L'ecatombe delle librerie
decimate da web e GD

| Chiusure in serie in tutta Italia, a Torino cede la armi anche il "Mondo delle Meraviglie", libreria storica del centro. Le titolari: "La gente legge meno, grande distribuzione e vendite on line distruggono il settore"

+ Miei preferiti
Di Floriana Naso

Torino è una delle città della cultura più importanti. Qui è nato il salone del libro, ma nonostante la sensibilizzazione da parte delle amministrazioni locali e dei media, che da anni si propongono di far avvicinare sempre più persone alla lettura, il numero di librerie che non ce la fanno ad andare avanti è in crescita. Questa volta tocca a una delle librerie storiche e centrali di Torino: Il Mondo delle meraviglie di via San Massimo, 53.v Le due libraie, Anna Migliuolo e Marilaura Fioravera, che la gestiscono, vantano una lunga esperienza nel campo dell’editoria e dei lettori, affezionati e non, che hanno seguito per tanti anni con professionalità e dedizione.  Per il  sistema editoriale torinese e un'ecatombe.

Quando è stata aperta la vostra libreria?

Anno 1994

Nel corso degli anni quali cambiamenti avete notato nei lettori e nel sistema editoriale-commerciale?

Abbiamo notato un progressivo calo di lettori: si legge sempre meno; quindi considerando la concorrenza dei grandi distributori on-line è ovvia la difficoltà di restare sul mercato, e infatti noi abbiamo deciso di chiudere.

È proprio vero che i grandi colossi della rete hanno tolto fatturato alle librerie o il calo è da imputare ad altri fattori?

Secondo me il calo è da imputare principalmente alla disabitudine alla lettura. La gente legge meno, è un dato di fatto. Poi la concorrenza digitale ha un peso, certamente; soprattutto per via di prezzi che non andiamo a sindacare.

Possibile che il contatto umano, la professionalità e i consigli all’acquisto non contino più nulla?

La professionalità del libraio, e non di un semplice porgitore, non interessa più; o meglio… interessa ad alcuni furbetti che la sfruttano per poi acquistare on-line, magari a prezzi più bassi. Purtroppo la professionalità, in quasi tutti i mestieri, è ormai quasi estinta e mi chiedo se il cliente sappia ancora riconoscerla.

Cosa bisognerebbe fare per far avvicinare più persone alla lettura e di conseguenza riaffollare le librerie?

Secondo me bisognerebbe finanziare di più le biblioteche (civiche, scolastiche, di quartiere), tenerle aperte più a lungo, creare eventi tutto l’anno, renderle più “frizzanti”. 

Quanto è difficile sopravvivere per una libreria indipendente e perché?

È impossibile, tanto è vero che noi chiudiamo. La percentuale di guadagno che abbiamo sulla vendita dei libri è molto bassa, di conseguenza bisogna venderne molti per riuscire ad avere dei profitti che consentano di vivere. Le spese sono sempre più alte e i profitti sempre più bassi.

In che modo, secondo voi, sarebbe possibile arginare il fenomeno in crescita di chiusure da parte di librerie indipendenti?

Dovrebbero pensarci le istituzioni, è la politica che dovrebbe occuparsene.

Se poteste cambiare qualcosa nel sistema editoriale, cosa sarebbe?

Bisogna tornare alla qualità, che si sta perdendo. Il libro va scelto con accuratezza, perché tutti scrivono, ma pochi meritano davvero la pubblicazione. Quindi scelte più oculate e meno commerciali, cura maggiore nell’editing e nella pubblicizzazione del libro. 

Quando chiuderete definitivamente?

Inequivocabilmente il 31 maggio, ma probabilmente prima.

Che tipo di proposte troverà il lettore che verrà a salutarvi per l’ultima volta?

Troverà percentuale di sconto sui libri rimasti, e le dirò che se i libri costassero meno ci sarebbe più possibilità di vendita. Per esempio in Francia i tascabili costano 5 euro, mentre da noi 9. Anche se nel mercato del libro bisogna considerare tutta una serie di fattori, per esempio molti oggetti hanno prezzi alti e nessuno brontola, mentre sui libri non si accetta, e non è giustissimo. C’è inoltre una legge che non consentirebbe di fare sconti come fa Feltrinelli sulle novità, ben il 15%. Questo rovina i piccoli librai indipendenti che non possono farlo; ed è chiaro che il prezzo deve essere alto per fare quello. Quindi bisognerebbe abolire lo sconto e proporre un prezzo più basso subito, ma per tutti però.

Ovvio che l’e-book costi molto meno del libro di carta, i costi sono inferiori per l’editore. Bisognerebbe, secondo me, abbassare un po’ il divario che c’è tra l’e-book e il libro di carta, altrimenti, se continuiamo così, si venderanno solo più e-book e solo quelli che vorrà Amazon.

 

Qual è il vostro ultimo messaggio dopo una splendida e lunga carriera?

Tanti ragazzi giovani sono passati a chiedere informazioni per rilevare la nostra attività, ma noi lo abbiamo sistematicamente sconsigliato: siamo dinosauri oramai e non si possono far rivivere i dinosauri. Il messaggio che vogliamo trasmettere a tutti quelli che ci hanno seguito e voluto bene, che sono passati a salutarci è proprio questo: abbiamo lasciato un segno nei cuori di ogni cliente e noi vogliamo ringraziare tutte queste persone che ci hanno testimoniato affetto. 

 

 

 

Cultura
Decapitò lo zio ma vince premio letterario
Decapitò lo zio ma vince premio letterario
Claudio Borgarelli è stato condannato a 30 anni, è un detenuto modello che s'è iscritto all'università. Nel 2016 aveva ucciso lo zio per un sentiero conteso nelle campagne genovesi. Il racconto rievoca il delitto
I grandi classici? Fotocopie
I grandi classici? Fotocopie
Secondo una teoria discussa e discutibile, esisterebbero soltanto sei tipi di trame che si ripetono pressoché all’infinito. Un algoritmo ha analizzato 1700 grandi romanzi, trovando un mare di ripetizioni
Becoming, le memorie di Michelle
Becoming, le memorie di Michelle
L’ex First Lady sta per dare alle stampa la sua autobiografia: ricordi, fatiche, delusioni e vittoria di una donna forte e tenace, che gli americani sognano di rivedere alla Casa Bianca, ma come presidente
Bimbi migranti, viaggio nell'inferno
Bimbi migranti, viaggio nell
Lucia De Marchi racconta nel libro "A piccoli passi" le drammatiche vicende dei bambini migranti in Occidente, 15 mila risultano scomparsi in Italia, lungo i percorsi gestiti dai racket
Ricco, senza scrupoli ma terribilmente pop
Ricco, senza scrupoli ma terribilmente pop
Il libro del vicedirettore del Tg1 Gennaro Sangiuliano presentato all'Unione Industriali apre squarci inediti sulla figura del controverso presidente Usa. L'ultima gaffe con francesi e inglesi: "Armatevi"
Premiato il libro di Federici e Meluzzi
Premiato il libro di Federici e Meluzzi
Il "Se e il ma delle investigazioni" tra i primi tre a Cattolica. Editore Oligo
Bufera sul Nobel, quest’anno niente premi
Bufera sul Nobel, quest’anno niente premi
Non succedeva da 75 anni, ma questa volta c’è di mezzo uno scandalo che ha “minato la credibilità stessa dell’Accademia”, come ammette un comunicato ufficiale
La storia di Kike, scrittore spazzino
La storia di Kike, scrittore spazzino
Ogni notte ripulisce le banchine della metropolitana di Buenos Aires, ma di giorno diventa uno scrittore di successo
L'uomo che tortura e uccide i bambini
L
Nel romanzo "Arrivederci all'inferno" ed. Eroscultura , Luciano Dal Pont descrive in modo crudo lo spaventoso percorso di un pedofilo che cattura le sue prede simulando la normalità. Come è accaduto a Maelys
Scrittori per hobby per i librai è "spazzatura"
Scrittori per hobby per i librai è "spazzatura"
EDITORIA PIRATA/2 Gli autori non professionisti si ribellano a un sistema che prende in considerazione solo pochi privilegiati. Tra i dilettanti potrebbe nascondersi un grande narratore ma nessuno lo saprà mai