Manca la materia prima, Pirelli addio Caracas

| Dopo 28 anni l'azienda italiana, che dava lavoro a 1000 operai, lascia il Venezuela per l'impossibilità di continuare la produzione. La fabbrica acquistata da un gruppo di imprenditori locali. Per ora salvi i i posti di lavoro

+ Miei preferiti

Il gruppo Pirelli ha venduto il suo stabilimento e tutte le sue attività in Venezuela, ha annunciato l'azienda in un comunicato. L'operazione fa seguito al crollo dei conti della controllata venezuelana, avvenuto alla fine del 2015.

Pirelli, che è presente nel paese da 28 anni, ha detto che questa vendita non avrà alcun effetto finanziario sul gruppo.  L'accordo, che prevede il mantenimento dei posti di lavoro, è stato concluso con un'alleanza di imprenditori sudamericani e Sommers International. Ha chiuso i battenti lunedì per mancanza di materia prima, dicono alcune fonti.

Eduardo Piñate, del ministero económico, nel contesto del rapporto tra aziende e lo Stato, ha dichiarato in un’intervista di aver ricevuto “lamentele di lavoratori sottoposti a pressioni da parte delle aziende, infine licenziati ingiustificatamente.  Abbiamo adottato un approccio in relazione a violazioni, tentativi di chiusura di linee di produzione, chiusura di turni di lavoro, chiusura di aziende e licenziamenti", ha detto Piñate.ziende diverse", ottenendo "38 riaperture. Aveva assicurato che il caso Pirelli era stato posto immediatamente avvicinato "insieme al movimento operaio", e che doveva comunque riaprire dopo il primo stop. Alla fine s’è visto. Pirelli se n’è andata per sempre dal Venezuela. E molte altre aziende pare siano già pronte a fare le valigie.

Economia
C'è un altro Ponte Morandi, la decrepita galleria del Frejus
C
Progettata nel 1856, due binari in una sola canna. Senza uscite di sicurezza, senza vie di fuga. In caso di incendio sarebbe una strage annunciata. La responsabilità di Toninelli che tenta di bloccare anche il nuovo tunnel di base
Mattarella scrive a Conte: "Tuteli il Paese"
Mattarella scrive a Conte: "Tuteli il Paese"
Con una nota del Quirinale, forte richiamo del Presidente al governo giallo-verde, la cui manovra economica non solo fa discutere ma anche preoccupa gli italiani
Samsung e Apple, multe milionarie
Samsung e Apple, multe milionarie
L'Antitrust rivela la politica commerciale dei giganti del web, aggiornamenti per rallentare i sistemi e indurre così ad acquistare nuovi dispositivi
"Ogni italiano ha un debito di 37 mila euro"
"Ogni italiano ha un debito di 37 mila euro"
Il Guardian affossa la "manovra del popolo", i conti pubblici verso il disastro. Analisi dei media stranieri contro l'"estrema destra della Lega". Ironia sull'europarlamentare leghista che calpesta la lettera Ue
Moody’s: rating italiano a un passo dalla spazzatura
Moody’s: rating italiano a un passo dalla spazzatura
L’agenzia americana critica nei confronti della manovra economica del governo Conte, definita “incoerente”. Resta stabile invece l’outlock del paese. Rischi per un'escalation con Bruxelles che possa portare all'uscita dall'Euro
Arriva un secondo tornado finanziario
Arriva un secondo tornado finanziario
Il crollo del 2008 rischia di ripetersi. Se dovesse esplodere la bolla di un gigantesco debito globale, l'Italia (con un rapporto del 132 per 100% debito-pil, media nel mondo 52) sarà spazzata via. Allarme Fmi
Qui Group, un crack
spaventoso e devastante
Qui Group, un crack<br>spaventoso e devastante
Una voragine da 325 milioni di euro, 23 mila aziende creditrici, molte condannate alla chiusura. Mille posti di lavoro in fumo. Licenziamenti esecutivi. Sospetti su società legate alla proprietà fallita
"L'Italia ha rinnegato le sue promesse"
"L
Il giornale tedesco Handelsblatt torna sulla manovra al 2.4 e attacca il ministro Tria. Ai primi di settembre aveva garantito all'Europa che il disavanzo si sarebbe fermato all'1,6 per cento. Deroghe per il ponte Morandi? Spread a quota 300
Tramonto Tesla, Musk lascia la presidenza
Tramonto Tesla, Musk lascia la presidenza
La Sec, commissione di controllo della Borsa USA, lo costringe a dimettersi ma resta come Ceo. Sanzione da 40 milioni di dollari per aver ingannato gli azionisti su un finanziamento inesistente. Pesanti ripercussioni sul marchio
Made in Italy, la grande svendita
Made in Italy, la grande svendita
Versace è solo il più recente marchio italiano a cambiare proprietà: una lunga teoria di griffe e aziende hanno letteralmente spolpato l’operosità e la fantasia tricolore