Donald e Stormy
una notte da 130 mila dollari

| Una donna rimette al centro dei riflettori il nome del presidente americano: sarebbe stata pagata per mantenere il silenzio. Nelle stesse ore, altre due donne inguaiano sempre di più Steven Seagal

+ Miei preferiti
Di Germano Longo

Coraggio, non sono nomi nuovi questa volta, ma “semplici” aggiornamenti di casi già aperti. L’argomento - però - resta sempre quello: il sex scandal in cui Harvey Weinstein è solo la punta dell’iceberg di un “modus operandi” dei maschi di Hollywood: il potere significa sesso, ti piaccia o meno, baby.

Donald Trump

I grattacapi non gli mancano, e oltre agli incidenti diplomatici che è in grado di scatenare da solo, spesso confermando le teorie di scarse capacità intellettive svelate dal libro “Fire and Fury”, il presidente in carica è anche uno dei nomi eccellenti dell’infinito scandalo sessuale che ha terremotato l’America che conta.

Ci era finito a piedi uniti in piena campagna elettorale grazie alle rivelazioni di Summer Zervos, ex concorrente del reality “The Apprentice”, accusa sdoppiata qualche mese fa all’ex presentatrice di “Fox News” Juliet Huddy. A loro, si aggiunge proprio in queste ore il nome di Stephanie Clifford, meglio conosciuta con il nome d’arte di “Stormy Daniels”, di professione pornostar (nella foto in apertura).

Secondo quanto racconta il “Wall Street Journal”, nell’ottobre del 2016, attraverso Michael Cohen, capo della squadra dei suoi legali, Donald avrebbe sborsato 130mila dollari per comprare il silenzio dell’attrice hard e mettere a riposo i ricordi di un incontro ravvicinato del quarto tipo avvenuto a Lake Tahoe nell’ottobre del 2006, dieci anni prima. Temendo il peggio, l’accordo prevedeva la consegna del silenzio di miss Stormy, chiamata a tenere per sé la sessione ginnica con The Donald.

Qualche avvisaglia nell’aria però c’era stata: pochi mesi fa, lo stesso quotidiano aveva raccontato di alcune trattative fra la pornostar e la trasmissione televisiva “Good Morning America” per raccontare aneddoti riguardanti il presidente. Lei aveva smentito ufficialmente, rifiutandosi però di rispondere a qualsiasi richiesta di chiarimento.

Dalla Casa Bianca, nel frattempo, il solito laconico commento: “Storie vecchie e riciclate: il presidente Trump smentisce questo o qualsiasi altro incontro a sfondo sessuale”. In due parole: fake news.

Steven Seagal

Sul capo dell’ex duro di Hollywood, già chiamato in causa da diverse attrici (Portia de Rossi, Julianna Marguiles, Katherine Heigl e Jenny McCarthy), si aggiungono i casi di altre due donne, una delle quali denuncia uno stupro consumato nel 1993. A riportarlo, questa volta, è il mensile “Rolling Stone”, confermando il cliché utilizzato dall’attore: l’invito ad una festa, per poi scoprire che era solo lui, quello a voler fare la festa alle sue ospiti.

Una delle due, Regina Simmons, all’epoca dei fatti avrebbe avuto 18 anni e faceva parte del cast di “Sfida fra i ghiacci”, (Deadly Ground), pellicola del 1994. Seagal l’avrebbe invitata al consueto party di conclusione delle riprese, per scoprire che non c’era alcuna festa. Seagal l’avrebbe costretta a seguirlo in camera da letto, iniziando a palpeggiarla: “Un attimo dopo era nudo e mi ha stuprato”.

Scioccata per la violenza, anche perché all’epoca non aveva ancora avuto rapporti sessuali, la donna aveva confidato tutto ad un’amica e al vescovo mormone, che chiamati in causa hanno confermato il racconto.

L’altra accusatrice, Fabiola Davis, fu invece aggredita nel 2002 nel corso di un provino: fu la guardia del corpo di Seagal a impedirle la fuga.

Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Nuova accusa di stupro per Weinstein
Nuova accusa di stupro per Weinstein
La Corte Suprema di Los Angeles al lavoro per la nuova denuncia presentata dall’attrice Paz de la Huerta, dopo che la polizia di New York era pronta ad archiviare il caso
"Rain man è un predatore sessuale"
"Rain man è un predatore sessuale"
Altre quattro donne accusano Dustin Hoffman di aggressioni sessuali. La scrittrice Cori Thomas rivela di essere stata abusata quando aveva 16 anni nel 1980. "E' stato orribile, era molto violento, ha rovinato tante persone"
Almeno 1.000 donne vittime di Weinstein
Almeno 1.000 donne vittime di Weinstein
Un calcolo messo insieme facilmente dall’avvocato che difende i diritti di una class-action contro le violenze dell’ex re mida di Hollywood. Sotto accusa anche il fratello Bob, che sapeva da lungo tempo
Weinstein, tra le prede anche una 16enne
Weinstein, tra le prede anche una 16enne
Jane Doe costretta del 2002 a "toccare" il produttore che voleva lanciarla nel mondo del cinema. Prima la festa, poi un invito a casa. La modella da allora vittima di depressione per gli abusi subiti. Lui: "tutto falso"
Google #MeToo, decine di casi di molestie sessuali
Google #MeToo, decine di casi di molestie sessuali
I dipendenti delle sedi di tutto il mondo in strada contro ricatti e abusi sessuali. Il Ceo Pichar dà ragione a loro: "Bene la protesta, da noi ora tolleranza zero". Ma gli stipendi al femminile sono più bassi
Nel sex scandal arriva anche Google
Nel sex scandal arriva anche Google
Il colosso informatico californiano al centro di un’inchiesta del New York Times. Sotto accusa il padre del sistema Android, protetto per diverso tempo dai vertici aziendali e liquidato con una somma record
Sir Philip Green è il Weinstein britannico
Sir Philip Green è il Weinstein britannico
Nonostante l'ingiunzione del silenzio imposta da un Tribunale, un ex ministro Labour ha rivelato il nome del noto manager in Parlamento. Scoppia così il #MeToo inglese. Già 5 le denunce di dipendenti molestate. Lui nega
Lo scandalo sessuale
che non può essere rivelato
Lo scandalo sessuale<br>che non può essere rivelato
Ne ha parlato il quotidiano inglese The Telegraph, accusando i giudici di aver imbavagliato la stampa. L’uomo d’affari al centro di un’inchiesta avrebbe comprato il silenzio e delle sue vittime abusando dei contratti di non divulgazione
Cade una delle accusatrici di Weinstein
Cade una delle accusatrici di Weinstein
Lucia Evans, ex attrice, era stata fra le protagoniste dei racconti del “New Yorker”: secondo la polizia si è trattato di rapporti consensuali