Dal divano del produttore alle cucine Lo chef Mario Batali accusato di molestie

| Ci sarebbero quattro donne, a chiamare in causa il più fidato socio di Joe Bastianich, celebre giudice di Master Chef, che prende le distanze

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta
Non restavano che pochissimi ambienti, fra i non sfiorati dalle derive del sex scandal partito dal solito Weinstein. Fra questi c’era il dorato mondo degli chef, un tempo professionisti nascosti all’ombra delle cucine e oggi eroi multimediali, nonché veri imperatori di colossi che sfornano manicaretti in diretta tivù, ma soprattutto libri, ristoranti, cooking show e talent a profusione.

A far saltare l’ultimo baluardo è Mario Batali, un nome che fa rumore, visto il forte legame con Joe Bastianich, il celebre “restaurant man” italo-americano consacrato da “Masterchef”, il più celebre e seguito fra i talent di cucina.

Batali, classe 1960, nativo di Seattle, è un ragazzone che si è fatto da solo: si paga il college lavorando come pizzaiolo, e prima di tornare in America gira il mondo (Italia compresa) imparando ogni minima sfumatura del mestiere che ama di più. Nel 1993, a New York apre il “Po”, seguito cinque anni dopo da “Babbo Ristorante ed Enoteca”, ambedue con il suo più fidato socio in affari, Joe Bastianich, a sua volta figlio di Lidia, celebrità dei cooking show americani. Quanto basta per eleggere Batali a celebrità della cucina, così tanto da poter vantare ricordi indelebili come l’ultima cena di Stato di Barack Obama alla Casa Bianca, quella con Matteo Renzi fra gli ospiti.

Ma sul suo nome, esattamente com’è successo per attori, produttori, politici, giornalisti e finanzieri, proprio in queste ore si sta scatenando la bufera. Sarebbero quattro, le donne - tutte sue ex collaboratrici - ad accusare Batali di “comportamenti inopportuni” perpetrati da almeno un paio di decenni. Così, almeno, scrive “Eater New York”, un sito ben conosciuto dai “foodies” newyorkesi che va sul pesante, raccontando che la molestia sessuale era una consuetudine del grande chef.

Immediate le reazioni, a cominciare da quella dello stesso Batali, che ha dichiarato di volersi fare da parte dalla “B&B Hospitality Group”, la società a cui fanno capo 25 ristoranti e che divide con Bastianich, e da “The Chew”, lo show televisivo che attualmente conduce sul canale ABC, emittente lesta a confermare di averlo sollevato dalla conduzione. Ma non basta, perché prima ancora di attendere l’inizio di eventuali indagini, Batali ha diffuso un comunicato in cui oltre ad annunciare un’autosospensione da ogni attività per un tempo non meglio precisato, ha chiesto scusa a chi ha umiliato e ferito, oltre a parlare di “profondi fallimenti personali e di essere intenzionato a fare di tutto per riguadagnare la fiducia di dipendenti, amici, famiglia e soci in affari”.

Inevitabile anche la discesa in campo di Joe Bastianich, che affida ad un comunicato il suo pensiero: “Mario è un amico e socio, ma non tollero che qualcuno tratti i nostri dipendenti in modo irrispettoso. Ha accettato di allontanarsi dall’azienda, riportando nel nostro team l’idea di trovarsi in un ambiente di lavoro in cui non ci si debba mai preoccupare di subire molestie sessuali”.

I più cattivi, ricordano però che nel 2012, il “B&B Hospitality Group” era stato accusato di sottrarre sistematicamente una percentuale elle mance del personale, raggiungendo un accordo extragiudiziario in cui si impegnava a risarcire una class action formata da 1.100 dipendenti con 5,25 milioni di dollari.

Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Stormy crack, 300 mila dollari di spese legali
Stormy crack, 300 mila dollari di spese legali
La pornostar ha perso la querela contro Trump e ora deve pagare i suoi costosissimi avvocati. Ha litigato anche con l'avvocato Avenatti, ex legale di fiducia: "Ha agito di testa sua". Il presidente gongola
La bella marescialla non sarà punita
La bella marescialla non sarà punita
E la sua ex amica, la pornostar Samantha Brega, la difende a La Zanzara: "non ha fatto niente, lasciatela in pace". Anche Rocco Siffredi: "Essere sexy non è un peccato, quando non si è al lavoro"
Sexy marescialla, ora spunta un video
Sexy marescialla, ora spunta un video
Dopo le foto postate a suo dire illegalmente, in rete spunta anche un nuovo video. Un precedente anche in Veneto: causa civile per una foto sexy, all'insaputa di una giovane carabiniera
Foto osè, marescialla denuncia pornostar
Foto osè, marescialla denuncia pornostar
Svelato il mistero delle immagini hot. Il sottufficiale le aveva inviata alla sua ex amica che poi le diffuse via chat senza consenso. Lei ora è stata trasferita in Sardegna
Nuova accusa di stupro per Weinstein
Nuova accusa di stupro per Weinstein
La Corte Suprema di Los Angeles al lavoro per la nuova denuncia presentata dall’attrice Paz de la Huerta, dopo che la polizia di New York era pronta ad archiviare il caso
"Rain man è un predatore sessuale"
"Rain man è un predatore sessuale"
Altre quattro donne accusano Dustin Hoffman di aggressioni sessuali. La scrittrice Cori Thomas rivela di essere stata abusata quando aveva 16 anni nel 1980. "E' stato orribile, era molto violento, ha rovinato tante persone"
Almeno 1.000 donne vittime di Weinstein
Almeno 1.000 donne vittime di Weinstein
Un calcolo messo insieme facilmente dall’avvocato che difende i diritti di una class-action contro le violenze dell’ex re mida di Hollywood. Sotto accusa anche il fratello Bob, che sapeva da lungo tempo
Weinstein, tra le prede anche una 16enne
Weinstein, tra le prede anche una 16enne
Jane Doe costretta del 2002 a "toccare" il produttore che voleva lanciarla nel mondo del cinema. Prima la festa, poi un invito a casa. La modella da allora vittima di depressione per gli abusi subiti. Lui: "tutto falso"
Google #MeToo, decine di casi di molestie sessuali
Google #MeToo, decine di casi di molestie sessuali
I dipendenti delle sedi di tutto il mondo in strada contro ricatti e abusi sessuali. Il Ceo Pichar dà ragione a loro: "Bene la protesta, da noi ora tolleranza zero". Ma gli stipendi al femminile sono più bassi