Scrittori per hobby per i librai è "spazzatura"

| EDITORIA PIRATA/2 Gli autori non professionisti si ribellano a un sistema che prende in considerazione solo pochi privilegiati. Tra i dilettanti potrebbe nascondersi un grande narratore ma nessuno lo saprà mai

+ Miei preferiti
Di Floriana Naso

«La scrittura per hobby rovina il mercato! Se ci fossero solo scrittori professionisti (ovvero chi riesce a sostenersi solo scrivendo) non ci sarebbero migliaia e migliaia di titoli all’anno a intasare il mercato e molti dei quali spazzatura!»

Autori “per hobby” siete avvisati!

Chi lo dice? Alcuni librai, per esempio. 

Eh sì, perché nonostante il monopolio di Amazon, Ibs e affini, che assorbono clientela costringendo molte piccole librerie indipendenti a chiudere, molte si rifiutano di prendere in conto vendita, s’intende, autori sconosciuti, preferendo lo scrittore affermato o il nome conosciuto anche se non è professionista. 

Questo metodo di selezione è adottato anche dai grandi colossi editoriali che preferiscono pubblicare un nome blasonato (indipendentemente dal contenuto del libro) piuttosto di un esordiente, anche se ha scritto un capolavoro. Per cui se non hai almeno centomila follower su Instagram o trecentomila like sulla pagina Facebook, non hai alcuna speranza di essere, non dico pubblicato, ma almeno letto da un grande editore, a meno che, certo, tu sia un calciatore di serie A, una soubrette, una presentatrice TV o un giornalista d’assalto.

A questo punto mi chiedo: come può un esordiente diventare professionista se non riesce a far arrivare il proprio romanzo in libreria? Come può farsi conoscere se nessuno sa che ha scritto un romanzo? Come può farsi leggere da un grande editore se non ha la forza finanziaria per farsi prima molta pubblicità? 

Arrivare in libreria è difficile, non solo perché molte piccole Case Editrici (che senza l’esordiente non sopravvivrebbero) non aiutano affatto, costringendo l’autore a fare le veci dell’editore; ma anche perché, come detto, molte librerie indipendenti non vogliono prendersi il disturbo di proporre uno sconosciuto, rifiutandogli persino la concessione di una presentazione in loco.

Alcuni pretendono una copia del libro, che l’autore ha pagato, per una valutazione. Copia che, nella maggioranza dei casi, non sarà mai restituita.

Quindi addio sogni, addio speranze.

La stragrande maggioranza delle Case Editrici italiane vivono grazie agli autori esordienti che acquistano qualche copia del loro sogno da regalare a parenti e amici, dopo aver superato una dura selezione. Però poi il sistema li costringe a rimanere nel limbo, anche dopo cinque e più romanzi pubblicati.

Inutile ricordarsi che autori come Pullman, Rowling, Brown, Cummings, Wolfe, Nabokov, Orwell, London, Carver abbiano iniziato per hobby. 

Chissà se in Italia ce l’avrebbero fatta…

 
Cultura
E per padre Steve Jobs
E per padre Steve Jobs
Lisa Brennan-Jobs, la prima figlia del genio della Apple, quella riconosciuta solo a 27 anni dalla nascita, racconta in un libro il rapporto difficile ma affettuoso con un padre ingombrante
Dalla California con… stile
Dalla California con… stile
Dopo molti anni di esperienza come responsabile di numerosi centri di design (tra cui Lancia e Fiat) Mike Robinson affronta nuove sfide: pittore iperrealista, stilista freelance, futurologo, scrittore. Con l’entusiasmo di un ragazzino
Tesoro archeologico in centro a Torino
Tesoro archeologico in centro a Torino
Le mura seicentesche del sistema difensivo della città sono riemerse nel corso degli scavi per un parcheggio sotterraneo. Nuova area archeologica. Franco Cravarezza, direttore del Museo: "Patrimonio immenso e prezioso"
Federici e Meluzzi, incetta di premi
Federici e Meluzzi, incetta di premi
“Il se e il ma delle investigazioni”, scritto a quattro mani dal colonnello Federici e dello psichiatra Meluzzi, è una finestra aperta nel complicato e affascinante mondo delle investigazioni. Un lavoro che miete consensi
Leggere è un po’ morire
Leggere è un po’ morire
Una vicenda che ricorda la trama de “Il nome della Rosa”: su tre volumi antichi, due ricercatori danesi ha rinvenuto tracce di un potente veleno
Decapitò lo zio ma vince premio letterario
Decapitò lo zio ma vince premio letterario
Claudio Borgarelli è stato condannato a 30 anni, è un detenuto modello che s'è iscritto all'università. Nel 2016 aveva ucciso lo zio per un sentiero conteso nelle campagne genovesi. Il racconto rievoca il delitto
I grandi classici? Fotocopie
I grandi classici? Fotocopie
Secondo una teoria discussa e discutibile, esisterebbero soltanto sei tipi di trame che si ripetono pressoché all’infinito. Un algoritmo ha analizzato 1700 grandi romanzi, trovando un mare di ripetizioni
Becoming, le memorie di Michelle
Becoming, le memorie di Michelle
L’ex First Lady sta per dare alle stampa la sua autobiografia: ricordi, fatiche, delusioni e vittoria di una donna forte e tenace, che gli americani sognano di rivedere alla Casa Bianca, ma come presidente
Bimbi migranti, viaggio nell'inferno
Bimbi migranti, viaggio nell
Lucia De Marchi racconta nel libro "A piccoli passi" le drammatiche vicende dei bambini migranti in Occidente, 15 mila risultano scomparsi in Italia, lungo i percorsi gestiti dai racket
Ricco, senza scrupoli ma terribilmente pop
Ricco, senza scrupoli ma terribilmente pop
Il libro del vicedirettore del Tg1 Gennaro Sangiuliano presentato all'Unione Industriali apre squarci inediti sulla figura del controverso presidente Usa. L'ultima gaffe con francesi e inglesi: "Armatevi"