Karl Lagerfeld contro #MeToo

| Lo stilista tedesco attacca i movimenti femministi nati all'indomani dello scandalo Weinstein: “Se non vuoi che qualcuno ti tolga le mutandine vai in convento”

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Non va per il sottile, come sempre, senza alcun timore di possibili critiche o conseguenze: andare controcorrente, per Karl Lagerfeld è più di una missione, è la ragione stessa dell’esistenza. Ma è facile immaginare che le reazioni ci saranno, non appena le parole consegnate alle pagine del settimanale francese “Numéro” finiranno di fare il giro del mondo.

Il “Kaiser Karl”, com’è conosciuto lo stilista più irriverente del pianeta, sulla strada degli 86 anni, ha scelto di dire la sua sullo scandalo sessuale che dopo aver minato nel profondo il mondo del cinema ha attaccato quello della moda, svelando grazie ad accuse e rivelazioni un altro girone infernale di sesso e depravazioni. Secondo Lagerfeld, l’ondata ipocrita dei movimenti è riuscita soltanto a rendere difficile il lavoro dei professionisti del fashion system.

“Sono stanco del movimento #MeToo, come delle modelle e delle attrici che parlano di molestie sessuali: dovrebbero sapere a cosa vanno incontro”. Nomi ne fa pochi, a parte difendere strenuamente Karl Templer, ormai ex direttore creativo del mensile “Interview”, finito nella bufera con l’accusa di svestire le modelle senza alcun permesso o consenso.

“Ho letto da qualche parte che ora bisogna chiedere alle modelle se si sentono a loro agio mentre lavorano, ma se non vuoi che qualcuno ti tolga le mutandine non fare la modella: entra in un convento, lì ci sarà sempre un posto per te”.

I dubbi di Lagerfeld anche verso attrici e modelle che hanno scelto di svelare gli abusi subiti a decenni di distanza: “Quel che mi sconvolge è che hanno avuto bisogno di vent’anni per capire cos’era successo, e senza contare che la maggior parte delle volte non c’è nessun testimone che possa confermare o smentire”.

Una posizione dura che comunque non salva Harvey Weinstein, il principale accusato dell’enorme scandalo, verso cui Lagerfeld non ha mai nutrito alcun sentimento di stima o amicizia: “Lo odio”.

Stilista e fotografo tedesco, nato ad Amburgo nel settembre del 1933, Karl Lagerfeld è un “free lance” della moda, un creatore indipendente capace di lavorare per se stesso come per le griffe più celebri del mondo: Chloé, Fendi e Chanel, di cui è direttore creativo.

Cresciuto in una famiglia di banchieri che ha fatto fortuna introducendo il latte condensato in Germania, nel 1953 Karl si trasferisce con la madre a Parigi, dove si fa notare nel vincendo due concorsi per stilisti emergenti, il primo indetto da Pierre Balmain, il secondo da Yves Saint Laurent, ai tempi direttore creativo di “Dior”.

Malgrado gli riesca di entrare a bottega dai più grandi nomi della moda, Lagerfeld si spazientisce in fretta, scegliendo di aprire un proprio spazio a Parigi, dopo essersi consultato con la veggente di fiducia che gli predice il successo nel mondo del fashion.

La “Lagerfeld” nasce ufficialmente nel 1980: realizza abiti, profumi e accessori, ma senza mai smettere di collaborare con marchi e griffe, a volte anche di profilo più basso, come la catena “H&M”, o scegliendo di lasciare la sua impronta nell’industria dello spettacolo con i costumi dei tour di Madonna, Kylie Minogue e Marilyn Manson. Per lui sfilano le top-model più importanti della storia della moda, fra cui Claudia Schiffer, forse la più amata di tutte.

Personaggio a tutto tondo, eccentrico, geniale e a tratti schizofrenico, da molti definito un nuovo Andy Warhol, Lagerfeld ha fatto notizia anni fa per l’incredibile trasformazione del suo corpo: riesce a perdere 42 kg in poco più di un anno, sottoponendosi alla dieta studiata da un medico parigino, da quel momento ribattezzata “The Karl Lagerfeld Diet”.

Sex scandals
Era piccolo, piccolo, piccolo così...
Era piccolo, piccolo, piccolo così...
Anteprima del libro di Stormy Daniels. "Mi voleva in tv, e studiava un trucco per le sfide di the Apprentice". La pornostar s'è sentita minacciata e ora racconta tutto, anche dettagli anatomici imbarazzanti per il presidente
Scoop Giletti, porta Bennet in tv
Scoop Giletti, porta Bennet in tv
Domenica 23 esclusiva di "Non è l'Arena" su La7. Bennet, l'accusatore di Asia Argento, per la prima volta in tv racconta la relazione con l'attrice quando aveva 17 anni
Asia al contrattacco
Asia al contrattacco
Un vero ultimatum indirizzato all’ex amica Rose McGowen: chiedi scusa o finiamo per vie legali
Kavanaugh nei guai per una violenza di 38 anni fa
Kavanaugh nei guai per una violenza di 38 anni fa
Psicologa californiana rivela che il candidato di Trump alla Corte Suprema Usa l'avrebbe spinta sul letto tentando di spogliarla ai tempi del liceo. Lui nega ma i Dem ora chiedono un'indagine dell'Fbi
Lo stuprato da Asia Argento
denunciato dall'ex per violenza
Lo stuprato da Asia Argento<br>denunciato dall
Jimmy Bennet indagato a Los Angeles dalla ex fidanzata: "Mi ha costretto a fare sesso quando ero minorenne". Ha chiesto protezione alla polizia perché teme ritorsioni anche contro la sua famiglia. Maledizione #MeToo
Harvey Weinstein in action
Harvey Weinstein in action
Melissa Thompson, una delle accusatrici del produttore hollywoodiano, ha diffuso un video in cui si vede la prima parte di un approccio che finirà giorni dopo con uno stupro
Le hot-memorie di Stormy Daniels
Le hot-memorie di Stormy Daniels
Il 2 ottobre esce il libro "Full Discosure", autobiografia di una pornostar che, nel 2006, ebbe una breve relazione con Trump. Un capitolo su come fu comprato il suo silenzio. Sarà boom in libreria?
#MeToo abbatte anche il boss Cbs
#MeToo abbatte  anche il boss Cbs
Si dimette Les Moonves, il potente Ceo della CBS, travolto da un'ondata di denunce per episodi avvenuti negli Anni 80 e 90. Dopo Weinstein, cade un altro big. Liquidazione a #MeToo. Attacco di Ronan Farrow
"Stormy, restituiscimi i miei soldi"
"Stormy, restituiscimi i miei soldi"
L'ex avvocato di Trump vuol farsi restituire dalla pornostar i 130 mila dollari pagati per il suo silenzio sulla relazione con il presidente prima delle elezioni. Il legale della texana: "Neanche un cent"
Ombre nere sull'accusatore di Asia
Ombre nere sull
Jimmy Bennet descritto come uno stalker dai legali dell'attrice. E si scopre che aveva anche denunciato i genitori per soldi. I suoi messaggi e le sue confessioni: "Sei la mia fantasia erotica". Sentito dalla polizia