"Siamo il Paese più povero
dell'America Latina"

| Caracas, l'economista Alvarado denuncia: "Con Maduro perso il 50 per cento della produzione, a luglio calo del 25 per cento". Produzione di petrolio ai minimi storici. Continui black out, le città al buio

+ Miei preferiti

Il membro della Commissione Permanente delle Finanze dell'Assemblea Nazionale, il deputato e economista Angel Alvarado, ha denunciato che nel primo semestre di quest'anno l'attività economica è diminuita del 25%. Lo ha detto durante la sessione ordinaria della Commissione Delegata del Parlamento tenutasi nel Palazzo Legislativo Federale. Lo scrive El Universal. Da quando Maduro ha assunto il potere, c’è stato un calo del 50,61% dell'attività economica del Venezuela. Un dato spaventoso e difficile da ricostruire perché il governo nasconde i dati della crisi, attraverso il reticente ufficio statistico della Banca Centrale del Venezuela. Cala l’economia e cala la produzione petrolifera (negli ultimi mesi del 25 per cento) e cisono continue chiusure di aziende, con i relativi licenziamenti di migliaia di persone. "Siamo diventati il paese più povero dell'America Latina, ora abbiamo più debiti e non c'è modo di pagare, questi debiti sono per più per le spese corenti, questo porta alla liquidazione dei beni della Repubblica", ha concluso l'economista Alvarado. 

La produzione di petrolio nel paese è scesa in agosto a una media di 1,23 milioni di barili al giorno (mbd), 2,8% (36 mila bd) in meno rispetto a luglio, secondo i calcoli pubblicati questo mercoledì dall'Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC).

Il parlamentare Edgar Zambrano, ha affermato che con le nuove misure economiche annunciate dal presidente Maduro, tra cui il nuovo cono monetario entrato in vigore il 20 agosto e il nuovo stipendio stabilito dal governo (1.800 bolivar sovrani), "la scala salariale viene eliminata, eliminata la meritocrazia, l'anzianità e la professionalizzazione”. Un delirio.

Il parlamentare Jorge Millán ha denunciato, dati alla mano, la situazione dell'industria petrolifera, che “produce appena 1.200.000 barili al giorno”. 

E intanto prosegue la catena di black out energetici (nella foto)  a Caracas e dintorni. In tre quartieri niente luce con la società statale incapace di dare informazioni ai cittadini rimasti al buio. A luglio lo stop aveva bloccato per ore la metropolitana e la gente si era riversata in strada per una manifestazione spontanea contro il regime di Maduro, che ha spedito la polizia con lacrimogeni e manganelli. Anche con effetti comici. “Il numero due di Maduro stava pontificando sui successi economici della nuova strategia monetaria quando è mancata la luce e la trasmissione è stata sospesa”, raccontano nella comunità italiana. Maduro parla apertamente di “sabotaggio” da parte dell’opposizione ma la gente non ci crede. In realtà il sistema energetico del Paese sta andando in pezzi e nessuno fa più manutenzione. Non è raro che manchi anche l’acqua e il gas, mentre il flusso migratorio verso Bolivia, Perù, Brasile, Ecuador non accenna a diminuire. Sono oltre un milione le persone fuggite dalla miseria e dalle folle teorie del brain trust di economisti che circondano il presidente. “Non se ne può più, il regime sta implodendo senza l’aiuto di nessuno, anche che Cia o i soliti complotti yankee. Manca il pane, manca tutto”, denunciano gli imprenditori. Per comprare una sigaretta ci vogliono decine di migliaia di bolivar, idem per il cibo o un caffè. “Abbiamo bisogno dell’Europa, di tutto il mondo, per evitare il baratro”. Intanto Maduro, con il suo numeroso staff, è in viaggio verso la Cina per strappare qualche soldo e nuovi accordi commerciali.

 

 
 

Economia
Europa all'Italia, Tav da realizzare
Europa all
UE e Francia non credono all'esito della commissione costi/benefici di Toninelli: "Collegamenti importanti da realizzare". A rischio i finanziamenti europei
Salvini: analisi No Tav non convince
Salvini: analisi No Tav non convince
La Lega blocca il tentativo grillino di affossare la Tav Torino-Lione. I risultati della commissione costi/benefici nominata da Toninelli definita "sconcertante" dai leghisti. Il ministro la difende
Diesel, crollano le vendite dopo misure M5s
Diesel, crollano le vendite dopo misure M5s
Italia e Spagna immatricolazioni in forte calo. Dopo le misure imposte dal Movimento5s crollano le vendite dei diesel (-34), tra le più colpite FCA. I dati
Crolla il Pil, Italia ultima in Europa
Crolla il Pil, Italia ultima in Europa
Moody's gela Conte e segnala il pericolo di elezioni anticipate dopo le Europee, il governo prometteva la crescita, arriva la mazzata. Dati da 0 e 0,5 in 12 mesi. Pesanti contraccolpi per occupazione e produzione
Emirates salvano il gigante A380
Emirates salvano il gigante A380
Uscirà di produzione nel 20121 ma Emirates conferma l'acquisto di 14 esemplari, poi modelli intermedi. L'aereo più grande del mondo non è riuscito a sostituire il Boeing 747
"Lo splendore dei sette mari"
"Lo splendore dei sette mari"
Fincantieri vara ad Ancona la "Seven Seat Splendor", la terza unità della serie. Un portafoglio con commesse in gradi aissucrare lavoro per anni
Crolla il mercato auto
Crolla il mercato auto
Gennaio si chiude con il 7,55% in meno rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Forte contrazione del gruppo FCA, pari al 21,6% in meno. Preoccupazione degli esperti
Londra, terrificante crack dei vip-bond
Londra, terrificante crack dei vip-bond
Buco da 250 milioni di sterline per la London Capital & Finance, non più in grado di restituire i fondi a 15mila investitori, tra cui decine di italiani. Colpa di interessi alti e di prestiti non restituiti. Legami con l'ippica
Soros, il vero nemico è Xi
Soros, il vero nemico è Xi
Il finanziere 88enne teme che la Cina utilizzi i colossi delle telecomunicazioni, il 5g, per estendere il controllo sui singoli individui. Sotto accusa Huawei e Zte. "Promuovere società libere e aperte"
Sorpresa! Le copie meglio degli originali
Sorpresa! Le copie meglio degli originali
Inchiesta del Sun e dell'istituto inglese GHI su prezzi e qualità di 8 prodotti che imitano i più famosi originali, dalla Nutella ai detersivi. In base ai test, si potrebbe risparmiare senza perdere nulla