La storia di Kike, scrittore spazzino

| Ogni notte ripulisce le banchine della metropolitana di Buenos Aires, ma di giorno diventa uno scrittore di successo

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
François Mauriac, lo scrittore francese premio Nobel per la letteratura, lo diceva spesso: “Lo scrittore è soltanto un uomo che non si rassegna alla solitudine”.

La solitudine di Enrique Ferrari, per gli amici “Kike”, 44 anni, sta tutta in un’esistenza che divide fra il sacro fuoco della scrittura e la necessità di mantenere al mondo se stesso e la sua famiglia. Tanti scrivono, pochi riescono a camparci, ancora meno quelli che sanno fare pace col destino.

Kike ci è riuscito, trovando un equilibrio perfino nell’amarezza di non poter dedicare tutto il tempo possibile alla sua passione. Di notte, Enrique Ferrari lavora come spazzino nella metropolitana di Buenos Aires: dalle 11 di sera alle 5 del mattino toglie cartacce dalle fermate delle sei linee di “El subte”, come la chiamano i bonaerensi.

È stata la scrittura a salvarlo, nel mezzo di un periodo da dimenticare: senza un lavoro, alle prese con il divorzio dalla prima moglie e perfino nella band dove militava, ognuno per la propria strada. “Ho iniziato per disperazione, un pomeriggio seduto in un bar con un quaderno da una parte e una birra dall’altra”. Due anni dopo esce il suo primo libro, con il destino che finalmente si decide a restituire qualcosa: un suo racconto, “Que de lejos parecen moscas”, conquista il premio di scrittura indetto dall’istituto culturale “Casa de las Américas”, a Cuba. Il suo genere è il “noir”: Kike racconta storie taglienti e a tratti violente di gente disperata nell’Argentina post dittatura. Nel 2012 arriva in finale al “Grand Prix de Littérature Policière”, premio letterario francese, e subito dopo si porta a casa il primo posto alla “Semana Negra” di Gijon, in Spagna. Non basta ancora, perché i suoi libri invadono prima il Sudamerica, quindi l’Europa, tradotti nelle varie lingue. 

Un successo, che però non basta a pagare le bollette. “Ho amici scrittori che si arrangiano dando ripetizioni, correggendo le bozze o come ‘ghost writer” per case editrici. Io ho fatto di tutto: elettricista, panettiere, autista, venditore ambulante, poi ho trovato un lavoro presso l’azienda dei trasporti pubblici di Buenos Aires, pulisco le banchine della metropolitana di notte, e nel silenzio penso alle mie storie, che scrivo il giorno dopo. O meglio, che tento di scrivere, perché con tre figli non è semplice”.

In Argentina la sua storia ha conquistato tutti: lo chiamano lo “scrittore della metropolitana”, ma a lui non piace. “So di essere un caso, perché da queste parti c’è la convinzione che dalla classe operaia non possa venir fuori cultura: sono l’eccezione che conferma la regola”.

Cultura
La Casa delle Arti, nel cuore di Torino
La Casa delle Arti, nel cuore di Torino
Un nuovo polo culturale nel Borgo Medievale del Valentino dedicato ad Alfonso d'Andrade, fondato da due operatori ambizioni e combattivi, Enrica Merlo e Max Ponte. Il progetto e le idee
L'Italia è ancora (molto) omofoba
L
Nel romanzo "Un'altra metà" di Streusa si racconta come l'omofobia ancora si manifesta nella società e come combatterla in modo coraggioso, aperto e senza pregiudizi
Prima lo stalker s'innamora e poi odia
Prima lo stalker s
Nel romanzo "La rete" di Elisa Giobbi (ed. Stampa Alternativa) una storia drammatica che si ispira al diffuso fenomeno dello stalking. Tra condanne, immeritato perdono e continui cambi di scena
Follia è non avere paura
Follia è non avere paura
"Words" di Alessandro Gatta è un viaggio nell'autocoscienza, ma davvero senza filtri o limiti. La voce e la parola, gli artisti scelti come compagni di vita. Felici o infelici, il costo è sempre alto. Ma entusiasmante
Una donna libera (anche) in Marocco
Una donna libera (anche) in Marocco
La scrittrice marocchina Ilham Belfakir, nel romanzo "I miei perché" (Il Mulino Onlus Editore) racconta la vita di Zina che lotta faticosamente e con rabbia, come tante altre donne arabe, per libertà e tolleranza
Come insegnare ai bambini a difendersi dai pedofili
Come insegnare ai bambini a difendersi dai pedofili
La scrittrice e psicologa Anna Caiati ha scritto una fiaba su un tema delicato e controverso, titolo "Meglio così" (ed Il Temperino Rosso", in cui mette in guardia i bambini dai pedofili
Scrittori emergenti, la mafia dei social
Scrittori emergenti, la mafia dei social
INCHIESTA Per entrare nei gruppi regole ferree. Gli amministratori distruggono o esaltano gli autori. Ma con quale criterio? Una giungla feroce e crudele con l'ombra pesante di speculazioni editoriali
Il cerchio magico delle donne
Il cerchio magico delle donne
Nel libro di Elena Grilli, analisi anche crudele del complesso rapporto che si instaura fra le donne, tra invidie, cattiveria ma anche una solidarietà, un calore e una complicità che nasce dall'istinto
Uomo contro donna, l'amore vince la violenza
Uomo contro donna, l
Nel romanzo "Parlami di lei" (edizioni Convalle), Francesco Lisa si addentra in un tema controverso e delicato, la violenza di un uomo su una donna, sullo sfondo il coro di un contesto familiare solo in apparenza sereno
Gli uomini italiani preferiscono le romene
Gli uomini italiani preferiscono le romene
Aumentano i matrimoni tra italiani e straniere, il 20 per cento con spose romene, seguono ucraine e russe. Parla una manager, Felicia Biliboc