Arrestata la top manager di Huawei

| La figlia del fondatore del colosso cinese fermata in Canada: gli Stati Uniti chiedono l’estradizione, la Cina il rilascio immediato per violazione dei diritti umani. Crisi diplomatica a un passo

+ Miei preferiti
C’era da aspettarselo: la tregua fra Trump e Xi Jinping al G20 in Argentina è durata poco. Su richiesta degli Stati Uniti, in Canada è finita in manette Meng Wanzhou, chief financial officier del colosso “Huawei” ma soprattutto primogenita del fondatore Ren Zhengfei. La donna sarebbe stata fermata lo scorso 1 dicembre all’aeroporto di Vancouver e gli Stati Uniti avrebbero già richiesto l’estradizione, in anticipo sull’udienza di convalida del fermo prevista per domani.

L’accusa riguarderebbe la violazione delle sanzioni americane contro l’Iran, ma il rischio è di una crisi diplomatica senza precedenti. L’ambasciata cinese a Washington ha immediatamente chiesto il rilascio della donna, accusando apertamente gli Stati Uniti di violazione dei diritti umani, così come il governo cinese, che attraverso le parole del portavoce del ministero degli esteri, Geng Shuang, nel corso di una conferenza stampa ha detto di aver inviato “Una richiesta per chiarire immediatamente le ragioni dell’arresto”, mentre la Huawei ha diffuso una nota in cui afferma di non essere a conoscenza “di alcun illecito commesso dalla nostra direttrice finanziaria”.

L’arresto arriva a meno di due settimane dall’avviso lanciato agli alleati di limitare al massimo l’uso di sistemi e apparecchiature del colosso cinese perché a rischio spionaggio. E addirittura ad una manciata di ore dalla presa di posizione di “British Telecom”, che per gli stessi motivi avrebbe estromesso Huawei dall’elenco dei propri partner tecnologici. Mentre Giappone, India, Nuova Zelanda e Australia sembrano in procinto di fare lo stesso, escludendo Huawei dalle gare di appalto per le infrastrutture 5G. In Italia, dove è stato accertato che tutto il traffico internet transita attraverso i router Huawei, il “Copasir” ha avviato un accertamento.

I due leader si erano dati tre mesi di tregua per trovare un accordo sui dazi, ma secondo l’analisi del “New York Times”, l’arresto rischia di far precipitare i rapporti fra i due colossi.

Alla notizia dell’arresto, gli indici asiatici hanno fatto registrare un ribasso pari a due punti percentuali.

Articoli correlati
Esteri
Rogo Grenfell Tower, 55 condannati a morte
Rogo Grenfell Tower, 55 condannati a morte
Un documentario riaccende accuse e polemiche sul devastante incendio del grattacielo londinese: alla maggior parte delle vittime fu detto di restare in casa
Muore a 12 anni, come il padre e il patrigno
Muore a 12 anni, come il padre e il patrigno
L’incredibile coincidenza della morte di un ragazzino inglese ucciso mentre attraversava la strada. Suo papà e il patrigno erano morti tempo prima in altrettanti incidenti stradali
Pornostar amico di Siffredi ha l'Aids
Pornostar amico di Siffredi ha l
Nacho Vidal, il Rocco Siffredi spagnolo, avrebbe contratto il virus. Produzioni bloccate e inviato a decine di attrici di sottoporsi agli esami
"Nostra figlia, uccisa dal Novichok"
"Nostra figlia, uccisa dal Novichok"
Stan e Caroline Sturgess, genitori della donna uccisa a Salisbury dal gas nervino abbandonato dalle spie russe, parlano per la prima volta. “Nostra figlia è stata dipinta come una drogata, ma era una persona splendida”
Sharmeena Begum, la jihadista che vuole tornare a casa
Sharmeena Begum, la jihadista che vuole tornare a casa
Era una studentessa inglese di origini bengalesi, ma a 15 anni parte per la Siria per unirsi all’Isis. Ora, incinta del terzo figlio, chiede di tornare in Inghilterra, ma senza ripudiare nulla del suo passato
Temono una bomba, panico sull'Eurostar
Temono una bomba, panico sull
Passeggeri in fuga dopo aver sentito un’esplosione seguita da un fumo acre. Si scopre poco dopo che si è trattato dell’esplosione della batteria di un cellulare
Ergastolo al killer della piccola Erin
Ergastolo al killer della piccola Erin
Un anno fa, un ventenne inglese massacrava la figlia della sua convivente con una ferocia inaudita. Passerà il resto della vita in galera
Ultime fasi del processo alla madre assassina
Ultime fasi del processo alla madre assassina
Nel gennaio di due anni fa, Rachel Tunstill mette al mondo la piccola Mia nel bagno di casa, ma la accoltella e racconta a tutti di un aborto spontaneo. Sono serviti due processi, ma la giustizia sta per pronunciarsi
Denuncia i genitori perché è nato
Denuncia i genitori perché è nato
Un giovane indiano di 27 anni, attivista degli antinalisti, contesta a papà e mamma di averlo messo al mondo per la loro felicità, e non per la sua
Julen, l'inchiesta dopo il dolore
Julen, l
La Guardia Civil e la magistratura sono al lavoro per stabilire se ci sia stata negligenza o incuria. I funerali del piccolo, fra una folla incontenibile di amici, parenti e cittadini commossi dalla fine del piccolo di soli 2 anni