Francesca, Alice e Charlie, giovani, carini e pieni di talento

|

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

Nel clamore sempre più glamour del Lido arrivano pellicole destinate a lasciare il segno. La prima, unico documentario in gara per il "Leone d'Oro", è "Human Flow", del regista Ai Weiwei, cinese con residenza a Berlino. Il suo lavoro è definito un "vero pugno nello stomaco": racconta l'epoca, quella che viviamo, degli esodi biblici per lasciarsi alle spalle fame e guerre, dei profughi ammassati e degli infiniti drammi di chi non ha un futuro. Un documentario crudo, girato anche con l'ausilio del cellulare, perché quel che conta è la storia, non confezione.

Spazio anche a Francesca Loy, presente in Laguna per presentare "Un amore così grande", girato fra Verona e San Pietroburgo. Lo sfondo di una storia d'amore è il pretesto per un viaggio nel mondo della musica lirica.

L'America più dimenticata è quella raccontata da "Lean On Pete", pellicola diretta da Andrew Haigh che sceglie il giovane e talentuoso Charlie Plummer per concentrare l'attenzione sull'adolescenza e il delicato momento in cui si diventa adulti, volenti o meno. Un road movie che evita gli straordinari spazi americani per concentrarsi sulle peggiori brutture possibili.

"Especès Menacées", specie minacciata. Non c'entrano animali in via di estinzione, ma il genere umano visto attraverso gli occhi di Gilles Bourdos, regista francese. La famiglia non è più un rifugio, ma la condanna di tre coppie male assortite.

Di una delle protagoniste, la giovane Alice Isaaz, sentiremo parlare a lungo, e non solo perché è bella.

Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Nuova accusa di stupro per Weinstein
Nuova accusa di stupro per Weinstein
La Corte Suprema di Los Angeles al lavoro per la nuova denuncia presentata dall’attrice Paz de la Huerta, dopo che la polizia di New York era pronta ad archiviare il caso
"Rain man è un predatore sessuale"
"Rain man è un predatore sessuale"
Altre quattro donne accusano Dustin Hoffman di aggressioni sessuali. La scrittrice Cori Thomas rivela di essere stata abusata quando aveva 16 anni nel 1980. "E' stato orribile, era molto violento, ha rovinato tante persone"
Almeno 1.000 donne vittime di Weinstein
Almeno 1.000 donne vittime di Weinstein
Un calcolo messo insieme facilmente dall’avvocato che difende i diritti di una class-action contro le violenze dell’ex re mida di Hollywood. Sotto accusa anche il fratello Bob, che sapeva da lungo tempo
Weinstein, tra le prede anche una 16enne
Weinstein, tra le prede anche una 16enne
Jane Doe costretta del 2002 a "toccare" il produttore che voleva lanciarla nel mondo del cinema. Prima la festa, poi un invito a casa. La modella da allora vittima di depressione per gli abusi subiti. Lui: "tutto falso"
Google #MeToo, decine di casi di molestie sessuali
Google #MeToo, decine di casi di molestie sessuali
I dipendenti delle sedi di tutto il mondo in strada contro ricatti e abusi sessuali. Il Ceo Pichar dà ragione a loro: "Bene la protesta, da noi ora tolleranza zero". Ma gli stipendi al femminile sono più bassi
Nel sex scandal arriva anche Google
Nel sex scandal arriva anche Google
Il colosso informatico californiano al centro di un’inchiesta del New York Times. Sotto accusa il padre del sistema Android, protetto per diverso tempo dai vertici aziendali e liquidato con una somma record
Sir Philip Green è il Weinstein britannico
Sir Philip Green è il Weinstein britannico
Nonostante l'ingiunzione del silenzio imposta da un Tribunale, un ex ministro Labour ha rivelato il nome del noto manager in Parlamento. Scoppia così il #MeToo inglese. Già 5 le denunce di dipendenti molestate. Lui nega
Lo scandalo sessuale
che non può essere rivelato
Lo scandalo sessuale<br>che non può essere rivelato
Ne ha parlato il quotidiano inglese The Telegraph, accusando i giudici di aver imbavagliato la stampa. L’uomo d’affari al centro di un’inchiesta avrebbe comprato il silenzio e delle sue vittime abusando dei contratti di non divulgazione
Cade una delle accusatrici di Weinstein
Cade una delle accusatrici di Weinstein
Lucia Evans, ex attrice, era stata fra le protagoniste dei racconti del “New Yorker”: secondo la polizia si è trattato di rapporti consensuali