Georgina Chapman, tradita & risarcita

| L’ormai ex moglie del mogol Harvey Weinstein ha ottenuto un accordo di divorzio decisamente generoso. A lei anche l’affidamento dei loro due figli

+ Miei preferiti
Di Germano Longo

L’aria della mogliettina tradita e disperata non le è mai riuscita granché, ma secondo quanto riporta il “New York Post”, Georgina Chapman è riuscita nell’impresa di monetizzare il dolore. L’ormai ex moglie di Harvey Weinstein, il produttore hollywoodiano travolto dal mega-scandalo senza fine, ha strappato un accordo di divorzio che le permette di guardare al futuro senza troppi rammarichi.

L’indennizzo, chiamiamolo così, ammonterebbe a 300mila dollari all’anno, che diventeranno 400mila dopo dieci anni. Oltre a questo, le spettano la casa di famiglia nel West Village di New York, del valore 15 milioni di dollari, e una agli Hamptons da 12 milioni. A lei anche l’affidamento dei due figli, di quattro e sette anni. 

La separazione fra i due era stata la prima conseguenza caduta sul capo di Weinstein alla metà dello scorso ottobre, all’indomani delle avvisaglie di uno scandalo di cui non si vede ancora oggi la fine: separazione immediata e avvio delle pratiche di divorzio. Una velocità che ha anche a che fare anche con i possibili risarcimenti milionari a cui fra breve potrebbe essere chiamato Weinstein, con un patrimonio personale stimato in 240 milioni di dollari e sui il più ingenuo degli avvocati avrebbe consigliato di mettere mano prima di qualsiasi monetizzazione delle accuse.

Georgia Chapman, inglese di Londra, classe 1976, tenta la carriera dello spettacolo con qualche pellicola, parti che le permettono di diventare giudice in un talent televisivo in cui si fa notare. A metterle gli occhi addosso è proprio Harvey Weinstein, di 24 anni più vecchio di lei. I due si fidanzano nel 2004, salendo sull’altare tre anni dopo.

Georgina, a quel punto, asseconda la sua passione per il mondo del fashion: insieme a Keren Craig fonda la maison “Marchesa”, che da anni veste le più grandi star di Hollywood. All’indomani dello scandalo, anche il marchio finisce nella bufera, con i sospetti che il maritino imponesse le creazioni di Georgina alle stelle del cinema impegnate nei red carpet. La prima ad ammettere pressioni è l’attrice Sienna Miller, seguita da Felicity Huffman. Nessun commento da Renée Zellwegger, Sandra Bullock, Nicole Kidmna, Jennifer Lopez, Jennifer Lawrence, Halle Berry e Cate Blanchett, viste più volte con abiti “Marchesa”.

Harvey Weinstein, aggredito qualche giorno in un ristorante, continua a mantenere un profilo molto basso: è sempre ospite del rehab in Arizona che lo sta curando dalle dipendenze sessuali, e quando esce, ha imparato che deve guardarsi le spalle.

Sex scandals
Era piccolo, piccolo, piccolo così...
Era piccolo, piccolo, piccolo così...
Anteprima del libro di Stormy Daniels. "Mi voleva in tv, e studiava un trucco per le sfide di the Apprentice". La pornostar s'è sentita minacciata e ora racconta tutto, anche dettagli anatomici imbarazzanti per il presidente
Scoop Giletti, porta Bennet in tv
Scoop Giletti, porta Bennet in tv
Domenica 23 esclusiva di "Non è l'Arena" su La7. Bennet, l'accusatore di Asia Argento, per la prima volta in tv racconta la relazione con l'attrice quando aveva 17 anni
Asia al contrattacco
Asia al contrattacco
Un vero ultimatum indirizzato all’ex amica Rose McGowen: chiedi scusa o finiamo per vie legali
Kavanaugh nei guai per una violenza di 38 anni fa
Kavanaugh nei guai per una violenza di 38 anni fa
Psicologa californiana rivela che il candidato di Trump alla Corte Suprema Usa l'avrebbe spinta sul letto tentando di spogliarla ai tempi del liceo. Lui nega ma i Dem ora chiedono un'indagine dell'Fbi
Lo stuprato da Asia Argento
denunciato dall'ex per violenza
Lo stuprato da Asia Argento<br>denunciato dall
Jimmy Bennet indagato a Los Angeles dalla ex fidanzata: "Mi ha costretto a fare sesso quando ero minorenne". Ha chiesto protezione alla polizia perché teme ritorsioni anche contro la sua famiglia. Maledizione #MeToo
Harvey Weinstein in action
Harvey Weinstein in action
Melissa Thompson, una delle accusatrici del produttore hollywoodiano, ha diffuso un video in cui si vede la prima parte di un approccio che finirà giorni dopo con uno stupro
Le hot-memorie di Stormy Daniels
Le hot-memorie di Stormy Daniels
Il 2 ottobre esce il libro "Full Discosure", autobiografia di una pornostar che, nel 2006, ebbe una breve relazione con Trump. Un capitolo su come fu comprato il suo silenzio. Sarà boom in libreria?
#MeToo abbatte anche il boss Cbs
#MeToo abbatte  anche il boss Cbs
Si dimette Les Moonves, il potente Ceo della CBS, travolto da un'ondata di denunce per episodi avvenuti negli Anni 80 e 90. Dopo Weinstein, cade un altro big. Liquidazione a #MeToo. Attacco di Ronan Farrow
"Stormy, restituiscimi i miei soldi"
"Stormy, restituiscimi i miei soldi"
L'ex avvocato di Trump vuol farsi restituire dalla pornostar i 130 mila dollari pagati per il suo silenzio sulla relazione con il presidente prima delle elezioni. Il legale della texana: "Neanche un cent"
Ombre nere sull'accusatore di Asia
Ombre nere sull
Jimmy Bennet descritto come uno stalker dai legali dell'attrice. E si scopre che aveva anche denunciato i genitori per soldi. I suoi messaggi e le sue confessioni: "Sei la mia fantasia erotica". Sentito dalla polizia