Scrittori per hobby per i librai è "spazzatura"

| EDITORIA PIRATA/2 Gli autori non professionisti si ribellano a un sistema che prende in considerazione solo pochi privilegiati. Tra i dilettanti potrebbe nascondersi un grande narratore ma nessuno lo saprà mai

+ Miei preferiti
Di Floriana Naso

«La scrittura per hobby rovina il mercato! Se ci fossero solo scrittori professionisti (ovvero chi riesce a sostenersi solo scrivendo) non ci sarebbero migliaia e migliaia di titoli all’anno a intasare il mercato e molti dei quali spazzatura!»

Autori “per hobby” siete avvisati!

Chi lo dice? Alcuni librai, per esempio. 

Eh sì, perché nonostante il monopolio di Amazon, Ibs e affini, che assorbono clientela costringendo molte piccole librerie indipendenti a chiudere, molte si rifiutano di prendere in conto vendita, s’intende, autori sconosciuti, preferendo lo scrittore affermato o il nome conosciuto anche se non è professionista. 

Questo metodo di selezione è adottato anche dai grandi colossi editoriali che preferiscono pubblicare un nome blasonato (indipendentemente dal contenuto del libro) piuttosto di un esordiente, anche se ha scritto un capolavoro. Per cui se non hai almeno centomila follower su Instagram o trecentomila like sulla pagina Facebook, non hai alcuna speranza di essere, non dico pubblicato, ma almeno letto da un grande editore, a meno che, certo, tu sia un calciatore di serie A, una soubrette, una presentatrice TV o un giornalista d’assalto.

A questo punto mi chiedo: come può un esordiente diventare professionista se non riesce a far arrivare il proprio romanzo in libreria? Come può farsi conoscere se nessuno sa che ha scritto un romanzo? Come può farsi leggere da un grande editore se non ha la forza finanziaria per farsi prima molta pubblicità? 

Arrivare in libreria è difficile, non solo perché molte piccole Case Editrici (che senza l’esordiente non sopravvivrebbero) non aiutano affatto, costringendo l’autore a fare le veci dell’editore; ma anche perché, come detto, molte librerie indipendenti non vogliono prendersi il disturbo di proporre uno sconosciuto, rifiutandogli persino la concessione di una presentazione in loco.

Alcuni pretendono una copia del libro, che l’autore ha pagato, per una valutazione. Copia che, nella maggioranza dei casi, non sarà mai restituita.

Quindi addio sogni, addio speranze.

La stragrande maggioranza delle Case Editrici italiane vivono grazie agli autori esordienti che acquistano qualche copia del loro sogno da regalare a parenti e amici, dopo aver superato una dura selezione. Però poi il sistema li costringe a rimanere nel limbo, anche dopo cinque e più romanzi pubblicati.

Inutile ricordarsi che autori come Pullman, Rowling, Brown, Cummings, Wolfe, Nabokov, Orwell, London, Carver abbiano iniziato per hobby. 

Chissà se in Italia ce l’avrebbero fatta…

 
Cultura
La Casa delle Arti, nel cuore di Torino
La Casa delle Arti, nel cuore di Torino
Un nuovo polo culturale nel Borgo Medievale del Valentino dedicato ad Alfonso d'Andrade, fondato da due operatori ambizioni e combattivi, Enrica Merlo e Max Ponte. Il progetto e le idee
L'Italia è ancora (molto) omofoba
L
Nel romanzo "Un'altra metà" di Streusa si racconta come l'omofobia ancora si manifesta nella società e come combatterla in modo coraggioso, aperto e senza pregiudizi
Prima lo stalker s'innamora e poi odia
Prima lo stalker s
Nel romanzo "La rete" di Elisa Giobbi (ed. Stampa Alternativa) una storia drammatica che si ispira al diffuso fenomeno dello stalking. Tra condanne, immeritato perdono e continui cambi di scena
Follia è non avere paura
Follia è non avere paura
"Words" di Alessandro Gatta è un viaggio nell'autocoscienza, ma davvero senza filtri o limiti. La voce e la parola, gli artisti scelti come compagni di vita. Felici o infelici, il costo è sempre alto. Ma entusiasmante
Una donna libera (anche) in Marocco
Una donna libera (anche) in Marocco
La scrittrice marocchina Ilham Belfakir, nel romanzo "I miei perché" (Il Mulino Onlus Editore) racconta la vita di Zina che lotta faticosamente e con rabbia, come tante altre donne arabe, per libertà e tolleranza
Come insegnare ai bambini a difendersi dai pedofili
Come insegnare ai bambini a difendersi dai pedofili
La scrittrice e psicologa Anna Caiati ha scritto una fiaba su un tema delicato e controverso, titolo "Meglio così" (ed Il Temperino Rosso", in cui mette in guardia i bambini dai pedofili
Scrittori emergenti, la mafia dei social
Scrittori emergenti, la mafia dei social
INCHIESTA Per entrare nei gruppi regole ferree. Gli amministratori distruggono o esaltano gli autori. Ma con quale criterio? Una giungla feroce e crudele con l'ombra pesante di speculazioni editoriali
Il cerchio magico delle donne
Il cerchio magico delle donne
Nel libro di Elena Grilli, analisi anche crudele del complesso rapporto che si instaura fra le donne, tra invidie, cattiveria ma anche una solidarietà, un calore e una complicità che nasce dall'istinto
Uomo contro donna, l'amore vince la violenza
Uomo contro donna, l
Nel romanzo "Parlami di lei" (edizioni Convalle), Francesco Lisa si addentra in un tema controverso e delicato, la violenza di un uomo su una donna, sullo sfondo il coro di un contesto familiare solo in apparenza sereno
Gli uomini italiani preferiscono le romene
Gli uomini italiani preferiscono le romene
Aumentano i matrimoni tra italiani e straniere, il 20 per cento con spose romene, seguono ucraine e russe. Parla una manager, Felicia Biliboc