Anche Stan Lee accusato di molestie

| Il grande fumettista, ideatore dei più grandi e amati supereroi, sarebbe stato accusato da alcune infermiere. Il suo avvocato respinge ogni accusa: “sentiamo tante gente in cerca di soldi”

+ Miei preferiti
Di Germano Longo

Stan Lee è un simpatico signore di 95 anni, “padre” della “Marvel Comics”, ma soprattutto vero papà di supereroi come Spiderman, i Fantastici 4, Iron Man, Hulk e Daredevil. Conosciuto come “The Man” oppure “The Smilin’”, il sorridente, ama apparire nelle pellicole ispirate alle sue creature con piccoli cameo che fanno impazzire i fans.

Fino a qui, la parte pubblica. Quella “privata”, al contrario, l’ha appena svelata il “Daily Mail”, inserendo anche l’arzillo ideatore dei supereroi nel lungo elenco dei molestatori, sulla scia del solito Weinstein, a sua volta padre di tutti i maialini di Hollywood e provincia.

Il quotidiano britannico ha reso noto che sul capo di Stan Lee ci sarebbero le accuse di molestie di tantissime infermiere passate da casa sua. A lanciarle è una società di servizi medici a domicilio che si per lungo tempo si è occupata di mandare infermiere all’indirizzo di Stan, si è vista costretta a chiudere il contratto con mister Lee dopo le segnalazioni di numerose infermiere. I racconti perfino imbarazzanti, tenendo conto della veneranda età del fumettista, ma evidentemente ancora abile e arruolato. SI parla di richieste di rapporti orali nella doccia, palpate improvvise e dell’abitudine di Stan a denudarsi di colpo.

Tony Lallas, avvocato personale di Stan Lee, si è premurato di inviare al quotidiano inglese una lettera di smentita: “Mister Lee nega categoricamente le false accuse e intende procedere affinché il suo buon nome rimanga tale. Non siamo a conoscenza di denunce, mentre mister Lee ha più volte ricevuto minacce e tentativi di ricatto. Il signor Lee non verrà estorto in alcun modo e non ha alcuna intenzione di pagare soldi a nessuno”.

A dare manforte all’avvocato del fumettista è arrivata anche l’opinione della “Vitale Nursing Inc”, la società che attualmente si occupa di fornire infermiere a domicilio a Stan Lee: “Si è sempre comportato in modo egregio e corretto”.

Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Nuova accusa di stupro per Weinstein
Nuova accusa di stupro per Weinstein
La Corte Suprema di Los Angeles al lavoro per la nuova denuncia presentata dall’attrice Paz de la Huerta, dopo che la polizia di New York era pronta ad archiviare il caso
"Rain man è un predatore sessuale"
"Rain man è un predatore sessuale"
Altre quattro donne accusano Dustin Hoffman di aggressioni sessuali. La scrittrice Cori Thomas rivela di essere stata abusata quando aveva 16 anni nel 1980. "E' stato orribile, era molto violento, ha rovinato tante persone"
Almeno 1.000 donne vittime di Weinstein
Almeno 1.000 donne vittime di Weinstein
Un calcolo messo insieme facilmente dall’avvocato che difende i diritti di una class-action contro le violenze dell’ex re mida di Hollywood. Sotto accusa anche il fratello Bob, che sapeva da lungo tempo
Weinstein, tra le prede anche una 16enne
Weinstein, tra le prede anche una 16enne
Jane Doe costretta del 2002 a "toccare" il produttore che voleva lanciarla nel mondo del cinema. Prima la festa, poi un invito a casa. La modella da allora vittima di depressione per gli abusi subiti. Lui: "tutto falso"
Google #MeToo, decine di casi di molestie sessuali
Google #MeToo, decine di casi di molestie sessuali
I dipendenti delle sedi di tutto il mondo in strada contro ricatti e abusi sessuali. Il Ceo Pichar dà ragione a loro: "Bene la protesta, da noi ora tolleranza zero". Ma gli stipendi al femminile sono più bassi
Nel sex scandal arriva anche Google
Nel sex scandal arriva anche Google
Il colosso informatico californiano al centro di un’inchiesta del New York Times. Sotto accusa il padre del sistema Android, protetto per diverso tempo dai vertici aziendali e liquidato con una somma record
Sir Philip Green è il Weinstein britannico
Sir Philip Green è il Weinstein britannico
Nonostante l'ingiunzione del silenzio imposta da un Tribunale, un ex ministro Labour ha rivelato il nome del noto manager in Parlamento. Scoppia così il #MeToo inglese. Già 5 le denunce di dipendenti molestate. Lui nega
Lo scandalo sessuale
che non può essere rivelato
Lo scandalo sessuale<br>che non può essere rivelato
Ne ha parlato il quotidiano inglese The Telegraph, accusando i giudici di aver imbavagliato la stampa. L’uomo d’affari al centro di un’inchiesta avrebbe comprato il silenzio e delle sue vittime abusando dei contratti di non divulgazione
Cade una delle accusatrici di Weinstein
Cade una delle accusatrici di Weinstein
Lucia Evans, ex attrice, era stata fra le protagoniste dei racconti del “New Yorker”: secondo la polizia si è trattato di rapporti consensuali