Librerie, meglio piccole ma specializzate

| Il caso di "AutLibri" di Torino dove c'è un'attenzione particolare per gli autori emergenti, alla ricerca di qualcosa di nuovo rispetto al facile slogan del "libro più venduto". Temi di importanza sociale e politica

+ Miei preferiti
Di Floriana Naso

Il consumismo esasperato ci regala megastore di ogni genere che spesso rovinano i centri città e i piccoli negozianti. Non scampano a questa crudeltà di mercato nemmeno i librai indipendenti, ma questa è una realtà che sanno tutti, oramai. Eppure proprio in una piccola realtà si respira la vera letteratura. Quella nata per essere tale e non per aspirare a essere “il titolo più venduto”. 

Nelle librerie a catena c’è una scelta infinita: migliaia di titoli che attendono di essere notati. È un bombardamento di informazioni che spesso stordisce impedendo l’acquisto, soprattutto da parte di chi gradisce il contatto umano e un accompagnamento alla scelta. Senza contare che, in evidenza, ci sono spesso titoli stranieri sfornati ad hoc per conquistare il mercato. Difficile dunque scovare la storia particolare, l’autore motivato a dire la propria indipendentemente da come sarà piazzato nella lista vendite.

Per esempio da AutLibri (dove i libri sono indipendenti) a Torino, via Barbaroux 8, si trovano titoli di autori emergenti di grande qualità, opere di vita vera, di esperienze vissute sul campo che toccano tematiche sociali scottanti quali immigrazione, droga, malattie, omosessualità, emarginazione, abusi, violenze. I libri vengono esposti sui banchi di vendita solo dopo un’accurata lettura da parte del libraio. “Non posso vendere qualunque cosa, devo prima accertarmi che sia di valore” ci ha detto durante la presentazione di un autore. 

Insomma, una vera e propria “missione” quella di questa piccola libreria, dove il cliente viene ascoltato e infine guidato attraverso le tante vite che attendono di essere vissute ancora una volta. Perché la scelta di un libro è importante, almeno quanto scriverlo.

 

Floriana Naso

Cultura
Federici e Meluzzi, incetta di premi
Federici e Meluzzi, incetta di premi
“Il se e il ma delle investigazioni”, scritto a quattro mani dal colonnello Federici e dello psichiatra Meluzzi, è una finestra aperta nel complicato e affascinante mondo delle investigazioni. Un lavoro che miete consensi
Leggere è un po’ morire
Leggere è un po’ morire
Una vicenda che ricorda la trama de “Il nome della Rosa”: su tre volumi antichi, due ricercatori danesi ha rinvenuto tracce di un potente veleno
Decapitò lo zio ma vince premio letterario
Decapitò lo zio ma vince premio letterario
Claudio Borgarelli è stato condannato a 30 anni, è un detenuto modello che s'è iscritto all'università. Nel 2016 aveva ucciso lo zio per un sentiero conteso nelle campagne genovesi. Il racconto rievoca il delitto
I grandi classici? Fotocopie
I grandi classici? Fotocopie
Secondo una teoria discussa e discutibile, esisterebbero soltanto sei tipi di trame che si ripetono pressoché all’infinito. Un algoritmo ha analizzato 1700 grandi romanzi, trovando un mare di ripetizioni
Becoming, le memorie di Michelle
Becoming, le memorie di Michelle
L’ex First Lady sta per dare alle stampa la sua autobiografia: ricordi, fatiche, delusioni e vittoria di una donna forte e tenace, che gli americani sognano di rivedere alla Casa Bianca, ma come presidente
Bimbi migranti, viaggio nell'inferno
Bimbi migranti, viaggio nell
Lucia De Marchi racconta nel libro "A piccoli passi" le drammatiche vicende dei bambini migranti in Occidente, 15 mila risultano scomparsi in Italia, lungo i percorsi gestiti dai racket
Ricco, senza scrupoli ma terribilmente pop
Ricco, senza scrupoli ma terribilmente pop
Il libro del vicedirettore del Tg1 Gennaro Sangiuliano presentato all'Unione Industriali apre squarci inediti sulla figura del controverso presidente Usa. L'ultima gaffe con francesi e inglesi: "Armatevi"
decimate da web e GD'>L'ecatombe delle librerie
decimate da web e GD
Ldecimate da web e GD' class='article_img2'>
Chiusure in serie in tutta Italia, a Torino cede la armi anche il "Mondo delle Meraviglie", libreria storica del centro. Le titolari: "La gente legge meno, grande distribuzione e vendite on line distruggono il settore"
Premiato il libro di Federici e Meluzzi
Premiato il libro di Federici e Meluzzi
Il "Se e il ma delle investigazioni" tra i primi tre a Cattolica. Editore Oligo
Bufera sul Nobel, quest’anno niente premi
Bufera sul Nobel, quest’anno niente premi
Non succedeva da 75 anni, ma questa volta c’è di mezzo uno scandalo che ha “minato la credibilità stessa dell’Accademia”, come ammette un comunicato ufficiale