Harvey Weinstein in action

| Melissa Thompson, una delle accusatrici del produttore hollywoodiano, ha diffuso un video in cui si vede la prima parte di un approccio che finirà giorni dopo con uno stupro

+ Miei preferiti
Harvey amava andare al sodo, non è mai stato un tipo da smancerie. Melissa Thompson ne sa qualcosa: attrice e imprenditrice, nel 2011 riesce a fissare un appuntamento di lavoro con il potente boss di Hollywood per spiegare di uno strumento in grado di incrociare i dati delle promozioni cinematografiche. Convocata negli uffici newyorkesi della “Weinstein Company”, poco prima dell’arrivo del mega produttore decide di registrare ogni cosa: un sesto senso, oppure voci di corridoio sulle abitudini del marpione arrivate anche alle sue orecchie. Melissa non lo dice, ma l’idea sembra quella.

Weinstein entra, chiude la porta mormorando a qualcuno di non essere disturbato e invece di stringere la mano che Melissa gli porge, preferisce abbracciarla, lasciando scendere la manona verso il basso. La donna inizia a spiegare, ma Weinstein sembra interessato ad altro: le chiede “Possiamo flirtare?”, ma Melissa prende tempo: “Vedremo, magari un po’”. Per dovere di cronaca, ci sono momenti del video in cui sembra perfino lei a stuzzicarlo: “I dati sono sexy, vero?”, miagola Melissa, e Harvey - che su certe cose non aveva bisogno di incoraggiamenti - risponde “Tu sei sexy”.

Seguono i racconti della giovane, che ricorda la mano di Weinstein che si allungava sulla sua gamba, accompagnata da frasi esplicite: “Fammi avere una piccola parte di te. Puoi darmela?”. Lei tenta di bloccarlo, sussurrando che stava passando il limite.

Un limite, sempre secondo la Thompson, che Weinstein avrebbe superato abbondantemente qualche sera dopo al “Tribeca Grand Hotel” di New York: invece di portarla nella sala conferenze, come annunciato, la guida nei suoi appartamenti e la stupra. “Anche se avessi provato scappare mi avrebbe bloccata. Mi ha messo all’angolo, più e più volte”.

Il video, diffuso in esclusiva da “Sky News”, ha scatenato la replica quasi immediata di Ben Brafman, avvocato dell’ex produttore: “Un nuovo tentativo di infangare il nome di Weinstein a fini economici. Non lo accettiamo”.

Video
Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Scusi, lei è un pedofilo? E Michael Jackson se la ride
Scusi, lei è un pedofilo? E Michael Jackson se la ride
Spunta dagli archivi di uno studio legale un video di 3 ore dove per la prima e unica volta il Re del Pop viene interrogato sugli abusi sessuali. Nervoso ed evasivo, si paragonò a Gesù
Sesso sull'auto-pattuglia, agente e prof licenziati
Sesso sull
Il vice-sceriffo di Indian River aveva dato un passaggio all'insegnante dopo una partita tra studenti ma aveva lasciato una traccia sul sedile dell'auto. I colleghi hanno scoperto che il Dna era il suo. "E' cioccolato bianco", si era difeso
Inizia a maggio il processo a Weinstein
Inizia a maggio il processo a Weinstein
Il 6 maggio, l’ex padrone di Hollywood dovrà comparire in tribunale per rispondere di cinque capi d’accusa. Quasi 100 sono le donne che lo accusano
"Non pagherò per cosa non ho fatto"
"Non pagherò per cosa non ho fatto"
Un sorridente Kevin Spacey sotto scorta in Tribunale per difendersi dalle accuse di molestie sessuali verso un cameriere di Nantucket. Si dichiara "innocente" ma rischia cinque anni di carcere
Spacey obbligato a presentarsi in Tribunale
Spacey obbligato a presentarsi in Tribunale
L'attore, accusato di avere aggredito sessualmente un 18enne a Nantucket nel 2016, aveva chiesto ai giudici di non comparire durante il processo. Richiesta respinta
Kevin Spacey predatore, spunta un video
Kevin Spacey predatore, spunta un video
L'attore avrebbe pesantemente molestato un cameriere 18enne, cercando di convincerlo a seguirlo in albergo. Ma la vittima era riuscita a filmarlo durante l'aggressione. Fra pochi giorni il via al processo in scena a Boston
Scandalo Profumo, la verità nel 2063
Scandalo Profumo, la verità nel 2063
Il governo inglese ha blindato le carte del più clamoroso scandalo sessuale della sua storia, quando si scoprì la relazione tra il ministro Profumo e la 19enne Christine Keeler, amante anche di una spia Urss. L'ex premier Major sa tutto
Kevin Spacey a giudizio per aggressione
Kevin Spacey a giudizio per aggressione
Dovrà rispondere davanti ad un tribunale del Massachusetts di molestie sessuali ai danni di un attore ai tempi minorenne. Ma per la prima volta, l’attore premio Oscar tenta di difendersi con un breve video
9,5 milioni di dollari per molestie
9,5 milioni di dollari per molestie
L’attrice Eliza Dushku ha messo alle corde il canale CBS ottenendo un risarcimento record: era stata esclusa dal cast di un telefilm dopo aver rifiutato le avances di un collega