Google #MeToo, decine di casi di molestie sessuali

| I dipendenti delle sedi di tutto il mondo in strada contro ricatti e abusi sessuali. Il Ceo Pichar dà ragione a loro: "Bene la protesta, da noi ora tolleranza zero". Ma gli stipendi al femminile sono più bassi

+ Miei preferiti

di Maria Lopez

“No abuse”, basta con gli abusi sessuali. Il popolo di google lascia le scrivanie e scende in strada per denunciare da una parte la presunta misoginia dei vertici della grande azienda Usa, dall’altra l’accordo di denunciare i casi di abusi sessuali solo all’interno della società. Quel che è strano è  che il Ceo di Google, Sanday Pichar, dà apertamente ragione ai propri dipendenti, dunque fanno bene a protestare e devono sapere che ci sarà tolleranza zero verso chiunque, top manager compresi, non avrà comportamenti corretti. Negli ultimi mesi sono stati cacciati 5 dirigenti, senza buonuscita, per presunte aggressioni. Tutto ok dunque? Non sembrerebbe.

Molti dipendenti, uscendo dalla torri di cristallo di mezzo mondo, hanno lasciato sulle scrivanie un biglietto scritto a mano: «Sono uscito perché insieme ad altri colleghi vogliamo protestare contro le molestie sessuali, le condotte inappropriate, la mancanza di trasparenza e una cultura del lavoro che non funziona per tutti e per ottenere un vero cambiamento sul trattamento delle donne in azienda».

Fa ancora discutere il caso del creatore di Android, il manager più creativo e importante di Google, Andy Rubin che nel 2014, nonostante le accuse di molestie sessuali mosse nei suoi confronti fossero state giudicate credibili da Google, aveva ricevuto 90 milioni di dollari di buonuscita. Era stato sì “fired” ma con un regalo principesco. Rubin ha avviato nuove innovative esperienze nel campo del Web e ha reagito a uno scoop del NYT con un’alzata di sopracciglio.

La questione è complessa e parte da lontano. La prima ad uscire allo scoperto, nel 2013, fu una donna-manager che sarebbe stata costretta a una notte di sesso in albergo in cambio di un avanzamento nella carriera; dopo, disgustata, aveva segnalato il fatto ai vertici di Google che scelsero la strada di una trattativa interna. Da una parte ritennero fondate le denunce della donna, dall’altra le imposero il silenzio, mentre l’autore del gesto fu discretamente allontanato. Ma l’atteggiamento maschilista allignerebbe anche nei quadri intermedi, sino alle mansioni più umili e circoscritte alla logistica. Segnalazioni di comportamenti non corretti arrivano dalle impiegate dei settori della pulizia, dellaristorazione, della logistica. Non solo donne tra le vittime, ma anche uomini. Il clima, nell’azienda più hi tech e più stregica del mondo, sarebbe quello di una catena di inconfessabili ricatti a sfondo sessuale. Le modalità di assunzione sono molto personali, molto dirette e molte donne, anche per collocazioni di livello elevato, sarebbero state costrette a passare sotto l’influenza di cacciatori di teste”  inclini allo scambio sesso-lavoro. E’ chiaro che si tratta di episodi in teoria numerosi ma non certo in grado di investire tutte le risorse umane del gigante californiano. Però gli stipendi del personale femminile, anche di rango elevato, sono sensibilmente più bassi rispetto agli uomini. 

Non importa. Anche se i casi, in tutto il mondo, fossero poche decine, il messaggio di un #MeToo anche all’interno di una delle società più importanti del pianeta, non può restare inascoltato. “Il problema è globale - spiega uno degli organizzatori della protesta - in alcuni casi L’axzienda ci aveva risposto che uno dei manager accusati era troppo ‘produttivo’ per allontanarlo. Dunque era meglio cercare un compromesso. La dipendente alla fine fu allontanata dall’ufficio dove lavorava. Tutto questo non deve più accadere”.

Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Nuova accusa di stupro per Weinstein
Nuova accusa di stupro per Weinstein
La Corte Suprema di Los Angeles al lavoro per la nuova denuncia presentata dall’attrice Paz de la Huerta, dopo che la polizia di New York era pronta ad archiviare il caso
"Rain man è un predatore sessuale"
"Rain man è un predatore sessuale"
Altre quattro donne accusano Dustin Hoffman di aggressioni sessuali. La scrittrice Cori Thomas rivela di essere stata abusata quando aveva 16 anni nel 1980. "E' stato orribile, era molto violento, ha rovinato tante persone"
Almeno 1.000 donne vittime di Weinstein
Almeno 1.000 donne vittime di Weinstein
Un calcolo messo insieme facilmente dall’avvocato che difende i diritti di una class-action contro le violenze dell’ex re mida di Hollywood. Sotto accusa anche il fratello Bob, che sapeva da lungo tempo
Weinstein, tra le prede anche una 16enne
Weinstein, tra le prede anche una 16enne
Jane Doe costretta del 2002 a "toccare" il produttore che voleva lanciarla nel mondo del cinema. Prima la festa, poi un invito a casa. La modella da allora vittima di depressione per gli abusi subiti. Lui: "tutto falso"
Nel sex scandal arriva anche Google
Nel sex scandal arriva anche Google
Il colosso informatico californiano al centro di un’inchiesta del New York Times. Sotto accusa il padre del sistema Android, protetto per diverso tempo dai vertici aziendali e liquidato con una somma record
Sir Philip Green è il Weinstein britannico
Sir Philip Green è il Weinstein britannico
Nonostante l'ingiunzione del silenzio imposta da un Tribunale, un ex ministro Labour ha rivelato il nome del noto manager in Parlamento. Scoppia così il #MeToo inglese. Già 5 le denunce di dipendenti molestate. Lui nega
Lo scandalo sessuale
che non può essere rivelato
Lo scandalo sessuale<br>che non può essere rivelato
Ne ha parlato il quotidiano inglese The Telegraph, accusando i giudici di aver imbavagliato la stampa. L’uomo d’affari al centro di un’inchiesta avrebbe comprato il silenzio e delle sue vittime abusando dei contratti di non divulgazione
Cade una delle accusatrici di Weinstein
Cade una delle accusatrici di Weinstein
Lucia Evans, ex attrice, era stata fra le protagoniste dei racconti del “New Yorker”: secondo la polizia si è trattato di rapporti consensuali
Una crociata contro Ronaldo
Una crociata contro Ronaldo
Dopo lo stupro di Las Vegas, la notte con Ruby. Intanto l'ex modella rivela: "Mi ha sodomizzato con la violenza". E il Sun: "Se colpevole pagherà milioni, gli sponsor gli faranno causa". Ma Yamamay: "Accuse inverosimili, per noi ok"