Meghan Markle, the royal influencer

| La sposina e prossima mamma ha dimostrato di essere un’icona di stile, al pari di sua cognata Kate. Ma Meghan, in quanto americana, potrebbe essere un potenziale passpartout per i luxury brand anglosassoni

+ Miei preferiti
Qualsiasi cosa indossi, che siano jeans strappati sul ginocchio o abitini low cost, nel giro di qualche ora fanno il tutto esaurito. Qualche esempio: gli occhiali da sole “Finlay and Co”, che dopo essere spuntati sul nasino di Meghan, negli Stati Uniti hanno aumentato le vendite del 2700%, o della borsa “Strathberry”, salite del 2.044%, con scorte esaurite in 10 minuti netti.

Potenza di Meghan Markle, ex attrice americana diventata Sua Altezza Reale, duchessa di Sussex, contessa di Dumbarton e baronessa Kiekeel. La favola inglese numero due, dopo quella di William e Kate, che dimostra quanto una ragazza della middle-class possa arrivare ovunque. O meglio, ovunque si aggiri un principe.

Ma al di là dei sogni e delle fiabe, c’è chi si è messo a fare i conti. “Brand Finance” e “Walpole” hanno addirittura stilato “The royal touch: Uk & british luxury brand receive boost from popularity of young royals”, un report con costi e ricavi che ha quantificato l’avvento della “royal influencer”, definito un’occasione unica per il marchi anglosassoni di imporsi sul mercato americano. Se Meghan si mettesse d’impegno, entro il 2019 potrebbe portare ai marchi del Regno Unito ricavi per più di 150 milioni di sterline.

Un discorso che ha a che fare con le immense potenzialità del mercato americano, specie se valutato come opportunità alternativa dopo l’uscita definitiva dalla UE sancita dalla Brexit. Un mercato sconfinato che fino ad oggi è stato terreno di caccia per i marchi francesi e quelli italiani, lasciando agli inglesi solo la terza posizione.

La ricerca ha coinvolto 1.515 americani di età compresa fra 18 e 65 anni, con reddito annuale non inferiore ai 90mila dollari, a cui è stato chiesto quanto la royal family del terzo millennio abbia cambiato la percezione dell’impettito Regno Unito. Un’intuizione felice: il 73% degli intervistati si dice più orientato verso i prodotti made in England, mentre il 76% ammette di avere una considerazione nuova e migliore della monarchia anglosassone, prima di Kate e Meghan considerata un po’ polverosa. E per essere ancora più precisi, il 37% degli americani ammette di essere influenzato da quello che indossa Kate, mentre il 35% preferisce Meghan.

“La monarchia è una delle caratteristiche più distintive della Gran Bretagna e i membri della famiglia reale, in particolare le duchesse, sono delle vere re Mida, capaci di trasformare il destino di un marchio nel giro di una sola notte”, ha commentato il direttore di “Brand Finance” Alex Haigh.

Glamour
La notte della Dolce Vita
La notte della Dolce Vita
La notte del 6 novembre 1958, la ballerina turca Aichè Nanà improvvisa uno spogliarello durante una festa al "Rugantino" di Roma. La polizia interviene chiudendo il locale per oscenità, ma è l'inizio del periodo della "Dolce Vita".
Il reggiseno degli Angeli di Victoria's Secret
Il reggiseno degli Angeli di Victoria
La supermodella svedese Elsa Hosk indosserà il reggiseno più prezioso al mondo nel corso dell’attesissimo “Fashion Show”, ospitato come ogni anno all'Hotel Ritz di New York
All’asta i cimeli di Barbara e Frank Sinatra
All’asta i cimeli di Barbara e Frank Sinatra
Quadri, gioielli, mobili e ricordi della coppia più glamour di Hollywood all’incanto a dicembre da Sotheby’s. Una parte del ricavato andrà all’organizzazione creata dalla coppia che si occupa di minori
Kate Moss, da bad girl a mamma apprensiva
Kate Moss, da bad girl a mamma apprensiva
Ha confidato che a sua figlia Lila Grace, lanciatissima sulle passerelle della moda, sarebbe pronta a vietare di posare nuda
Nia, Miss America senza bikini
Nia, Miss America senza bikini
La prima edizione in cui le ragazze non sono state obbligate a sfilare in costume da bagno davanti alla giuria. Ha vinto una cantante d’opera di 25 anni del North Carolina
10 Corso Como conquista New York
10 Corso Como conquista New York
Il concept-store milanese delle sorelle Sozzani ha aperto al Seaport District, il nuovo quartiere trendy di Manatthan
Ziggy’s, il bar dedicato a Bowie
Ziggy’s, il bar dedicato a Bowie
Aprirà fra pochi giorni a Londra, all’interno dell’hotel in cui Bowie celebrò l’addio a Ziggy Stardust, il suo alter ego
Another brick in the Chiron
Another brick in the Chiron
Un’opera ingegneristica della Lego Technics: 13mila ore di lavoro per sistemare un milione di mattoncini e riprodurre fedelmente la hypercar Bugatti. Per la prima volta non un modello statico, ma capace di muoversi
Le confessioni di due hostess dei superyacht
Le confessioni di due hostess dei superyacht
Può sembrare una vita privilegiata, rincorrendo il sole attraverso i luoghi più belli del mondo, ma la vita del personale di bordo è tutt’altro che semplice e completamente votata al benessere degli ospiti
La donna è mobile, mobilissima
La donna è mobile, mobilissima
Di giorno interior design, nei weekend pilota: Assel Al Hamad è scesa in pista a Le Castellet per rivendicare una spazio per le donne saudite nel motorsport