E liberaci dallo stress

| Un sondaggio di Bosch fa emergere un dato: la maggior parte degli automobilisti non vede l'ora di poter contare su auto a guida autonoma

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta
Per la sottocategoria degli automobilisti più fondamentalisti, quelli che si scherza su tutto, ma non sull'auto, la prospettiva della guida autonoma è un incubo futuro, più che una conquista. Un assaggio mal digerito c'era già stato, con l'adozione (ormai parecchio diffusa) del freno a mano elettronico che ha tolto il piacere del "colpetto", magari sulla neve.

Insomma, i momenti di vero sollazzo del volante, come la scalata per il sorpasso veloce, l'allungo, le curve, le discese ardite e le risalite, sembrano avere il tempo contato. Ma non tutti la pensano stesso modo: ci sono interi paesi che non vedono l'ora di poter contare su automobili che fanno tutto da sole, restituendo il solo piacere del viaggio.

A dimostrarlo c'è un freschissimo sondaggio realizzato dal marchio "Bosch" su circa 6.000 automobilisti di sei paesi (Brasile, Cina, Germania, Francia, Giappone e Stati Uniti), che dimostra dati alla mano una verità incontestabile: quasi due terzi dei guidatori sarebbero d'accordo ad utilizzare principalmente auto a guida autonoma per le lunghe distanze. E non basta, perché una vettura dotata di sistema di guida autonoma rappresenterebbe anche un irresistibile incentivo all'acquisto.

È forse la mutazione genetica più radicale da quando esiste l'automobile, un'evoluzione destinata a trasformare gli automobilisti in semplici passeggeri. Nelle risposte c'è di mezzo un impeto di civiltà - certo - anche perché le auto guidate da sistemi autonomi rispettano alla lettera norme, precedenze, traffico e i limiti di velocità. Ma in realtà, molti degli intervistati desiderano ardentemente un'auto a guida autonoma per evitare lo stress della guida, dichiarando di voler utilizzare il tempo del viaggio per godersi il paesaggio (63%) o chiacchierando amabilmente con gli altri passeggeri (61%). È curioso che statisticamente il paesaggio vinca sui compagni di viaggio, ma da qui in poi si cadrebbe in discorsi di sociologia che non è il caso di affrontare qui, e soprattutto adesso.

Per essere ancora più precisi, l'auto a guida autonoma è considerata utilissima per le lunghe distanze (67%) e i viaggi di piacere (61%). La maggior parte degli intervistati si aspetta un deciso aumento di convenienza (68%) e sicurezza (60%) in molte situazioni quotidiane, come la ricerca di parcheggio in città.

Future
La navetta modulare da condividere
La navetta modulare da condividere
“e-Palette”: la più recente ricetta di Toyota per la mobilità urbana e commerciale. Priva di strutture interne, la si può configurare come si vuole, senza limiti alla fantasia
Arriva la city-car trasformista
Arriva la city-car trasformista
Disegnato da uno degli autori di Gundam, robot protagonista di una serie televisiva degli anni Ottanta, il prototipo è in grado di cambiare l’ingombro richiudendosi
La magia delle pantofole Nissan
La magia delle pantofole Nissan
Un “ryokan” hotel giapponese ospita le prime curiose applicazioni quotidiane di un sofisticato programma nato per la guida autonoma
Il futuro arriverà fra un paio d'anni
Il futuro arriverà fra un paio d
È il tempo che Volkswagen stima per immettere sul mercato I.D. Crozz, il nuovo crossover-coupé elettrico a guida autonoma. È il primo passo della rivoluzione I.D., il programma di elettrificazione della gamma
Uniti One, il futuro è giovane
Uniti One, il futuro è giovane
Una startup svedese ha creato una city car full-electric dall’aria avveniristica promessa in vendita entro un paio d’anni
A Londra nascono i lampioni di ricarica
A Londra nascono i lampioni di ricarica
Fra le tante idee che circolano, questa sembra la più semplice e realizzabile: trasformare i punti di illuminazione pubblica in stazioni per ricaricare le vetture elettriche
L'auto zen, guidare con l'orto a bordo
L
Si chiama "Oasis", è un'elettrica dalle forme curiose, ma soprattutto racchiude un angolino di verde, per portare pace allo stress da traffico
UberAIR, anche volare sarà on demand
UberAIR, anche volare sarà on demand
L'annuncio è di quelli che fanno effetto: fra appena tre anni, partirà il primo servizio di trasporto pubblico aereo per grandi città. Una rivoluzione immaginata tante volte dal cinema, ormai pronta al decollo
Ecco la "Lambo" dell'anno 3000
Ecco la "Lambo" dell
Una spremuta di cervelli, quelli americani del MIT di Boston e gli emiliani della Lamborghini, per immaginare nei dettagli una vera hypercar del futuro
Nissan IMx Concept, quando il crossover del futuro penserà a tutto
Nissan IMx Concept, quando il crossover del futuro penserà a tutto
Guidare, parcheggiare, ricaricarsi, lasciare e tornare a prendere i passeggeri: ecco uno dei buoni motivi per sperare che il futuro arrivi in fretta