Il supervisore salverà Hollywood?

| Hanno stilato un manuale, anche se è considerato più un codice di comportamento. A garantire un’atmosfera priva di molestie e violenze ci penserà un supervisore, presente dai provini all’intera produzione

+ Miei preferiti
C’era la Hollywood prima di Harvey, ci sarà la Hollywood dopo Harvey. La patria del cinema, troppo coinvolta per non prendere provvedimenti e sotto accusa da mesi per aver taciuto ciò che tutti sapevano, prova correre ai ripari. A scendere in campo è il “Producers Guild of America”, il sindacato dei produttori cinematografici, che ha varato un proprio codice anti-molestie da applicare ad ogni nuova produzione.

La falcidiata dei nomi che si allunga ogni giorno di più ha raggiunto livelli tali da non permettere il lusso di restare indifferente e aspettare che il peggio sia passato. Senza contare che qualsiasi accusa raggiunga un divo del grande schermo, si porta in dote effetti collaterali costosissimi per le produzioni, costrette a rifare intere pellicole e gettare nella spazzatura piani di promozione milionari.

Questione di interesse, nella più fulgida doppia faccia tipica di Hollywood, quella che non muore mai: fingere di avere un cuore mentre con le mani corri a proteggere il portafoglio.

In un modo o nell’altro, comunque, si è cercato un modo per scavalcare i meccanismi dell’esercizio di quel potere che pretendeva di scambiare ruoli con il sesso. “Come produttori rivestiamo un ruolo chiave nel creare e mantenere un ambiente di lavoro costruito sul reciproco rispetto, ed è nostro dovere contribuire al cambiamento culturale necessario per sradicare gli abusi”, hanno dichiarato in un comunicato congiunto i tre co-presidenti della “PGA”.

Scendendo nel dettaglio, il manuale prevede l’istituzione di corsi in cui spiegare come mantenere un ambiente sereno e altamente produttivo, ripulito da chi ha il comando e per questo è convinto di poter prendere la gente a gettone, in base ai pruriti del momento.

Su ogni set diventa obbligatorio di un supervisore a cui spetta il compito di vigilare, stilando un report quotidiano, che ha anche la possibilità di allertare le forze dell’ordine quando si profila un abuso. Alla nuova figura anche mansioni come garantire che chi ha denunciato molestie non sia messo da parte e partecipare a incontri, riunioni e casting, per mandare in soffitta l’usanza del “divano del produttore”.

Curiosamente, sarà “Wonder Woman 2”, pellicola con uscita prevista nell’autunno del prossimo anno, il primo film a poter vantare la garanzia del supervisore: il primo capitolo aveva tra i produttori Brett Ratner, uno dei grandi accusati di Hollywood, con sei donne a dargli il filo da torcere.

Tutto questo mentre Hollywood si avvicina a grandi passi verso l’edizione della cerimonia degli Oscar forse più imbarazzante di tutta la sua storia. A dare forfait, o forse a vedersi le porte sprangate, sono alcuni dei nomi ancora impigliati nella grande rete delle molestie. Non ci saranno Casey Affleck, vincitore dello scorso anno, e James Franco: sul red carpet di Los Angeles, macchie non ne vogliono.

Sex scandals
"Weinstein morirà cadendo nella vasca da bagno"
"Weinstein morirà cadendo nella vasca da bagno"
La singolare profezia di Anthony Bourdain poco prima di suicidarsi. Il compagno odi Asia Argento auspicava che morisse in cella picchiato a morte ma anche colto da un malore in bagno, solo e con un inutile telefono in mano
"Mai detto alle attrici sesso in cambio di parti"
"Mai detto alle attrici sesso in cambio di parti"
Weinstein fa marcia indietro e il giornalista dello Spectator si scusa: "Forse ho capito male le sue parole". Rischio di una nuova pioggia di querele
Hollywood con Asia: "Sei una sopravvissuta"
Hollywood con Asia: "Sei una sopravvissuta"
Le attrici di #MeToo difendono Asia Argento attaccata sui social dagli haters che ha causano di essere responsabile del suicidio del compagno. Lettera aperta sul Los Angeles Times
Il tesoro segreto dell'ex re di Spagna
Il tesoro segreto dell
Accuse da parte di un ex poliziotto che avrebbe saputo, dalla sua amante Corinna, dell'esistenza di conti esteri manovrati da un broker già sotto inchiesta. Ma non è chiaro e molti i dubbi sull'attendibilità delle "rivelazioni"
Silenzio! Parla Harvey Weinstein
Silenzio! Parla Harvey Weinstein
L'ex produttore che rischia l'ergastolo per le decine di denunce per violenze sessuali di ogni tipo, si difende: "E' vero, ho assunto attrici in cambio di sesso, ma lo fanno tutti e loro erano consenzienti". Accuse ad Asia Argento
Libera la pornostar in lite con Trump
Libera la pornostar in lite con Trump
Stormy Daniels scarcerata su cauzione. Avrebbe consentito ai clienti di un locale dove era in corso un suo sexy-spettacolo di "toccarla", violando una legge dell'Ohio. L'avvocato: "Vendetta politica"
METODO WEINSTEIN
Sorvino accusa di molestie noto regista
METODO WEINSTEIN<br>Sorvino accusa di molestie noto regista
L'attrice rivela di aver subito un ricatto da un regista impegnato politicamente, vincitore di Oscar, che le propose di fare sesso in cambio di una parte. Poi attacca Weinstein: "Ha danneggiato la mia carriera, ecco le conferme"
EFFETTO WEINSTEIN
cronista tv emarginata dopo la denuncia
EFFETTO WEINSTEIN<br> cronista tv emarginata dopo la denuncia
Lauren Sivan, reporter di Fox11, era stata la prima a rivelare un'aggressione di Weinstein particolarmente odiosa, subito dopo lo scoop del NYT. Ma è stata demansionata e isolata dall'azienda
Nuovo arresto per Weinstein
Nuovo arresto per Weinstein
L’ex produttore è tornato in manette davanti ai giudici: nuovamente libero su cauzione, a settembre dovrà presentarsi al primo dei numerosi processi che lo attendono
Miss America in rivolta contro #MeToo
Miss America in rivolta contro #MeToo
La nuova presidente Gretchen Carlson vuole imporre un abito al posto del tradizionale costume da bagno. Decine di candidature annullate