La punta del cornetto, snack perfetto

| Uno dei bocconi più amati del cornetto diventa una merendina: è l’idea di un ventenne americano prossimo a invadere gli scaffali di tutto il mondo

+ Miei preferiti
L’ultimo boccone del cornetto, per molti è il migliore: la punta, quella ripiena di cioccolato, la nota perfetta che chiude una sinfonia di gusti e granella.

In realtà, la presenza del cioccolato al fondo ha una funzione ben precisa: evitare che il gelato colando ammorbidisca troppo la cialda. Ma Nick Cavagna, imprenditore americano di appena vent’anni, ha scelto di concentrarsi sul primo risvolto: la nota finale che rappresenta un piacere imperdibile per i cultori del cornetto.

È il punto di partenza per i “Muddy Bites”: il fondo dei cornetti diventato uno snack per grandi e piccini. Una busta piena del dolcissimo momento finale di ogni cornetto, senza nemmeno il fastidio di impiastricciarsi le mani con il gelato che cola. L’invenzione dell’acqua calda, ma intanto lui l’ha trasformata in un’idea imprenditoriale che promette molto, ma molto bene.

A finanziarla ci pensa una campagna “Kickstarter” in partenza il prossimo 21 settembre, accompagnata da immagini che mettono la voglia di correre nel freezer e spezzare la punta dei cornetti, per lasciare tutto il resto. Per il lancio mancano solo i fondi, tutto è il resto è pronto: due le confezioni disponibili, da 15 pezzi di cornetti con cioccolato al latte, in vendita a 3,49 dollari (poco più di tre euro), oppure il formato famiglia da dieci pacchetti a 24,99 dollari (21,60 euro).

Galleria fotografica
La punta del cornetto, snack perfetto - immagine 1
Food&Wine
Arriva il Magnum Vegan
Arriva il Magnum Vegan
Estratto di piselli al posto del latte, per la 43esima variante del gelato più amato al mondo. Testato in anteprima in Svezia e Finlandia, arriva in Italia dal prossimo gennaio
Salone del Gusto 2018, pensieri & sapori
Salone del Gusto 2018, pensieri & sapori
Alla scoperta di curiosità e appuntamenti dei cinque giorni che portano a Torino migliaia fra produttori, contadini e commercianti. Ma anche i cultori dell’assaggino, un popolo in forte crescita
La guerra della Coca
La guerra della Coca
Non è una questione di droghe, ma di dolcificanti: quella prodotta in Messico sarebbe molto più buona della “Classic”, al punto da mandarla in crisi
La “purple sauce”
La “purple sauce”
Un fast food thailandese ha lanciato una salsa dal colore a dir poco inguardabile
Addio a Robuchon, lo chef del secolo
Addio a Robuchon, lo chef del secolo
Deteneva il record di stelle Michelin ottenute in carriera: 32. DI umilissimi natali, era a capo di un impero gastronomico, ma da tempo lottava contro un brutto male
Street food alla fiamma
Street food alla fiamma
È l’ultimo grido dello street food indiano: una foglia di palma incendiata che va mesa in bocca mentre ancora brucia
La guerra per i ristoranti della Tour
La guerra per i ristoranti della Tour
Per i locali al primo e al secondo piano dell’opera in ferro simbolo di Parigi, sogno di Gustave Eiffel, è in corso un’aspra battaglia fra lo chef-star Alain Ducasse e una multinazionale
Fast food con vista
Fast food con vista
Petto, coscia e birra: è l’equazione di una catena di ristoranti americani che punta tutto su cameriere avvenenti
Camembert, la leggenda è finita
Camembert, la leggenda è finita
Anche la grande industria casearia sarà autorizzata a produrre il più iconico dei formaggi francesi. Per i produttori artigianali è una tragedia, per altri un business
Con tutte quelle trasparenze…
Con tutte quelle trasparenze…
In Giappone è appena arrivata la Coca-Cola Clear, una variante limpida come l’acqua. È la seconda rivoluzione del colosso di Atlanta nel giro di pochi mesi: la prima era stata la Coca alcolica