L'immigrazione importa (anche) nuovi crimini

| Echi della serata di presentazione del libro "I se e il ma delle investigazioni" di Fabio Federici ed Alessandro Meluzzi, edito da OLIGO, casa editrice di Mantova, analisi dei delitti in famiglia, un vero problema sociale

+ Miei preferiti
di GERMANA ZUFFANTI

Come l'ondata immigratoria ha cambiato anche la qualità e la quantità di delitti in Italia. Se la Sharia prevede attenuanti e assoluzioni per chi uccide la donna adultera, accade che in Inghilterra e in Norvegia alcune corti tengano in conto anche questi aspetti. E il delitto di Macerata, la ragazza uccisa e fatta pezzi da tre nigeriani, apre squarci inquietanti sulle tradizioni che importiamo assieme ai migranti. Nel Centro-Africa il dissezionamento dei corpi è una pratica tutt'altro che infrequente e ha quasi un valore animistico, ha spiegato Meluzzi affrontando questo tema delicato e controverso. Tanto è emerso nel corso presentazione sabato nella la Sala Grande del Circolo dei Lettori  di Torino, del libro dal titolo Il se e il ma delle investigazioni" di Fabio Federici ed Alessandro Meluzzi, edito da  OLIGO, casa editrice che ha presenziato all’evento, davanti con molti esperti del settore ed ascoltatori curiosi e attenti.  Oltre ai due autori, sono intervenuti Giorgio Vitari, Avvocato Generale presso la Corte d'Appello di Torino, Ilaria Mura giornalista di punta ed inviata della trasmissione televisiva “Quarto Grado”. Ha moderato Celestina Germana Zuffanti (Università di Torino), Il libro è stato raccontato, tra riflessioni criminologiche, di diritto e d’esperienza sul campo, da Federici a partire dalla copertina diisegnata da Luigi Piccatto, una delle firme di Dylan Dog, con l'immaine della dea della giustizia bendata, aspetto che ha indotto Vitari a suggerirgli di togliere quella benda. "La dea, se amministra la giusizia", deve "vederci benissimo".  Qual è il senso dell’investigare un caso criminoso? Addentrarsi in un labirinto di indizi e tracce,  interpretarle alla luce di tre fari illuminanti che, come in un grafico cartesiano, disegnano le coordinate di chi si approccia alle investigazioni : sub iudice, pro veritate, pro iustitia. Quindi si è discusso con il Professor Meluzzi sui termini utilizzati spesso erroneamente dai non addetti del settore che ha parlato di criminologia classica ed investigativa, nonché della nuova figura del “ crime analyst”  ricordando delle origini dell’antropologia criminale in una città come Torino dove ha vissuto ed operato Cesare Lombroso.  Con il dottor Vitari, già procuratore capo di Asti, si è parlato di processo penale, della costruzione delle prove portate davanti al giudice , nonché di scena del crimine, di come possa essere letta  o “ contaminata”. I due giornalisti  hanno illustrato come si svolge e quanto possa influire sull’intera investigazione l’attività giornalistica, di come i mass media sia importanti a formare l’opinione pubblica e quanto possano, invece, coadiuvare le indagini. Ilaria Mura ha citato omicidi importanti e sugli stessi si è ragionato percorrendo tematiche del libro. C'era anche Biagio Fabrizio Carillo, criminologo, docente, tenente colonnello dei carabinieri, autore di libri che trattano - appunto- dell’investigatore  obbligato a divenare anche o quasi un criminologo.

 

 

Cultura
Figli dello stesso fango, sballo mortale
Figli dello stesso fango, sballo mortale
Il romanzo di Daniele Amitrano (ed. 13lab) racconta il mondo della droga, in ogni suo aspetto. I danni alla saluta per chi fa uso di stupefacenti e gli incidenti del sabato sera
Tutti pazzi per le rievocazioni storiche
Tutti pazzi per le rievocazioni storiche
Scoppia la febbre delle feste in costume presso prestigiose residenze reali. Intanto i gruppi storici faticano a sopravvivere, come nel caso emblematico di Venaria Reale
Torino, se la cultura č accessibile a tutti
Torino, se la cultura č accessibile a tutti
Forum il 16 e il 17 ottobre nell'Aula Magna della Cavallerizza Reale, con rappresentanti delle metropoli di tutti il mondo, da Montreal a Copenaghen. Al centro la libertā di muoversi e di rinnovarsi
Menti Insolite fa tappa a Torino
Menti Insolite fa tappa a Torino
Fra i primi appuntamenti del nuovo ciclo di incontri dell’Unione Industriale, fa il pieno di pubblico la presentazione del volume scritto a sei mani da Fabio Federici, Alessandro Meluzzi e Massimo Numa
La ragazza del Sud sfida l''Ndrangheta
La ragazza del Sud sfida l
La vibonese Titti Preta, nel romanzo omonimo, traccia lo scenario e l'ambiente in cui č costretto a vivere chi mafioso non č. Tra contraddizioni, atti di silenzioso eroismo e una rivolta civile contro l'acquiescenza al crimine
L'Iran, la star del Salone del Libro, uccide sposa-bambina
L
Zeinab Sekaavand aveva 17 anni quando uccise il marito che aveva sposato quando ne aveva 15. Lo aveva denunciato alla polizia per le sevizie subite senza esito. Il Salone del Libro di Torino 2019 dedicato all'Iran. Ma č opportuno?
Il tumore si combatte ma senza facili illusioni
Il tumore si combatte ma senza facili illusioni
La storia di Sara, che ha affrontato una rara malattia scoprendo un altro mondo, quello dei malati dimenticati e isolati. Lo ha raccontato nel libro "Al di lā della tempesta", ed. Gruppo Albatros Il Filo. L'intervista
Se uno vale uno, un idiota uno quanto vale?
Se uno vale uno, un idiota uno quanto vale?
Nel romanzo di Christian Baiotto (ed. Intrecci) "La ricerca della stupiditā" un viaggio in una societā anonima, stereotipata e piena di inconfessabili paure
Disturbo borderline, l'incubo e il riscatto
Disturbo borderline, l
L'autobiografia di Martin B. nel libro "Borderline, Storia di un ragazzo interrotto" ed. Eremon, scava nel profondo nella vita di persone che gli psichiatri hanno bollato come vittime di disturbi indefinibili
Somalia, dove lo stupro č legge
Somalia, dove lo stupro č legge
Nel romanzo Amnesia di Paola Di Nino (ed. Leone Editore) la storia di una donna schiava che, persa la memoria dopo esperienze terribili, torna a vivere una seconda vita. Sullo sfondo lo sfruttamento e le violenze sulle donne