Il sacrificio dimenticato di Lorenzo, assassinato dalle Brigate Rosse

| Celebrato a Torino il quarantennale della morte dell'agente della polizia penitenziaria Lorenzo Cutugno. Pochi i politici presenti. L'Osapp: "Bloccare l'ingresso dei terroristi assassini nelle carceri"

+ Miei preferiti

di Massimo Numa

Rispettare i Caduti, sempre. Anche quelli di chi s’è macchiato di assassinii a sangue freddo. E pretendere il medesimo rispetto. Ma la natura di chi uccise sparando alle spalle o attaccando in branco persone inermi o isolate non prevede questo gesto di elementare umanità. Anzi, il contrario. Altrimenti non si spiegherebbe come sia possibile che Sergio Segio, il pluriassassino di Prima Linea, Barbara Balzerani, assassina delle Brigate Rosse, idem Susanna Ronconi e Liliana Tosi, solo per citarne alcuni, continuino allegramente a spendere un fiume di parole inutili sui loro infami assassinii, e anche passando immemori sotto le lapidi che ricordano le loro stesse vittime innocenti. Balzerani ha definito sprezzante un “mestiere” essere familiari delle loro vittime. Salvo poi spendere fiumi di bolsa retorica nel ricordare Riccardo Dura, il capo delle Brigate Rosse a Genova, colui che uccise senza pietà l’operaio dell’Italsider Guido Rossa, anch’egli dimenticato da un Paese senza memoria.

Anche le vittime avevano il “diritto di parola”

Vaneggiano di diritto alla parola, loro che hanno strappato padri e madri ai loro figli, togliendo sì e per sempre a loro non solo il “diritto di parola” ma anche di amare e di vivere, a chi semplicemente ha avuto la fortuna (o la sventura) di servire uno Stato distratto e spesso cinico. Alcuni, non tutti, hanno espiato la loro pena e sono tornati in quella società che volevano distruggere. Non c’è una norma giuridica che impone a loro il silenzio e il sacrosanto diritto all’oblio. Non ci può essere una forma di vendetta nei loro confronti. Ma almeno tacere sarebbe una questione di banale e ritrovato senso civico. La vera prova di un percorso di recupero virtuoso e reale. Invece no. La stessa radice criminale che li ha spinti in nome dei loro deliri politici e ideologici a uccidere dei padri di famiglia, oggi li induce a irriderli in pari modo, con la consueta e aberrante complicità di chi li protegge, li giustifica e li ha giustificati, e sotto sotto li ammira e li aiuta in modo concreto. E’ normale che gli assassini della scorta e di Aldo Moro siano oggi al soldo di chi li, in allora, li combatteva, loro che hanno visto il sangue dei propri colleghi, che indossavano la loro stessa divisa, raggrumarsi sul selciato di via Fani? No, non è affatto normale. E’ il segno di una devianza morale collettiva che oggi premia un idea confusa di anti-Stato, generica e volgare, e che allunga i suoi tentacoli sino a sfiorare anche la limpida memoria dei Caduti.

Il sacrificio dimenticato di Lorenzo

In queste ore si è commemorato il quarantennale dell’omicidio di Lorenzo Cutugno, agente della polizia penitenziaria, assassinato dalle Brigate Rosse in Lungodora Napoli 60 a Torino, mentre usciva dalla sua casa per andare a servire lo Stato. Sì, qualche politico e amministratore c’era. Pochi in verità, e quei pochi vanno dunque ancora più ringraziati. C’erano gli uomini e le donne della polizia penitenziaria, un pugno di colleghi ora in pensione, stretti sotto la pioggia sottile, e ogni goccia una lacrima per ricordare il sacrificio dimenticato di Lorenzo. Meglio soli che male accompagnati. Mai come ora questo antico detto è attuale. E conclude Leo Beneduci, segretario generale del sindacato Osapp: "Apprezziamo che almeno in un'occasione così tragica e importante l'amministrazione penitenziaria abbia ricordato il vile assassinio dell'agente di custodia Lorenzo Cutugno. Riteniamo tuttavia che, proprio per onorare la memoria del sacrificio di un servitore dello Stato per mano delle Brigate Rosse, l'amministrazione penitenziaria eviti in modo categorico l'ingresso nelle carceri, Torino compresa, di coloro i quali non si sono mai pentiti di avere appartenuto alle formazioni terroristico-criminale, al contrario di quanto già avvenuto a Torino dove sono stati fatti sfilare come ospiti graditi Sergio Segio, Susanna Ronconi e Liliana Tosi, violando così la memoria dei Caduti”.

Emergenza Carceri
"Adesso almeno i miei figli sono liberi"
"Adesso almeno i miei figli sono liberi"
Morto anche il secondo bambino gettato dalle scale dalla madre detenuta a Rebibbia. Sospesa la responsabile della sezione nido. Inutile il gesto coraggioso di un agente che aveva cercato di salvare il piccolo. Si cerca il padre
Voleva sgozzare agente con una lametta
Voleva sgozzare agente con una lametta
Ancora violenza nelle carcere contro gli agenti della polizia penitenziaria. Un detenuto sudamericano, già protagonista di altri episodi di violenza, ha aggredito quattro agenti. Denuncia Osapp
"Caro ministro, il carcere di Aosta è allo sfascio..."
"Caro ministro, il carcere di Aosta è allo sfascio..."
Lettera aperta alle istituzioni sullo stato del carcere di Aosta. La firma il vice-segretario regionale Osapp Carmelo Passafiume. Dalla legionella alla scarsa disciplina dei carcerati, tra ritardi e polemiche
Dacci oggi l'aggressione quotidiana: feriti 2 agenti
Dacci oggi l
A Sanremo un detenuto per omicidio spacca la mascella a un agente con un pugno e ne ferisce un altro. Osapp: "Vertici inadeguati e permissivismo, riformare subito la polizia penitenziaria"
Carceri-horror, scabbia e ovuli pieni di droga
Carceri-horror, scabbia e ovuli pieni di droga
A Torino quindici detenute in isolamento per la scabbia, a Poggioreale un detenuto arrestato da poche ore scoperto con 45 ovuli di droga nella pancia. Osapp: "Sistema in tilt, ora anche problemi igienico-sanitari"
Mundialito in carcere, vince il Sudamerica
Mundialito in carcere, vince il Sudamerica
Maxi-rissa tra detenuti sudamericani e maghrebini nel carcere d'Aosta. Telefonia in cella in Liguria. Porte girevoli, tre evasi in poche ore
Detenuto 41bis spacca naso ad agente
Detenuto 41bis spacca naso ad agente
Ancora violenza nelle carceri ai danni degli agenti della polizia penitenziaria. La vittima è un sovrintendente, colpito in pieno volto senza motivo. Osapp: "Colpa del permissivismo"
Ancora un suicidio in carcere
Ancora un suicidio in carcere
Detenuto extracomunitario 43enne s'è impiccato a Ivrea nella notte, nel pomeriggio c'era stata una protesta per le condizioni di vita all'interno della casa circondariale. Tensione nelle celle. Osapp: "Situazione esplosiva"
"Ti picchio così, senza motivo"
"Ti picchio così, senza motivo"
Detenuto tunisino si scaglia contro agente della polizia penitenziaria a Verona. Proteste del sindacato Osapp: "Ormai sono decine gli episodi di violenza, frutto del 'buonismo' nelle carceri"
Carceri, agente ferito da straniero
Carceri, agente ferito da straniero
L'operatore della Penitenziaria stava separando due detenuti. Uno l'ha scaraventato contro un muro. Frattura a una costola. Appello Osapp al neo-ministro: "Sia meglio dei predecessori, noi pronti a bloccare il sistema carcerario"