A Londra nascono i lampioni di ricarica

| Fra le tante idee che circolano, questa sembra la più semplice e realizzabile: trasformare i punti di illuminazione pubblica in stazioni per ricaricare le vetture elettriche

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta
Mentre il mondo dell'auto si accapiglia su questioni come batterie, velocità, percorrenza e durata, ci sono dettagli che sembrano restare un po' a margine, malgrado siano di vitale importanza per qualsiasi speranza di uno sviluppo massiccio dell'elettrico. Ad esempio le colonnine di ricarica: se il pianeta la settimana prossima decidesse compatto di passare alle vetture plug-in, "fare il pieno" di energia diventerebbe un problema serio, visto che le colonnine sono ancora troppo poche per non sentirsi un esploratore nel deserto, rimasto senz'acqua e con poche speranze di trovare una fontanella.

Ma da Londra, beati i primi, arriva un'idea così semplice da sembrare un'autentica rivoluzione: trasformare i lampioni dell'illuminazione pubblica in singole stazioni di ricarica. Così facile da imbarazzare perfino chi finora si sforzava di rintracciare aree e zone dove poter installare nuove colonnine, al saldo dell'arredo urbano.

L'idea, immediatamente sposata dalla capitale inglese, arriva dalla "O.V.O.", un'azienda specializzata nel campo dell'energia che grazie alla collaborazione tecnologica della tedesca "Ubricity", ha messo a punto i "SimpleSocket", lampioni di ricarica che per di più prendono l'energia da fonti rinnovabili.

Fra i primi ad adottare il sistema due centralissimi quartieri londinesi: il Royal Borough of Kensington ed il Chelsea Council. Proprio lì, entro la fine del prossimo gennaio, inizierà una fase sperimentale con la "modifica" di 50 lampioni, trasformati in "SimpleSocket" pronti all'uso.

Una scelta logistica niente affatto casuale, visto che i due quartieri londinesi sono quelli in cui, stando alle statistiche, si aggirano più veicoli elettrici. E molti di più sarebbero, è emerso da un recente sondaggio, se l'accesso alla ricarica fosse più semplice e soprattutto pubblica e alla portata di tutti, visto che le splendide case vittoriane della zona non prevedono box. Un trend di crescita che, visto nel suo totale, in Gran Bretagna si stima possa raggiungere il milione di veicoli elettrici entro il 2022.

Insomma, strada spianata per i "SimpleSocket", disponibili 24 ore su 24 e il cui utilizzo è già pianificato su due diverse formule di abbonamento: noleggiare il cavo di connessione con contatore digitale a 199 sterline, a cui aggiungere un abbonamento mensile a 7,99, oppure acquistarlo a 299 e a quel punto spendere soltanto per il consumo di energia, quantificato in 0,19 sterline per kWh. Ad entrambe le formule bisogna comunque aggiungere una sterlina a ricarica e un'altra ogni ora successiva alle 24 h di collegamento. Per tener d'occhio i costi e individuare i lampioni di ricarica liberi, sarà sufficiente collegarsi ad una app creata per l'occasione. E non finisce qui: il prossimo anno sarà introdotto un nuovo sistema "V2G", che permette tanto di acquistare quanto di vendere ad altri l'energia prodotta dal proprio veicolo.

Future
La navetta modulare da condividere
La navetta modulare da condividere
“e-Palette”: la più recente ricetta di Toyota per la mobilità urbana e commerciale. Priva di strutture interne, la si può configurare come si vuole, senza limiti alla fantasia
Arriva la city-car trasformista
Arriva la city-car trasformista
Disegnato da uno degli autori di Gundam, robot protagonista di una serie televisiva degli anni Ottanta, il prototipo è in grado di cambiare l’ingombro richiudendosi
La magia delle pantofole Nissan
La magia delle pantofole Nissan
Un “ryokan” hotel giapponese ospita le prime curiose applicazioni quotidiane di un sofisticato programma nato per la guida autonoma
Il futuro arriverà fra un paio d'anni
Il futuro arriverà fra un paio d
È il tempo che Volkswagen stima per immettere sul mercato I.D. Crozz, il nuovo crossover-coupé elettrico a guida autonoma. È il primo passo della rivoluzione I.D., il programma di elettrificazione della gamma
Uniti One, il futuro è giovane
Uniti One, il futuro è giovane
Una startup svedese ha creato una city car full-electric dall’aria avveniristica promessa in vendita entro un paio d’anni
L'auto zen, guidare con l'orto a bordo
L
Si chiama "Oasis", è un'elettrica dalle forme curiose, ma soprattutto racchiude un angolino di verde, per portare pace allo stress da traffico
UberAIR, anche volare sarà on demand
UberAIR, anche volare sarà on demand
L'annuncio è di quelli che fanno effetto: fra appena tre anni, partirà il primo servizio di trasporto pubblico aereo per grandi città. Una rivoluzione immaginata tante volte dal cinema, ormai pronta al decollo
Ecco la "Lambo" dell'anno 3000
Ecco la "Lambo" dell
Una spremuta di cervelli, quelli americani del MIT di Boston e gli emiliani della Lamborghini, per immaginare nei dettagli una vera hypercar del futuro
Nissan IMx Concept, quando il crossover del futuro penserà a tutto
Nissan IMx Concept, quando il crossover del futuro penserà a tutto
Guidare, parcheggiare, ricaricarsi, lasciare e tornare a prendere i passeggeri: ecco uno dei buoni motivi per sperare che il futuro arrivi in fretta
L'auto del futuro: una vera amica
L
Tre avveniristici prototipi Toyota racchiudono il senso della mobilità del futuro: controllano, valutano, dialogano, suggeriscono e restituiscono la mobilità ai disabili