Il supervisore salverà Hollywood?

| Hanno stilato un manuale, anche se è considerato più un codice di comportamento. A garantire un’atmosfera priva di molestie e violenze ci penserà un supervisore, presente dai provini all’intera produzione

+ Miei preferiti
C’era la Hollywood prima di Harvey, ci sarà la Hollywood dopo Harvey. La patria del cinema, troppo coinvolta per non prendere provvedimenti e sotto accusa da mesi per aver taciuto ciò che tutti sapevano, prova correre ai ripari. A scendere in campo è il “Producers Guild of America”, il sindacato dei produttori cinematografici, che ha varato un proprio codice anti-molestie da applicare ad ogni nuova produzione.

La falcidiata dei nomi che si allunga ogni giorno di più ha raggiunto livelli tali da non permettere il lusso di restare indifferente e aspettare che il peggio sia passato. Senza contare che qualsiasi accusa raggiunga un divo del grande schermo, si porta in dote effetti collaterali costosissimi per le produzioni, costrette a rifare intere pellicole e gettare nella spazzatura piani di promozione milionari.

Questione di interesse, nella più fulgida doppia faccia tipica di Hollywood, quella che non muore mai: fingere di avere un cuore mentre con le mani corri a proteggere il portafoglio.

In un modo o nell’altro, comunque, si è cercato un modo per scavalcare i meccanismi dell’esercizio di quel potere che pretendeva di scambiare ruoli con il sesso. “Come produttori rivestiamo un ruolo chiave nel creare e mantenere un ambiente di lavoro costruito sul reciproco rispetto, ed è nostro dovere contribuire al cambiamento culturale necessario per sradicare gli abusi”, hanno dichiarato in un comunicato congiunto i tre co-presidenti della “PGA”.

Scendendo nel dettaglio, il manuale prevede l’istituzione di corsi in cui spiegare come mantenere un ambiente sereno e altamente produttivo, ripulito da chi ha il comando e per questo è convinto di poter prendere la gente a gettone, in base ai pruriti del momento.

Su ogni set diventa obbligatorio di un supervisore a cui spetta il compito di vigilare, stilando un report quotidiano, che ha anche la possibilità di allertare le forze dell’ordine quando si profila un abuso. Alla nuova figura anche mansioni come garantire che chi ha denunciato molestie non sia messo da parte e partecipare a incontri, riunioni e casting, per mandare in soffitta l’usanza del “divano del produttore”.

Curiosamente, sarà “Wonder Woman 2”, pellicola con uscita prevista nell’autunno del prossimo anno, il primo film a poter vantare la garanzia del supervisore: il primo capitolo aveva tra i produttori Brett Ratner, uno dei grandi accusati di Hollywood, con sei donne a dargli il filo da torcere.

Tutto questo mentre Hollywood si avvicina a grandi passi verso l’edizione della cerimonia degli Oscar forse più imbarazzante di tutta la sua storia. A dare forfait, o forse a vedersi le porte sprangate, sono alcuni dei nomi ancora impigliati nella grande rete delle molestie. Non ci saranno Casey Affleck, vincitore dello scorso anno, e James Franco: sul red carpet di Los Angeles, macchie non ne vogliono.

Sex scandals
Era piccolo, piccolo, piccolo così...
Era piccolo, piccolo, piccolo così...
Anteprima del libro di Stormy Daniels. "Mi voleva in tv, e studiava un trucco per le sfide di the Apprentice". La pornostar s'è sentita minacciata e ora racconta tutto, anche dettagli anatomici imbarazzanti per il presidente
Scoop Giletti, porta Bennet in tv
Scoop Giletti, porta Bennet in tv
Domenica 23 esclusiva di "Non è l'Arena" su La7. Bennet, l'accusatore di Asia Argento, per la prima volta in tv racconta la relazione con l'attrice quando aveva 17 anni
Asia al contrattacco
Asia al contrattacco
Un vero ultimatum indirizzato all’ex amica Rose McGowen: chiedi scusa o finiamo per vie legali
Kavanaugh nei guai per una violenza di 38 anni fa
Kavanaugh nei guai per una violenza di 38 anni fa
Psicologa californiana rivela che il candidato di Trump alla Corte Suprema Usa l'avrebbe spinta sul letto tentando di spogliarla ai tempi del liceo. Lui nega ma i Dem ora chiedono un'indagine dell'Fbi
Lo stuprato da Asia Argento
denunciato dall'ex per violenza
Lo stuprato da Asia Argento<br>denunciato dall
Jimmy Bennet indagato a Los Angeles dalla ex fidanzata: "Mi ha costretto a fare sesso quando ero minorenne". Ha chiesto protezione alla polizia perché teme ritorsioni anche contro la sua famiglia. Maledizione #MeToo
Harvey Weinstein in action
Harvey Weinstein in action
Melissa Thompson, una delle accusatrici del produttore hollywoodiano, ha diffuso un video in cui si vede la prima parte di un approccio che finirà giorni dopo con uno stupro
Le hot-memorie di Stormy Daniels
Le hot-memorie di Stormy Daniels
Il 2 ottobre esce il libro "Full Discosure", autobiografia di una pornostar che, nel 2006, ebbe una breve relazione con Trump. Un capitolo su come fu comprato il suo silenzio. Sarà boom in libreria?
#MeToo abbatte anche il boss Cbs
#MeToo abbatte  anche il boss Cbs
Si dimette Les Moonves, il potente Ceo della CBS, travolto da un'ondata di denunce per episodi avvenuti negli Anni 80 e 90. Dopo Weinstein, cade un altro big. Liquidazione a #MeToo. Attacco di Ronan Farrow
"Stormy, restituiscimi i miei soldi"
"Stormy, restituiscimi i miei soldi"
L'ex avvocato di Trump vuol farsi restituire dalla pornostar i 130 mila dollari pagati per il suo silenzio sulla relazione con il presidente prima delle elezioni. Il legale della texana: "Neanche un cent"
Ombre nere sull'accusatore di Asia
Ombre nere sull
Jimmy Bennet descritto come uno stalker dai legali dell'attrice. E si scopre che aveva anche denunciato i genitori per soldi. I suoi messaggi e le sue confessioni: "Sei la mia fantasia erotica". Sentito dalla polizia