Librerie, meglio piccole ma specializzate

| Il caso di "AutLibri" di Torino dove c'è un'attenzione particolare per gli autori emergenti, alla ricerca di qualcosa di nuovo rispetto al facile slogan del "libro più venduto". Temi di importanza sociale e politica

+ Miei preferiti
Di Floriana Naso

Il consumismo esasperato ci regala megastore di ogni genere che spesso rovinano i centri città e i piccoli negozianti. Non scampano a questa crudeltà di mercato nemmeno i librai indipendenti, ma questa è una realtà che sanno tutti, oramai. Eppure proprio in una piccola realtà si respira la vera letteratura. Quella nata per essere tale e non per aspirare a essere “il titolo più venduto”. 

Nelle librerie a catena c’è una scelta infinita: migliaia di titoli che attendono di essere notati. È un bombardamento di informazioni che spesso stordisce impedendo l’acquisto, soprattutto da parte di chi gradisce il contatto umano e un accompagnamento alla scelta. Senza contare che, in evidenza, ci sono spesso titoli stranieri sfornati ad hoc per conquistare il mercato. Difficile dunque scovare la storia particolare, l’autore motivato a dire la propria indipendentemente da come sarà piazzato nella lista vendite.

Per esempio da AutLibri (dove i libri sono indipendenti) a Torino, via Barbaroux 8, si trovano titoli di autori emergenti di grande qualità, opere di vita vera, di esperienze vissute sul campo che toccano tematiche sociali scottanti quali immigrazione, droga, malattie, omosessualità, emarginazione, abusi, violenze. I libri vengono esposti sui banchi di vendita solo dopo un’accurata lettura da parte del libraio. “Non posso vendere qualunque cosa, devo prima accertarmi che sia di valore” ci ha detto durante la presentazione di un autore. 

Insomma, una vera e propria “missione” quella di questa piccola libreria, dove il cliente viene ascoltato e infine guidato attraverso le tante vite che attendono di essere vissute ancora una volta. Perché la scelta di un libro è importante, almeno quanto scriverlo.

 

Floriana Naso

Cultura
Il male si può vincere, ma non da soli
Il male si può vincere, ma non da soli
In Oltrebosco (ed. La Strada per Babilonia), lo scrittore Lorenzo Bosisio racconta la parabola di ragazzi che hanno perso la speranza in mondi ostili. Ma si può rinascere. Con l'aiuto di chi ha voluto incrociare uno sguardo sofferente
Come evolvono le mafie
la lezione del pm Pignatone
Come evolvono le mafie<br>la lezione del pm Pignatone
Università di Torino e Libera di Don Ciotti hanno ospitato la lectio magistralis del pm di Roma sul crimine organizzato e su come si va trasformando la Piovra in Italia ma non solo
Violenza sulle donne e uomini egoisti
Violenza sulle donne e uomini egoisti
Nel romanzo di Sonia Paolini "Beethoven's Silence...io sono Irina e sono Elise..." (ed. Lettere Animate) la storia di una giovane clandestina romena vittima di violenze e abusi. Il segreto di rinascere
La vita è, o può essere, bella anche da invalidi
La vita è, o può essere, bella anche da invalidi
L'autobiografia ("Io, vivace invalida senza frontiere") di Paola Giusti, 74 anni, che 16enne fu colpita da una disabilità motoria, racconta la sua vita straordinaria tra amori, lavoro, conflitti. Senza lamentarsi mai
Non solo web, di nuovo biblioteche
Non solo web, di nuovo biblioteche
Iniziativa contro-tendenza di una circoscrizione comunale di Torino che inaugura sabato "Quinta copertina", due sale di lettura con 6 mila libri, la prima sul territorio, a cura dei volontari dell'associazione SanTourin
La Casa delle Arti, nel cuore di Torino
La Casa delle Arti, nel cuore di Torino
Un nuovo polo culturale nel Borgo Medievale del Valentino dedicato ad Alfonso d'Andrade, fondato da due operatori ambizioni e combattivi, Enrica Merlo e Max Ponte. Il progetto e le idee
L'Italia è ancora (molto) omofoba
L
Nel romanzo "Un'altra metà" di Streusa si racconta come l'omofobia ancora si manifesta nella società e come combatterla in modo coraggioso, aperto e senza pregiudizi
Prima lo stalker s'innamora e poi odia
Prima lo stalker s
Nel romanzo "La rete" di Elisa Giobbi (ed. Stampa Alternativa) una storia drammatica che si ispira al diffuso fenomeno dello stalking. Tra condanne, immeritato perdono e continui cambi di scena
Follia è non avere paura
Follia è non avere paura
"Words" di Alessandro Gatta è un viaggio nell'autocoscienza, ma davvero senza filtri o limiti. La voce e la parola, gli artisti scelti come compagni di vita. Felici o infelici, il costo è sempre alto. Ma entusiasmante
Una donna libera (anche) in Marocco
Una donna libera (anche) in Marocco
La scrittrice marocchina Ilham Belfakir, nel romanzo "I miei perché" (Il Mulino Onlus Editore) racconta la vita di Zina che lotta faticosamente e con rabbia, come tante altre donne arabe, per libertà e tolleranza