Ergastolo al killer della piccola Erin

| Un anno fa, un ventenne inglese massacrava la figlia della sua convivente con una ferocia inaudita. Passerà il resto della vita in galera

+ Miei preferiti
“In più di trent’anni di carriera non mi ero mai trovato davanti ad una cosa simile”. Le parole di Steve Whittaker, detective della polizia del South Yorkshire, nel Regno Unito, danno l’idea dello spettacolo che si sono trovati gli agenti che il 21 febbraio del 2018, quando hanno scoperto il corpo della piccola Erin Tompkins, di appena due anni, uccisa in quello che è stato definito “un attacco selvaggio: è stata massacrata”.



Autore dello scempio Martin Johnson, 20enne, ex chef di Sheffield e fidanzato della madre: un uomo capace, secondo il referto dell’autopsia effettuata sul corpo della piccola, di procurarle almeno dieci profonde ferite alla testa dopo averle fratturato gli arti e la colonna vertebrale. “Senza provare alcun rimorso, e questo la dice lunga - aggiunge ancora il detective Whittaker – ma non solo: pur di scagionarsi, avrebbe tentato di scaricare le colpe sulla madre della piccola Erin”. L’unico straccio di spiegazione dell’uomo si concentra in poche parole: “Stavamo giocando quando è crollata”. Era stato proprio lui ad avvisare i soccorsi, resosi conto della gravità delle percosse, e quando polizia e ambulanza erano intervenuti, la piccola è apparsa subito in gravissime condizioni: piena di lividi e immersa in un lago di sangue.

La mamma e la nonna di Erin, in lacrime, hanno coraggiosamente assistito a tutte le fasi del processo sulla morte della loro amatissima piccola, che avrebbe dovuto compiere due anni qualche giorno dopo l’omicidio. Per la corte inglese non c’è stato alcun dubbio: Steve Whittaker non uscirà mai più di prigione.

Galleria fotografica
Ergastolo al killer della piccola Erin - immagine 1
Esteri
Ex prostituta diventata jihadista
Ex prostituta diventata jihadista
Lascia la Germania, dov’era finita in un giro di prostituzione, sperando in una vita migliore al fianco di un combattente jihadista. Ma non è andata così
Rogo Grenfell Tower, 55 condannati a morte
Rogo Grenfell Tower, 55 condannati a morte
Un documentario riaccende accuse e polemiche sul devastante incendio del grattacielo londinese: alla maggior parte delle vittime fu detto di restare in casa
Muore a 12 anni, come il padre e il patrigno
Muore a 12 anni, come il padre e il patrigno
L’incredibile coincidenza della morte di un ragazzino inglese ucciso mentre attraversava la strada. Suo papà e il patrigno erano morti tempo prima in altrettanti incidenti stradali
Pornostar amico di Siffredi ha l'Aids
Pornostar amico di Siffredi ha l
Nacho Vidal, il Rocco Siffredi spagnolo, avrebbe contratto il virus. Produzioni bloccate e inviato a decine di attrici di sottoporsi agli esami
"Nostra figlia, uccisa dal Novichok"
"Nostra figlia, uccisa dal Novichok"
Stan e Caroline Sturgess, genitori della donna uccisa a Salisbury dal gas nervino abbandonato dalle spie russe, parlano per la prima volta. “Nostra figlia è stata dipinta come una drogata, ma era una persona splendida”
Sharmeena Begum, la jihadista che vuole tornare a casa
Sharmeena Begum, la jihadista che vuole tornare a casa
Era una studentessa inglese di origini bengalesi, ma a 15 anni parte per la Siria per unirsi all’Isis. Ora, incinta del terzo figlio, chiede di tornare in Inghilterra, ma senza ripudiare nulla del suo passato
Temono una bomba, panico sull'Eurostar
Temono una bomba, panico sull
Passeggeri in fuga dopo aver sentito un’esplosione seguita da un fumo acre. Si scopre poco dopo che si è trattato dell’esplosione della batteria di un cellulare
Ultime fasi del processo alla madre assassina
Ultime fasi del processo alla madre assassina
Nel gennaio di due anni fa, Rachel Tunstill mette al mondo la piccola Mia nel bagno di casa, ma la accoltella e racconta a tutti di un aborto spontaneo. Sono serviti due processi, ma la giustizia sta per pronunciarsi
Denuncia i genitori perché è nato
Denuncia i genitori perché è nato
Un giovane indiano di 27 anni, attivista degli antinalisti, contesta a papà e mamma di averlo messo al mondo per la loro felicità, e non per la sua
Julen, l'inchiesta dopo il dolore
Julen, l
La Guardia Civil e la magistratura sono al lavoro per stabilire se ci sia stata negligenza o incuria. I funerali del piccolo, fra una folla incontenibile di amici, parenti e cittadini commossi dalla fine del piccolo di soli 2 anni