Librerie, meglio piccole ma specializzate

| Il caso di "AutLibri" di Torino dove c'è un'attenzione particolare per gli autori emergenti, alla ricerca di qualcosa di nuovo rispetto al facile slogan del "libro più venduto". Temi di importanza sociale e politica

+ Miei preferiti
Di Floriana Naso

Il consumismo esasperato ci regala megastore di ogni genere che spesso rovinano i centri città e i piccoli negozianti. Non scampano a questa crudeltà di mercato nemmeno i librai indipendenti, ma questa è una realtà che sanno tutti, oramai. Eppure proprio in una piccola realtà si respira la vera letteratura. Quella nata per essere tale e non per aspirare a essere “il titolo più venduto”. 

Nelle librerie a catena c’è una scelta infinita: migliaia di titoli che attendono di essere notati. È un bombardamento di informazioni che spesso stordisce impedendo l’acquisto, soprattutto da parte di chi gradisce il contatto umano e un accompagnamento alla scelta. Senza contare che, in evidenza, ci sono spesso titoli stranieri sfornati ad hoc per conquistare il mercato. Difficile dunque scovare la storia particolare, l’autore motivato a dire la propria indipendentemente da come sarà piazzato nella lista vendite.

Per esempio da AutLibri (dove i libri sono indipendenti) a Torino, via Barbaroux 8, si trovano titoli di autori emergenti di grande qualità, opere di vita vera, di esperienze vissute sul campo che toccano tematiche sociali scottanti quali immigrazione, droga, malattie, omosessualità, emarginazione, abusi, violenze. I libri vengono esposti sui banchi di vendita solo dopo un’accurata lettura da parte del libraio. “Non posso vendere qualunque cosa, devo prima accertarmi che sia di valore” ci ha detto durante la presentazione di un autore. 

Insomma, una vera e propria “missione” quella di questa piccola libreria, dove il cliente viene ascoltato e infine guidato attraverso le tante vite che attendono di essere vissute ancora una volta. Perché la scelta di un libro è importante, almeno quanto scriverlo.

 

Floriana Naso

Cultura
Se uno vale uno, un idiota uno quanto vale?
Se uno vale uno, un idiota uno quanto vale?
Nel romanzo di Christian Baiotto (ed. Intrecci) "La ricerca della stupidità" un viaggio in una società anonima, stereotipata e piena di inconfessabili paure
Disturbo borderline, l'incubo e il riscatto
Disturbo borderline, l
L'autobiografia di Martin B. nel libro "Borderline, Storia di un ragazzo interrotto" ed. Eremon, scava nel profondo nella vita di persone che gli psichiatri hanno bollato come vittime di disturbi indefinibili
Somalia, dove lo stupro è legge
Somalia, dove lo stupro è legge
Nel romanzo Amnesia di Paola Di Nino (ed. Leone Editore) la storia di una donna schiava che, persa la memoria dopo esperienze terribili, torna a vivere una seconda vita. Sullo sfondo lo sfruttamento e le violenze sulle donne
"Grazie sclerosi, ora sono più creativa"
"Grazie sclerosi, ora sono più creativa"
Il libro di Noria Nalli, “Avventure semiserie delle mie gambe” edito da Golem, racconta lo straordinario rapporto tra la sclerosi multipla e lo spirito/anima di una donna malata ma mai sconfitta
La vita difficile dei distributori automatici
La vita difficile dei distributori automatici
Un fotografo giapponese ha reso loro un sentito omaggio: nel suo paese si trovano ovunque, e a lui hanno quasi salvato la vita
E per padre Steve Jobs
E per padre Steve Jobs
Lisa Brennan-Jobs, la prima figlia del genio della Apple, quella riconosciuta solo a 27 anni dalla nascita, racconta in un libro il rapporto difficile ma affettuoso con un padre ingombrante
Dalla California con… stile
Dalla California con… stile
Dopo molti anni di esperienza come responsabile di numerosi centri di design (tra cui Lancia e Fiat) Mike Robinson affronta nuove sfide: pittore iperrealista, stilista freelance, futurologo, scrittore. Con l’entusiasmo di un ragazzino
Tesoro archeologico in centro a Torino
Tesoro archeologico in centro a Torino
Le mura seicentesche del sistema difensivo della città sono riemerse nel corso degli scavi per un parcheggio sotterraneo. Nuova area archeologica. Franco Cravarezza, direttore del Museo: "Patrimonio immenso e prezioso"
Federici e Meluzzi, incetta di premi
Federici e Meluzzi, incetta di premi
“Il se e il ma delle investigazioni”, scritto a quattro mani dal colonnello Federici e dello psichiatra Meluzzi, è una finestra aperta nel complicato e affascinante mondo delle investigazioni. Un lavoro che miete consensi
Leggere è un po’ morire
Leggere è un po’ morire
Una vicenda che ricorda la trama de “Il nome della Rosa”: su tre volumi antichi, due ricercatori danesi ha rinvenuto tracce di un potente veleno