L'immigrazione importa (anche) nuovi crimini

| Echi della serata di presentazione del libro "I se e il ma delle investigazioni" di Fabio Federici ed Alessandro Meluzzi, edito da OLIGO, casa editrice di Mantova, analisi dei delitti in famiglia, un vero problema sociale

+ Miei preferiti
di GERMANA ZUFFANTI

Come l'ondata immigratoria ha cambiato anche la qualità e la quantità di delitti in Italia. Se la Sharia prevede attenuanti e assoluzioni per chi uccide la donna adultera, accade che in Inghilterra e in Norvegia alcune corti tengano in conto anche questi aspetti. E il delitto di Macerata, la ragazza uccisa e fatta pezzi da tre nigeriani, apre squarci inquietanti sulle tradizioni che importiamo assieme ai migranti. Nel Centro-Africa il dissezionamento dei corpi è una pratica tutt'altro che infrequente e ha quasi un valore animistico, ha spiegato Meluzzi affrontando questo tema delicato e controverso. Tanto è emerso nel corso presentazione sabato nella la Sala Grande del Circolo dei Lettori  di Torino, del libro dal titolo Il se e il ma delle investigazioni" di Fabio Federici ed Alessandro Meluzzi, edito da  OLIGO, casa editrice che ha presenziato all’evento, davanti con molti esperti del settore ed ascoltatori curiosi e attenti.  Oltre ai due autori, sono intervenuti Giorgio Vitari, Avvocato Generale presso la Corte d'Appello di Torino, Ilaria Mura giornalista di punta ed inviata della trasmissione televisiva “Quarto Grado”. Ha moderato Celestina Germana Zuffanti (Università di Torino), Il libro è stato raccontato, tra riflessioni criminologiche, di diritto e d’esperienza sul campo, da Federici a partire dalla copertina diisegnata da Luigi Piccatto, una delle firme di Dylan Dog, con l'immaine della dea della giustizia bendata, aspetto che ha indotto Vitari a suggerirgli di togliere quella benda. "La dea, se amministra la giusizia", deve "vederci benissimo".  Qual è il senso dell’investigare un caso criminoso? Addentrarsi in un labirinto di indizi e tracce,  interpretarle alla luce di tre fari illuminanti che, come in un grafico cartesiano, disegnano le coordinate di chi si approccia alle investigazioni : sub iudice, pro veritate, pro iustitia. Quindi si è discusso con il Professor Meluzzi sui termini utilizzati spesso erroneamente dai non addetti del settore che ha parlato di criminologia classica ed investigativa, nonché della nuova figura del “ crime analyst”  ricordando delle origini dell’antropologia criminale in una città come Torino dove ha vissuto ed operato Cesare Lombroso.  Con il dottor Vitari, già procuratore capo di Asti, si è parlato di processo penale, della costruzione delle prove portate davanti al giudice , nonché di scena del crimine, di come possa essere letta  o “ contaminata”. I due giornalisti  hanno illustrato come si svolge e quanto possa influire sull’intera investigazione l’attività giornalistica, di come i mass media sia importanti a formare l’opinione pubblica e quanto possano, invece, coadiuvare le indagini. Ilaria Mura ha citato omicidi importanti e sugli stessi si è ragionato percorrendo tematiche del libro. C'era anche Biagio Fabrizio Carillo, criminologo, docente, tenente colonnello dei carabinieri, autore di libri che trattano - appunto- dell’investigatore  obbligato a divenare anche o quasi un criminologo.

 

 

Cultura
La Casa delle Arti, nel cuore di Torino
La Casa delle Arti, nel cuore di Torino
Un nuovo polo culturale nel Borgo Medievale del Valentino dedicato ad Alfonso d'Andrade, fondato da due operatori ambizioni e combattivi, Enrica Merlo e Max Ponte. Il progetto e le idee
L'Italia è ancora (molto) omofoba
L
Nel romanzo "Un'altra metà" di Streusa si racconta come l'omofobia ancora si manifesta nella società e come combatterla in modo coraggioso, aperto e senza pregiudizi
Prima lo stalker s'innamora e poi odia
Prima lo stalker s
Nel romanzo "La rete" di Elisa Giobbi (ed. Stampa Alternativa) una storia drammatica che si ispira al diffuso fenomeno dello stalking. Tra condanne, immeritato perdono e continui cambi di scena
Follia è non avere paura
Follia è non avere paura
"Words" di Alessandro Gatta è un viaggio nell'autocoscienza, ma davvero senza filtri o limiti. La voce e la parola, gli artisti scelti come compagni di vita. Felici o infelici, il costo è sempre alto. Ma entusiasmante
Una donna libera (anche) in Marocco
Una donna libera (anche) in Marocco
La scrittrice marocchina Ilham Belfakir, nel romanzo "I miei perché" (Il Mulino Onlus Editore) racconta la vita di Zina che lotta faticosamente e con rabbia, come tante altre donne arabe, per libertà e tolleranza
Come insegnare ai bambini a difendersi dai pedofili
Come insegnare ai bambini a difendersi dai pedofili
La scrittrice e psicologa Anna Caiati ha scritto una fiaba su un tema delicato e controverso, titolo "Meglio così" (ed Il Temperino Rosso", in cui mette in guardia i bambini dai pedofili
Scrittori emergenti, la mafia dei social
Scrittori emergenti, la mafia dei social
INCHIESTA Per entrare nei gruppi regole ferree. Gli amministratori distruggono o esaltano gli autori. Ma con quale criterio? Una giungla feroce e crudele con l'ombra pesante di speculazioni editoriali
Il cerchio magico delle donne
Il cerchio magico delle donne
Nel libro di Elena Grilli, analisi anche crudele del complesso rapporto che si instaura fra le donne, tra invidie, cattiveria ma anche una solidarietà, un calore e una complicità che nasce dall'istinto
Uomo contro donna, l'amore vince la violenza
Uomo contro donna, l
Nel romanzo "Parlami di lei" (edizioni Convalle), Francesco Lisa si addentra in un tema controverso e delicato, la violenza di un uomo su una donna, sullo sfondo il coro di un contesto familiare solo in apparenza sereno
Gli uomini italiani preferiscono le romene
Gli uomini italiani preferiscono le romene
Aumentano i matrimoni tra italiani e straniere, il 20 per cento con spose romene, seguono ucraine e russe. Parla una manager, Felicia Biliboc