La storia di Kike, scrittore spazzino

| Ogni notte ripulisce le banchine della metropolitana di Buenos Aires, ma di giorno diventa uno scrittore di successo

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
François Mauriac, lo scrittore francese premio Nobel per la letteratura, lo diceva spesso: “Lo scrittore è soltanto un uomo che non si rassegna alla solitudine”.

La solitudine di Enrique Ferrari, per gli amici “Kike”, 44 anni, sta tutta in un’esistenza che divide fra il sacro fuoco della scrittura e la necessità di mantenere al mondo se stesso e la sua famiglia. Tanti scrivono, pochi riescono a camparci, ancora meno quelli che sanno fare pace col destino.

Kike ci è riuscito, trovando un equilibrio perfino nell’amarezza di non poter dedicare tutto il tempo possibile alla sua passione. Di notte, Enrique Ferrari lavora come spazzino nella metropolitana di Buenos Aires: dalle 11 di sera alle 5 del mattino toglie cartacce dalle fermate delle sei linee di “El subte”, come la chiamano i bonaerensi.

È stata la scrittura a salvarlo, nel mezzo di un periodo da dimenticare: senza un lavoro, alle prese con il divorzio dalla prima moglie e perfino nella band dove militava, ognuno per la propria strada. “Ho iniziato per disperazione, un pomeriggio seduto in un bar con un quaderno da una parte e una birra dall’altra”. Due anni dopo esce il suo primo libro, con il destino che finalmente si decide a restituire qualcosa: un suo racconto, “Que de lejos parecen moscas”, conquista il premio di scrittura indetto dall’istituto culturale “Casa de las Américas”, a Cuba. Il suo genere è il “noir”: Kike racconta storie taglienti e a tratti violente di gente disperata nell’Argentina post dittatura. Nel 2012 arriva in finale al “Grand Prix de Littérature Policière”, premio letterario francese, e subito dopo si porta a casa il primo posto alla “Semana Negra” di Gijon, in Spagna. Non basta ancora, perché i suoi libri invadono prima il Sudamerica, quindi l’Europa, tradotti nelle varie lingue. 

Un successo, che però non basta a pagare le bollette. “Ho amici scrittori che si arrangiano dando ripetizioni, correggendo le bozze o come ‘ghost writer” per case editrici. Io ho fatto di tutto: elettricista, panettiere, autista, venditore ambulante, poi ho trovato un lavoro presso l’azienda dei trasporti pubblici di Buenos Aires, pulisco le banchine della metropolitana di notte, e nel silenzio penso alle mie storie, che scrivo il giorno dopo. O meglio, che tento di scrivere, perché con tre figli non è semplice”.

In Argentina la sua storia ha conquistato tutti: lo chiamano lo “scrittore della metropolitana”, ma a lui non piace. “So di essere un caso, perché da queste parti c’è la convinzione che dalla classe operaia non possa venir fuori cultura: sono l’eccezione che conferma la regola”.

Cultura
E per padre Steve Jobs
E per padre Steve Jobs
Lisa Brennan-Jobs, la prima figlia del genio della Apple, quella riconosciuta solo a 27 anni dalla nascita, racconta in un libro il rapporto difficile ma affettuoso con un padre ingombrante
Dalla California con… stile
Dalla California con… stile
Dopo molti anni di esperienza come responsabile di numerosi centri di design (tra cui Lancia e Fiat) Mike Robinson affronta nuove sfide: pittore iperrealista, stilista freelance, futurologo, scrittore. Con l’entusiasmo di un ragazzino
Tesoro archeologico in centro a Torino
Tesoro archeologico in centro a Torino
Le mura seicentesche del sistema difensivo della città sono riemerse nel corso degli scavi per un parcheggio sotterraneo. Nuova area archeologica. Franco Cravarezza, direttore del Museo: "Patrimonio immenso e prezioso"
Federici e Meluzzi, incetta di premi
Federici e Meluzzi, incetta di premi
“Il se e il ma delle investigazioni”, scritto a quattro mani dal colonnello Federici e dello psichiatra Meluzzi, è una finestra aperta nel complicato e affascinante mondo delle investigazioni. Un lavoro che miete consensi
Leggere è un po’ morire
Leggere è un po’ morire
Una vicenda che ricorda la trama de “Il nome della Rosa”: su tre volumi antichi, due ricercatori danesi ha rinvenuto tracce di un potente veleno
Decapitò lo zio ma vince premio letterario
Decapitò lo zio ma vince premio letterario
Claudio Borgarelli è stato condannato a 30 anni, è un detenuto modello che s'è iscritto all'università. Nel 2016 aveva ucciso lo zio per un sentiero conteso nelle campagne genovesi. Il racconto rievoca il delitto
I grandi classici? Fotocopie
I grandi classici? Fotocopie
Secondo una teoria discussa e discutibile, esisterebbero soltanto sei tipi di trame che si ripetono pressoché all’infinito. Un algoritmo ha analizzato 1700 grandi romanzi, trovando un mare di ripetizioni
Becoming, le memorie di Michelle
Becoming, le memorie di Michelle
L’ex First Lady sta per dare alle stampa la sua autobiografia: ricordi, fatiche, delusioni e vittoria di una donna forte e tenace, che gli americani sognano di rivedere alla Casa Bianca, ma come presidente
Bimbi migranti, viaggio nell'inferno
Bimbi migranti, viaggio nell
Lucia De Marchi racconta nel libro "A piccoli passi" le drammatiche vicende dei bambini migranti in Occidente, 15 mila risultano scomparsi in Italia, lungo i percorsi gestiti dai racket
Ricco, senza scrupoli ma terribilmente pop
Ricco, senza scrupoli ma terribilmente pop
Il libro del vicedirettore del Tg1 Gennaro Sangiuliano presentato all'Unione Industriali apre squarci inediti sulla figura del controverso presidente Usa. L'ultima gaffe con francesi e inglesi: "Armatevi"