Muore a 12 anni, come il padre e il patrigno

| L’incredibile coincidenza della morte di un ragazzino inglese ucciso mentre attraversava la strada. Suo papà e il patrigno erano morti tempo prima in altrettanti incidenti stradali

+ Miei preferiti
È una coincidenza terribile, quella che ha colpito Katie Jo Tolley, una donna di Bridlington, in Inghilterra. Sabato scorso, suo figlio Taylor, 12 anni, è morto per essere stato travolto da un’auto mentre attraversava la strada a poca distanza da casa sua. Per Katie, un dolore straziante che si rinnova per la terza volta: 11 anni fa Stewart, il padre di Taylor, era morto in un incidente stradale molto simile, e sei fa lo steso era accaduto a Andrew, nuovo marito della donna che aveva adottato il piccolo, non aveva avuto scampo con la sua moto.

La morte di Taylor, ultimo di quattro fratelli, ha lasciato senza parole la cittadina nell’East Riding of Yorkshire, che conosceva bene le tragedie che avevano colpito con insistenza la famiglia Tolley. Tanti i messaggi e le attestazioni di cordoglio, mentre la polizia ha aperto un’inchiesta, chiedendo a chiunque abbia assistito all’incidente di farsi avanti. Gli agenti erano stati chiamati per un incidente avvenuto su Brett Street, all’incrocio con Britannia Road: qualcuno li aveva avvisati che era rimasto coinvolto un ragazzino. Taylor è stato trasportato d’urgenza all’ospedale in condizioni gravissime, ma le ferite alla testa non gli hanno lasciato scampo.

Gli amici della famiglia Tolley hanno lanciato una raccolta fondi per aiutare Katie a pagare il funerale: finora sono state raccolte più di 4.200 sterline nel giro di poche ore.

Galleria fotografica
Muore a 12 anni, come il padre e il patrigno - immagine 1
Esteri
Parigi, the day after
Parigi, the day after
Il presidente Macron annuncia pugno di ferro, i ministri del suo governo definiscono assassini i manifestanti. Il 18esimo sabato dei Gilet Jaunes è stato davvero quello del giro di boa. Danni per centinaia di milioni di euro
Madre e figlia strangolate
Madre e figlia strangolate
È successo in Irlanda del Nord: nell’appartamento anche il corpo del probabile omicida, che si è impiccato dopo aver strangolato le due donne
Jihadi Jack, il terrorista di Oxford
Jihadi Jack, il terrorista di Oxford
Cresce il club degli foreign fighters che vorrebbero tornare a casa come se nulla fosse: ora è il turno di un giovane di Oxford partito per la Siria e pentito
Gli ambientalisti attaccano una base aerea americana
Gli ambientalisti attaccano una base aerea americana
Il gruppo, guidato dall’europarlamentare francese Michèle Rivasi, si è introdotto in una base militare belga che ospita cacciabombardieri americani
Ex prostituta diventata jihadista
Ex prostituta diventata jihadista
Lascia la Germania, dov’era finita in un giro di prostituzione, sperando in una vita migliore al fianco di un combattente jihadista. Ma non è andata così
Rogo Grenfell Tower, 55 condannati a morte
Rogo Grenfell Tower, 55 condannati a morte
Un documentario riaccende accuse e polemiche sul devastante incendio del grattacielo londinese: alla maggior parte delle vittime fu detto di restare in casa
Pornostar amico di Siffredi ha l'Aids
Pornostar amico di Siffredi ha l
Nacho Vidal, il Rocco Siffredi spagnolo, avrebbe contratto il virus. Produzioni bloccate e inviato a decine di attrici di sottoporsi agli esami
"Nostra figlia, uccisa dal Novichok"
"Nostra figlia, uccisa dal Novichok"
Stan e Caroline Sturgess, genitori della donna uccisa a Salisbury dal gas nervino abbandonato dalle spie russe, parlano per la prima volta. “Nostra figlia è stata dipinta come una drogata, ma era una persona splendida”
Sharmeena Begum, la jihadista che vuole tornare a casa
Sharmeena Begum, la jihadista che vuole tornare a casa
Era una studentessa inglese di origini bengalesi, ma a 15 anni parte per la Siria per unirsi all’Isis. Ora, incinta del terzo figlio, chiede di tornare in Inghilterra, ma senza ripudiare nulla del suo passato
Temono una bomba, panico sull'Eurostar
Temono una bomba, panico sull
Passeggeri in fuga dopo aver sentito un’esplosione seguita da un fumo acre. Si scopre poco dopo che si è trattato dell’esplosione della batteria di un cellulare