La storia di Kike, scrittore spazzino

| Ogni notte ripulisce le banchine della metropolitana di Buenos Aires, ma di giorno diventa uno scrittore di successo

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
François Mauriac, lo scrittore francese premio Nobel per la letteratura, lo diceva spesso: “Lo scrittore è soltanto un uomo che non si rassegna alla solitudine”.

La solitudine di Enrique Ferrari, per gli amici “Kike”, 44 anni, sta tutta in un’esistenza che divide fra il sacro fuoco della scrittura e la necessità di mantenere al mondo se stesso e la sua famiglia. Tanti scrivono, pochi riescono a camparci, ancora meno quelli che sanno fare pace col destino.

Kike ci è riuscito, trovando un equilibrio perfino nell’amarezza di non poter dedicare tutto il tempo possibile alla sua passione. Di notte, Enrique Ferrari lavora come spazzino nella metropolitana di Buenos Aires: dalle 11 di sera alle 5 del mattino toglie cartacce dalle fermate delle sei linee di “El subte”, come la chiamano i bonaerensi.

È stata la scrittura a salvarlo, nel mezzo di un periodo da dimenticare: senza un lavoro, alle prese con il divorzio dalla prima moglie e perfino nella band dove militava, ognuno per la propria strada. “Ho iniziato per disperazione, un pomeriggio seduto in un bar con un quaderno da una parte e una birra dall’altra”. Due anni dopo esce il suo primo libro, con il destino che finalmente si decide a restituire qualcosa: un suo racconto, “Que de lejos parecen moscas”, conquista il premio di scrittura indetto dall’istituto culturale “Casa de las Américas”, a Cuba. Il suo genere è il “noir”: Kike racconta storie taglienti e a tratti violente di gente disperata nell’Argentina post dittatura. Nel 2012 arriva in finale al “Grand Prix de Littérature Policière”, premio letterario francese, e subito dopo si porta a casa il primo posto alla “Semana Negra” di Gijon, in Spagna. Non basta ancora, perché i suoi libri invadono prima il Sudamerica, quindi l’Europa, tradotti nelle varie lingue. 

Un successo, che però non basta a pagare le bollette. “Ho amici scrittori che si arrangiano dando ripetizioni, correggendo le bozze o come ‘ghost writer” per case editrici. Io ho fatto di tutto: elettricista, panettiere, autista, venditore ambulante, poi ho trovato un lavoro presso l’azienda dei trasporti pubblici di Buenos Aires, pulisco le banchine della metropolitana di notte, e nel silenzio penso alle mie storie, che scrivo il giorno dopo. O meglio, che tento di scrivere, perché con tre figli non è semplice”.

In Argentina la sua storia ha conquistato tutti: lo chiamano lo “scrittore della metropolitana”, ma a lui non piace. “So di essere un caso, perché da queste parti c’è la convinzione che dalla classe operaia non possa venir fuori cultura: sono l’eccezione che conferma la regola”.

Cultura
Lo sguardo di un cane e l'immortalitą dell'anima
Lo sguardo di un cane e l
"Cani in posa, dall'antichitą ad oggi" in mostra da sabato 20 ottobre nella Reggia di Venaria. Ideatore il principe Fulco Ruffo di Calabria. Dai cuccioli morti a Pompei ai miti di Disney, da Pippo e Pluto. E la Pimpa di Altan
Figli dello stesso fango, sballo mortale
Figli dello stesso fango, sballo mortale
Il romanzo di Daniele Amitrano (ed. 13lab) racconta il mondo della droga, in ogni suo aspetto. I danni alla saluta per chi fa uso di stupefacenti e gli incidenti del sabato sera
Tutti pazzi per le rievocazioni storiche
Tutti pazzi per le rievocazioni storiche
Scoppia la febbre delle feste in costume presso prestigiose residenze reali. Intanto i gruppi storici faticano a sopravvivere, come nel caso emblematico di Venaria Reale
Torino, se la cultura č accessibile a tutti
Torino, se la cultura č accessibile a tutti
Forum il 16 e il 17 ottobre nell'Aula Magna della Cavallerizza Reale, con rappresentanti delle metropoli di tutti il mondo, da Montreal a Copenaghen. Al centro la libertą di muoversi e di rinnovarsi
Menti Insolite fa tappa a Torino
Menti Insolite fa tappa a Torino
Fra i primi appuntamenti del nuovo ciclo di incontri dell’Unione Industriale, fa il pieno di pubblico la presentazione del volume scritto a sei mani da Fabio Federici, Alessandro Meluzzi e Massimo Numa
La ragazza del Sud sfida l''Ndrangheta
La ragazza del Sud sfida l
La vibonese Titti Preta, nel romanzo omonimo, traccia lo scenario e l'ambiente in cui č costretto a vivere chi mafioso non č. Tra contraddizioni, atti di silenzioso eroismo e una rivolta civile contro l'acquiescenza al crimine
L'Iran, la star del Salone del Libro, uccide sposa-bambina
L
Zeinab Sekaavand aveva 17 anni quando uccise il marito che aveva sposato quando ne aveva 15. Lo aveva denunciato alla polizia per le sevizie subite senza esito. Il Salone del Libro di Torino 2019 dedicato all'Iran. Ma č opportuno?
Il tumore si combatte ma senza facili illusioni
Il tumore si combatte ma senza facili illusioni
La storia di Sara, che ha affrontato una rara malattia scoprendo un altro mondo, quello dei malati dimenticati e isolati. Lo ha raccontato nel libro "Al di lą della tempesta", ed. Gruppo Albatros Il Filo. L'intervista
Se uno vale uno, un idiota uno quanto vale?
Se uno vale uno, un idiota uno quanto vale?
Nel romanzo di Christian Baiotto (ed. Intrecci) "La ricerca della stupiditą" un viaggio in una societą anonima, stereotipata e piena di inconfessabili paure
Disturbo borderline, l'incubo e il riscatto
Disturbo borderline, l
L'autobiografia di Martin B. nel libro "Borderline, Storia di un ragazzo interrotto" ed. Eremon, scava nel profondo nella vita di persone che gli psichiatri hanno bollato come vittime di disturbi indefinibili