Aborto con pillola nel cocktail

| Si dimette Jason Miller, consigliere di Trump e commentatore della Cnn. L'ex compagna ha rivelato che nel 2016 aveva messo incinta una ballerina, costretta ad abortire a sua insaputa. La donna aveva rischiato la vita. Lui nega tutto

+ Miei preferiti

Il commentatore tv Jason Miller (nella foto con la sua ex Arlene J. Delgado) , che sostiene Trump (fece parte dello staff elettorale) si è dimesso dopo le accuse della sua ex compagna e di una ballerina di un club. Quest’ultima lo accusa di averla messa incinta e di averle poi sommistrato, con un trucco, una pillola in grado di procurare l’aborto, nascosta in una bibita. ”Ho deciso di abbandonare il mio ruolo di Commentatore Politico alla CNN per concentrarmi sulla mia difesa, per tutelare il mio nome e combattere le false e diffamatorie accuse fatte contro di me", ha scritto su Twitter. "Per essere chiari, sono accuse completamente false”.

La vicenda è emersa in seguito a una causa legale a proposito della custodia del figlio che ha avuto con la sua ex compagna Arlene J. Delgado. I legali della donna, nel corso dell’udienza, hanno presentato una serie di documenti con al centro la ballerina Jane Doe. Durante la campagna elettorale del 2016, Miller avrebbe trascorso una serata in uno strip club di Orlando, dove aveva “agganciato” una ballerina, Jane Doe. Dopo una notte assieme, la giovane restò incinta. Ma l’ex collaboratore del presidente avrebbe messo la pillola in uno Smoothie, una specie di frullato a base di yogurt, frutta e alcol che è di gran moda negli Usa.

Dopo averlo ingerito, Jane Doè era stata colta da malore, perse il bambino, ebbe un’emorragia e rischiò la vita per la presenza di alcol nel suo organismo. "Jane Doe fu ricoverata in ospedale per due giorni, la pillola dell'aborto aveva reagito con le sostanze, forse anche droghe, nel momento in cui ha bevuto lo Smoothie”, secondo la denuncia. Il sito on line Splinter ha rivelato la storia, subito ripresa da tutti i media.

"Al momento di lasciare l’ospedale, la donna - rilevano gli avvocati di Anne Delgado - si è infuriata, mettendosi in contatto con i politici locali che avevano organizzato la serata nel locale dove Miller era tra gli ospiti. Costui, in preda al panico, tentò di far firmare un documento in cui si sarebbe impegnata al silenzio in cambio di denaro”.  In una lunga dichiarazione, Miller ha categoricamente negato le accuse, ha messo in dubbio la credibilità di Delgado e minacciato un'azione legale contro Splinter per la pubblicazione della storia. “Nessuna prova sulle false accuse nel documento che Arlene Delgado è stata depositata. Il sito Splinter inoltre non è riuscito a trovare nulla di concreto per confermare le insinuazioni di Delgado, già state smentite da almeno un giornalista che la signora ha tentato di coinvolgere nei suoi continui tentativi di danneggiarmi”.  Miller è stato il principale portavoce della campagna di Trump nel 2016, dall'anno scorso è stato commentatore della CNN, ed è al centro di un attacco di colleghi e politici: “Dovrebbe chiarire le accuse che gli vengono mosse, invece di accusare chi le ha divulgate”, scrivono. Le vicende personali, in questa fase dello scontro tra Trump e media, sono diventate un’arma letale.

 
Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Cade una delle accusatrici di Weinstein
Cade una delle accusatrici di Weinstein
Lucia Evans, ex attrice, era stata fra le protagoniste dei racconti del “New Yorker”: secondo la polizia si è trattato di rapporti consensuali
Una crociata contro Ronaldo
Una crociata contro Ronaldo
Dopo lo stupro di Las Vegas, la notte con Ruby. Intanto l'ex modella rivela: "Mi ha sodomizzato con la violenza". E il Sun: "Se colpevole pagherà milioni, gli sponsor gli faranno causa". Ma Yamamay: "Accuse inverosimili, per noi ok"
Harvey Weinstein, l'anno del cinghiale bianco
Harvey Weinstein, l
Il 5 ottobre 2017 esplodeva lo scandalo che ha come simbolo l’ex produttore di Hollywood. Da allora decine di volti noti sono finiti nella bufera, ma ancora oggi spuntano casi come quello del giudice Kavanaugh
"Bennett mi fa pena aveva gli occhi vitrei"
"Bennett mi fa pena aveva gli occhi vitrei"
Asia Argento replica all'attore che l'accusa di averlo violentato quand'era minorenne in un'intervista a "Non è l'Arena". "Lui mi aggredì, disse che ero la sua fantasia sessuale". E Weinstein? "Ha rubato una parte di me"
Ronaldo nel mirino di #MeToo, tabloid scatenati
Ronaldo nel mirino di #MeToo, tabloid scatenati
Duro attacco del Daily Mail al campione portoghese. La donna che afferma di essere stata stuprata attacca: "Con quante altre donne lo ha fatto?". I legali del calciatore pronti alle querele
"Weinstein, restituisci 45 milioni di dollari"
"Weinstein, restituisci 45 milioni di dollari"
Una finanziaria di New York pretende l'immediata restituzione di un prestito concesso all'ex produttore a causa del "modo" in cui gestì la società distrutta dagli scandali sessuali. Rischia l'ergastolo per sei denunce di violenza
Ma le ceneri inviate ad Asia di chi erano?
Ma le ceneri inviate ad Asia di chi erano?
Lo strano regalo della modella compagna dell'ex amica Rose McGowan: le ceneri del compagno suicida ma è falso. Le scuse di Rose: "Ho sbagliato ad accusarti". Replica: "Non ferire altre persone". Domenica Asia in tv da Giletti
L'ex "America's Dad" attende la sentenza
L
Attesa la sentenza per l'attore Bill Cosby accusato di violenza sessuale con l'uso di droghe ai danni di una collega. Rischia da 5 a 10 anni di carcere. L'accusa: "Mai nessun rimorso, il suo posto è una cella"
Una terza donna accusa il giudice
Una terza donna accusa il giudice
L'avvocato di Stormy Daniels tutela una ex funzionaria che avrebbe subito un'aggressione sessuale di gruppo a Yale. C'erano Brett Kavanaugh e un uomo già individuato. Lui si difende: "Complotto Dem"