"The Beast", thriller nei mari tempestosi dell'isola di Jersey

| Sontuosa inaugurazione della 35a edizione del Tff, con la regia di Roberta Torre. Anteprima mondiale di "Findind your feet". Sul red carpet Biabnchyini, Bangle e Casacci

+ Miei preferiti
di BEATRICE FIDA
35a edizione del TFF, la cerimonia d'apertura torna alla Mole Antonelliana dopo dieci anni. Tra gli altri, la sezione "Torino35" presenta il thriller psicologico Beast; i corti dedicati al viaggio dilatano i confini di tempo e spazio

Venerdi 24 si è tenuta la cerimonia d'apertura del Torino Film Festival, per la regia di Roberta Torre (che presenta al TFF il musical Riccardo va all'inferno, con Massimo Ranieri); quattro illustri personaggi si sono succeduti sul palcoscenico sospeso sulla rampa elicoidale, nella suggestiTHRILLER va Aula del Tempio. A rendere ancora più cinematografica la cerimonia, lo chef stellato Ugo Alciati, lo scrittore Ugo Bianchini, il designer Chris Bangle e il musicista Max Casacci hanno reso omaggio al cinema con una performance inedita. A seguire, sono comparsi gli artisti della giuria interna e il regista e gli interpreti del film Ricomincio da me (Finding your Feet), che è stato proiettato in anteprima mondiale.

Un film degno di nota all'interno della sezione "Torino35" è il thriller psicologico Beast, di Michael Pearce. Il regista inglese nel suo primo film omaggia l'isola di Jersey, dove è sempre cresciuto, magnificamente rappresentato nella scenografia del paesaggio, terre insieme docili e inospitali. Ora un mare disteso e spiagge sabbiose, ora la natura inesplorata; è il regista stesso a definirlo uno scenario insieme "scenografico e selvaggio". Come la protagonista Moll, che abita ancora con i genitori opprimenti come la comunità dove sono inseriti, definita "un tipo selvaggio" (alludendo al suo oscuro passato) ma come la natura capace di aprirsi quando si innamora di Pascal, un cacciatore sospettato di omicidio, che infonde libertà nella ragazza oppressa ma con spirito ribelle, come in una favola moderna. La felicità dura poco; "sono uguale a te" si dicono, in una confusione suggestiva tra coniglio e cacciatore, dove i confini non sono stabili(ti), dove non solo il paesaggio è mutevole. Dove vittima e carnefice si confondono. La ragazza rimane a fianco dell'uomo nonostante tutto, ma ne patirà le nefaste conseguenze. 

Bruce Baillie nel cortoTo Parsifal ci trasporta in un paesaggio diverso per tempo e spazio, regalandoci le immagini di sublimi paesaggi americani (accompagnati non a caso dalla musica romantica di Wagner) e del loro mansueto addomesticamento all'uomo. 

Proprio al viaggio quest'anno il TFFdoc dedica il suo focus, e lo fa descrivendo tutte le sfaccettature ed emozioni che la parola è in grado di evocare. Quattro film brevi diversi tra loro ci trasportano idealmente nei luoghi e tempi più disparati (perché il viaggio non è solo una coordinata spaziale). Oltre To Parsifal, viene presentato Silencio di F.J. Ossang, che ci riporta ad un'idea primitiva di cinema e descrive gli alberi, il mare, un ponte di ferro e una donna dalla prima all'ultima ora del giorno. Margem Sul ci accompagna tramite un attore feticcio del cinema portoghese a Lisbona; infine Atlantiques di Mati Diop raccoglie la testimonianza di Serine e del suo viaggio mitico dal Senegal all'Europa, raccontato attorno ad un falò, dove le parole e non solo raggiungono vertici di poesia impensati. La proiezione dei corti è stata anticipata dalla lettura di un trafiletto de Le città invisibili di Italo Calvino, un libro che non a caso recita: "Se ti dico che la città a cui tende il mio viaggio è discontinua nello spazio e nel tempo, ora più rada ora più densa, tu non devi credere che si possa smettere di cercarla."; il viaggio non si esaurisce mai, come il cinema (che lo riflette).

Cultura
La vita difficile dei distributori automatici
La vita difficile dei distributori automatici
Un fotografo giapponese ha reso loro un sentito omaggio: nel suo paese si trovano ovunque, e a lui hanno quasi salvato la vita
E per padre Steve Jobs
E per padre Steve Jobs
Lisa Brennan-Jobs, la prima figlia del genio della Apple, quella riconosciuta solo a 27 anni dalla nascita, racconta in un libro il rapporto difficile ma affettuoso con un padre ingombrante
Dalla California con… stile
Dalla California con… stile
Dopo molti anni di esperienza come responsabile di numerosi centri di design (tra cui Lancia e Fiat) Mike Robinson affronta nuove sfide: pittore iperrealista, stilista freelance, futurologo, scrittore. Con l’entusiasmo di un ragazzino
Tesoro archeologico in centro a Torino
Tesoro archeologico in centro a Torino
Le mura seicentesche del sistema difensivo della città sono riemerse nel corso degli scavi per un parcheggio sotterraneo. Nuova area archeologica. Franco Cravarezza, direttore del Museo: "Patrimonio immenso e prezioso"
Federici e Meluzzi, incetta di premi
Federici e Meluzzi, incetta di premi
“Il se e il ma delle investigazioni”, scritto a quattro mani dal colonnello Federici e dello psichiatra Meluzzi, è una finestra aperta nel complicato e affascinante mondo delle investigazioni. Un lavoro che miete consensi
Leggere è un po’ morire
Leggere è un po’ morire
Una vicenda che ricorda la trama de “Il nome della Rosa”: su tre volumi antichi, due ricercatori danesi ha rinvenuto tracce di un potente veleno
Decapitò lo zio ma vince premio letterario
Decapitò lo zio ma vince premio letterario
Claudio Borgarelli è stato condannato a 30 anni, è un detenuto modello che s'è iscritto all'università. Nel 2016 aveva ucciso lo zio per un sentiero conteso nelle campagne genovesi. Il racconto rievoca il delitto
I grandi classici? Fotocopie
I grandi classici? Fotocopie
Secondo una teoria discussa e discutibile, esisterebbero soltanto sei tipi di trame che si ripetono pressoché all’infinito. Un algoritmo ha analizzato 1700 grandi romanzi, trovando un mare di ripetizioni
Becoming, le memorie di Michelle
Becoming, le memorie di Michelle
L’ex First Lady sta per dare alle stampa la sua autobiografia: ricordi, fatiche, delusioni e vittoria di una donna forte e tenace, che gli americani sognano di rivedere alla Casa Bianca, ma come presidente
Bimbi migranti, viaggio nell'inferno
Bimbi migranti, viaggio nell
Lucia De Marchi racconta nel libro "A piccoli passi" le drammatiche vicende dei bambini migranti in Occidente, 15 mila risultano scomparsi in Italia, lungo i percorsi gestiti dai racket