Tesoro archeologico in centro a Torino

| Le mura seicentesche del sistema difensivo della città sono riemerse nel corso degli scavi per un parcheggio sotterraneo. Nuova area archeologica. Franco Cravarezza, direttore del Museo: "Patrimonio immenso e prezioso"

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

Da oggi Torino ha una nuova area archeologica, dopo quella storica del Teatro Romano vicino alla Porta Palatina e al Duomo. Questo grazie al recupero di opere fortificate di “superficie” della Cittadella del capoluogo sabaudo dai tempi della sua demolizione, nella seconda metà del XIX secolo. Le opere murarie, relative all’antico sistema difensivo della città di epoca seicentesca, sono venute alla luce durante gli scavi per la costruzione del parcheggio interrato di corso Galileo Ferraris, in centro, a poche centinaia di metri dal Museo Pietro Micca e dell’assedio di Torino del 1706, al quale è andata in gestione l’area. “È un patrimonio che si unisce a quello già ampio delle gallerie sotterranee e della scala esplosa di Pietro Micca, di cui proprio quest’anno ricorrono 60 anni”, ha dichiarato durante la presentazione stampa il direttore Franco Cravarezza. “È un primo passo che ci aiuta a ben sperare di ampliare la nostra offerta espositiva”. La nuova struttura musealizzata si unisce, infatti, allo straordinario patrimonio fortificato sotterraneo recuperato in piccola parte all’inizio del ‘900 e poi, dalla fine degli anni ‘50, a cura del Museo Civico Pietro Micca e dell’omonima Associazione Amici, la cui attività ha permesso la salvaguardia di tratti molto estesi delle contromine della Cittadella e anche di parte del rifugio anti-aereo del Pastiss e del Pozzo Grande (una rete che si sviluppa per circa 20 km sottoterra): opere per le quali sono allo studio nuovi progetti di ricerca in vista della loro futura apertura al pubblico. 

SCAVI APERTI AL PUBBLICO

Intanto, d’ora in avanti, si potrà conoscere– ogni domenica dalle 15 alle 18 tramite visita guidata gratuita – questa Area archeologica del Rivellino degli Invalidi, con i resti della polveriera delle mine, salvaguardata solo in parte e unica trovata tra quelle dell’epoca, e poi la galleria di collegamento tra la polveriera e la Cittadella, entrambe risalenti agli anni ‘80 del XVII secolo. Quest’ultima è la prima grande galleria di comunicazione fino a oggi recuperata databile a questo periodo. Viene così restituito alla Città un ulteriore frammento di quella particolare ricchezza storica costituita da ciò che rimane dell’antico sistema difensivo torinese. Un patrimonio che l’Amministrazione comunale sta cercando di valorizzare, sia attraverso il restauro della porzione cinquecentesca del Mastio della Cittadella (alle cui spalle si trova l’ingresso per il Museo Pietro Micca), sia promuovendo, insieme con l’Istituzione militare, il Centro Studi e Ricerche sull’Architettura Militare del Piemonte e le Associazioni Amici del Museo di Artiglieria e del Museo Pietro Micca, la costituzione di un polo museale della Cittadella che ne consenta la fruizione, mettendolo in dialogo con le collezioni del Museo Nazionale di Artiglieria, conservate nella Caserma C. Amione. “Con l’auspicio”, conclude Cravarezza, “di creare tutti insieme quel percorso militare che fa parte del Percorso Blu che noi cerchiamo di implementare al massimo”. 

 
Cultura
Il male si può vincere, ma non da soli
Il male si può vincere, ma non da soli
In Oltrebosco (ed. La Strada per Babilonia), lo scrittore Lorenzo Bosisio racconta la parabola di ragazzi che hanno perso la speranza in mondi ostili. Ma si può rinascere. Con l'aiuto di chi ha voluto incrociare uno sguardo sofferente
Come evolvono le mafie
la lezione del pm Pignatone
Come evolvono le mafie<br>la lezione del pm Pignatone
Università di Torino e Libera di Don Ciotti hanno ospitato la lectio magistralis del pm di Roma sul crimine organizzato e su come si va trasformando la Piovra in Italia ma non solo
Violenza sulle donne e uomini egoisti
Violenza sulle donne e uomini egoisti
Nel romanzo di Sonia Paolini "Beethoven's Silence...io sono Irina e sono Elise..." (ed. Lettere Animate) la storia di una giovane clandestina romena vittima di violenze e abusi. Il segreto di rinascere
La vita è, o può essere, bella anche da invalidi
La vita è, o può essere, bella anche da invalidi
L'autobiografia ("Io, vivace invalida senza frontiere") di Paola Giusti, 74 anni, che 16enne fu colpita da una disabilità motoria, racconta la sua vita straordinaria tra amori, lavoro, conflitti. Senza lamentarsi mai
Non solo web, di nuovo biblioteche
Non solo web, di nuovo biblioteche
Iniziativa contro-tendenza di una circoscrizione comunale di Torino che inaugura sabato "Quinta copertina", due sale di lettura con 6 mila libri, la prima sul territorio, a cura dei volontari dell'associazione SanTourin
La Casa delle Arti, nel cuore di Torino
La Casa delle Arti, nel cuore di Torino
Un nuovo polo culturale nel Borgo Medievale del Valentino dedicato ad Alfonso d'Andrade, fondato da due operatori ambizioni e combattivi, Enrica Merlo e Max Ponte. Il progetto e le idee
L'Italia è ancora (molto) omofoba
L
Nel romanzo "Un'altra metà" di Streusa si racconta come l'omofobia ancora si manifesta nella società e come combatterla in modo coraggioso, aperto e senza pregiudizi
Prima lo stalker s'innamora e poi odia
Prima lo stalker s
Nel romanzo "La rete" di Elisa Giobbi (ed. Stampa Alternativa) una storia drammatica che si ispira al diffuso fenomeno dello stalking. Tra condanne, immeritato perdono e continui cambi di scena
Follia è non avere paura
Follia è non avere paura
"Words" di Alessandro Gatta è un viaggio nell'autocoscienza, ma davvero senza filtri o limiti. La voce e la parola, gli artisti scelti come compagni di vita. Felici o infelici, il costo è sempre alto. Ma entusiasmante
Una donna libera (anche) in Marocco
Una donna libera (anche) in Marocco
La scrittrice marocchina Ilham Belfakir, nel romanzo "I miei perché" (Il Mulino Onlus Editore) racconta la vita di Zina che lotta faticosamente e con rabbia, come tante altre donne arabe, per libertà e tolleranza