha rinvenuto tracce di un potente veleno
Decapitò lo zio ma vince premio letterario
Decapitò lo zio ma vince premio letterario
Claudio Borgarelli è stato condannato a 30 anni, è un detenuto modello che s'è iscritto all'università. Nel 2016 aveva ucciso lo zio per un sentiero conteso nelle campagne genovesi. Il racconto rievoca il delitto
I grandi classici? Fotocopie
I grandi classici? Fotocopie
Secondo una teoria discussa e discutibile, esisterebbero soltanto sei tipi di trame che si ripetono pressoché all’infinito. Un algoritmo ha analizzato 1700 grandi romanzi, trovando un mare di ripetizioni
Becoming, le memorie di Michelle
Becoming, le memorie di Michelle
L’ex First Lady sta per dare alle stampa la sua autobiografia: ricordi, fatiche, delusioni e vittoria di una donna forte e tenace, che gli americani sognano di rivedere alla Casa Bianca, ma come presidente
Bimbi migranti, viaggio nell'inferno
Bimbi migranti, viaggio nell
Lucia De Marchi racconta nel libro "A piccoli passi" le drammatiche vicende dei bambini migranti in Occidente, 15 mila risultano scomparsi in Italia, lungo i percorsi gestiti dai racket