Mario Testino e Bruce Weber
la moda a luci rosse

| Stanchi di subire, un gruppo di modelli ha raccontato al “New York Times” le pretese sessuali dei due maestri della fotografia. Fra le prime reazioni quella sdegnata di “Vogue”, con l’annullamento di ogni impegno professionale

+ Miei preferiti

Calma, non spingete: tanto nella galassia dei “T-Sex” c’è posto per tutti. Lasciando in pace almeno per qualche ora le colline californiane del cinema, l’attenzione può finalmente spostarsi su un altro mondo di mezzo, quello della moda.

Questa volta, a rimetterci sono due nomi che contano, e anche molto: Mario Testino e Bruce Weber. Due fotografi, probabilmente i più grandi, autori di scatti che da anni significano copertine, pubblicità e calendari. Storici collaboratori di prestigiose testate come “Vogue”, che attraverso la direttrice Anna Wintour, ha immediatamente preso le distanze annullando ogni impegno professionale  con l’editrice “Condé Nast” fino a vicenda chiarita. La granitica direttrice, celebre in tutto il mondo per il caratterino spigoloso, ha poi teso una mano ai due: “Si tratta di amici personali, ed io credo nel valore del rimorso e del perdono. Ma queste sono accuse serie”. Allo studio, secondo Bob Sauerberger, numero uno della casa editrice americana, ci sarebbe un codice di condotta destinato a proteggere i modelli dagli abusi: età non inferiore ai 18 anni, divieto di alcol sul set, obbligo di accompagnamento e richieste di nudità concordate a tavolino. 

A mettere i due contro il muro, probabilmente ricambiando il favore, è un nutrito gruppo di modelli, tutti maschi. Per ambedue, vale la reazione immediata dei rispettivi legali, che negano ogni addebito, arrivando anche a mettere in dubbio la credibilità degli accusatori.

Bruce Weber

Classe 1946, sposato con la collega Nan Brush e specializzato nel nudo maschile e nell’omoerotismo, è il fotografo a cui deve la gloria mondiale l’italiana Eva Riccobono. Innumerevoli le campagne create con le sue immagini: da Calvin Klein ad Abercrombie & Fitch, Pirelli, Louis Vuitton, Ralph Lauren, Chanel e Ferragamo, tanto per ridurre all’essenziale un elenco che altrimenti sarebbe infinito.

I modelli coalizzati contro Weber sarebbero una quindicina, che hanno raccontato al “New York Times” alcuni atteggiamenti del fotografo, considerati “a luci rosse”. Del tutto normale, per lui, era invitarli a spogliarsi senza alcuna ragione apparente, guidandoli subito dopo attraverso alcuni esercizi di respirazione, necessari per una buona riuscita del “photo shoot” che arrivavano al culmine con palpeggiamenti vari. Nessuno, al momento, parla di rapporti sessuali estorti con la forza, ma la strada sembra quella.

Mario Testino

Peruviano classe 1954, origini irlandesi e italiane, è considerato il fotografo delle dive: davanti ai suoi obiettivi sono passati tutti e tutte. Anche l’elenco dei suoi clienti è stratosferico (per fare prima basta elencare a mente ogni marchio e maison di moda), così come la galleria dei suoi celebri ritratti (ancora una volta, tirare un nome a caso significa prenderci), alcuni dei quali autentici capolavori esposti al “Victoria and Albert Museum”.

Sul suo conto, si sono mossi in 13 fra modelli e assistenti fra cui Ryan Locke, protagonista di alcune storiche campagne per DKNY, Gucci e Versace, che ha definito Testino “Un predatore sessuale”. Dal suo racconto, confermato da Hugo Tillman, ex collaboratore del fotografo, e dal modello Roman Barrett, emergerebbe una situazione professionale complicata, in cui è da sempre necessario fare attenzione a continue avances sessuali che spesso si spingono fino alla masturbazione.  Rifiutare, assicurano in coro, significa complicarsi la carriera.

Ma c’è di più: uno dei maggiori divertimenti del grande fotografo pare sia sempre stato assumere assistenti dichiaratamente eterosessuali per poi tentare di sviarli verso l’omosessualità.

Sex scandals
I peggiori sette mesi di Hollywood
I peggiori sette mesi di Hollywood
È il tempo trascorso da quando due testate americane hanno pubblicato le primissime accuse verso il megaproduttore Harvey Weinstein. Uno scandalo che poco dopo si sarebbe esteso a macchia d’olio in tutto il mondo, Italia compresa
VENDETTA #METOO, WEINSTEIN
IN CELLA PER DUE STUPRI
VENDETTA #METOO, WEINSTEIN<br>IN CELLA PER DUE STUPRI
L'attrice Rose Mc Gowan: "Eravamo ventenni con la speranza di diventare attrici, stuprate e terrorizzate dalla sue rete di complicità". Inchieste anche a Londra e Los Angeles. L'avvocato: "solo e triste". Cauzione da 10 milioni
Nuove accuse per Mario Batali
Nuove accuse per Mario Batali
La polizia ha aperto un altro fascicolo d’inchiesta, mentre una trasmissione tivù ospita alcune ex dipendenti violentate dallo chef, ex socio di Joe Bastianich
Luc Besson accusato di stupro
Luc Besson accusato di stupro
Un’attrice e modella di 27 anni ha sporto denuncia per un abuso risalente a pochi giorni. Immediata la replica del regista: “Non ho violentato nessuno”
Asia Argento: "Stuprata da Weinstein a Cannes"
Asia Argento: "Stuprata da Weinstein a Cannes"
L'attrice italiana lo ha detto durante la cerimonia di premiazione a Cannes, augurandosi che il produttore Usa "sparisca per sempre"
Stormy e Christie, nuove bufere su Trump
Stormy e Christie, nuove bufere su Trump
L'avvocato che tutela la pornostar fotografato con l'ex moglie di Billy Joel, Christie Brinkley. Avrebbe subito anni fa un tentativo di approccio ma lei lo avrebbe "rimbalzato"
Polanski non ci sta: “Denuncio l’Academy”
Polanski non ci sta: “Denuncio l’Academy”
Espulso dall’associazione che assegna gli Oscar, il regista polacco minaccia azioni legali perché non gli è stata concessa la possibilità di difendersi
Minetti, sesso libero in libero Stato
Minetti, sesso libero in libero Stato
Il Tribunale di Milano conferma le pene ma si apre un dibattito sui comportamenti sessuali. Una scelta di libertà per gli imputati e le imputati dei vari processi Ruby. Giudici confermano le pene
"Film perversi? Mai come tu hai cantato l'inno"
"Film perversi? Mai come tu hai cantato l
Scambio di tweet al vetriolo tra Stormy Daniels e la presentatrice tv Usa Roseanne Barr. La pornostar che accusa Trump smentisce le allusioni della rivale, nota per avere storpiato The Star Spangled Banner
Cosby e Polansky cacciati dall'Academy
Cosby e Polansky cacciati dall
Giudicati incompatibili a causa delle inchieste sulle aggressioni sessuali, mentre anche l'attrice australiana Cate Blanchett si unisce alla lista delle donne molestate da Weinstein