“Lasciamo che gli uomini facciano gli uomini”

| Catherine Deneuve e altre 100 donne firmano una sorta di manifesto in cui si dicono preoccupate: non costringiamo i maschi ad aver paura di corteggiarci. Sarebbe un errore epocale

+ Miei preferiti
È tempo di dare aria al primo dietrofront, da quando il caso Weinstien è esploso in tutto il mondo, con tutta la sua fragorosa pioggia di lapilli. A guidare le file delle donne preoccupate che i rapporti fra i due sessi cambino radicalmente è Catherine Deneuve che dall’altro dei suoi 75 anni, si mette idealmente a capo di un drappello formato da un centinaio di donne, fra cui la giornalista Elisabeth Lévy, la scrittrice Catherine Robbe-Frillet, l’editrice Joelle Losfeld e l’attrice Ingrid Caven, sono autrici di un editoriale pubblicato sul quotidiano “Le Monde” in cui si dice semplicemente basta, perché di questa situazione non se ne può più: “Lasciate agli uomini il sacrosanto diritto di importunarci”.

“Proteggere le donne – scrive ‘il collettivo’ femminile – non deve incatenare le donne a ruolo di vittime eterne. Il femminismo non è odio verso gli uomini e la loro sessualità. Lo stupro è un crimine, ma il tentativo di ‘rimorchio’ no, così come non può esserlo la galanteria di un corteggiamento”.

Il gruppo, si legge nell’appello lanciato sul quotidiano, si dice preoccupato, perché dopo il caso Weinstein si è assistito ad una legittima presa di coscienza sulle violenze esercitate da troppo tempo sulle donne, “Ma per contro, questa liberazione si è rivoltata fino ad arrivare all’opposto: ci viene intimato di parlare bene e non provocare, e chi rifiuta è vista come complice e traditrice”.

In effetti, la caccia alle streghe scatenata dal caso del produttore hollywoodiano rischia di spalancare le porte ad un’epoca di neo-puritanesimo in cui il maschio, per natura cacciatore, si senta relegato in uno spazio angusto in cui ogni possibile “avances” sia scambiata per tentata violenza, con tanto di sputtanamento mediatico. “Una campagna diffamatoria per niente utile alle donne, ma ai nemici stessi della libertà sessuale, agli estremisti religiosi e a tutti coloro che credono che le donne siano essere umani diversi, che necessitino di essere protette ad ogni costo”.

“Tanti uomini - conclude l’appello controcorrente - sono stati costretti alle dimissioni o ci hanno rimesso la carriera quando tutto ciò che hanno fatto è stato toccare un ginocchio, tentare di rubare un bacio, affrontare argomenti intimi o inviare messaggi a donne per cui quell’attrazione non era reciproca”. Ma questo, come dire, ci sta, fa parte del gioco delle parti da che mondo è mondo. Il resto, è solo una caccia alle streghe.

Sex scandals
Luc Besson accusato di stupro
Luc Besson accusato di stupro
Un’attrice e modella di 27 anni ha sporto denuncia per un abuso risalente a pochi giorni. Immediata la replica del regista: “Non ho violentato nessuno”
Asia Argento: "Stuprata da Weinstein a Cannes"
Asia Argento: "Stuprata da Weinstein a Cannes"
L'attrice italiana lo ha detto durante la cerimonia di premiazione a Cannes, augurandosi che il produttore Usa "sparisca per sempre"
Stormy e Christie, nuove bufere su Trump
Stormy e Christie, nuove bufere su Trump
L'avvocato che tutela la pornostar fotografato con l'ex moglie di Billy Joel, Christie Brinkley. Avrebbe subito anni fa un tentativo di approccio ma lei lo avrebbe "rimbalzato"
Polanski non ci sta: “Denuncio l’Academy”
Polanski non ci sta: “Denuncio l’Academy”
Espulso dall’associazione che assegna gli Oscar, il regista polacco minaccia azioni legali perché non gli è stata concessa la possibilità di difendersi
Minetti, sesso libero in libero Stato
Minetti, sesso libero in libero Stato
Il Tribunale di Milano conferma le pene ma si apre un dibattito sui comportamenti sessuali. Una scelta di libertà per gli imputati e le imputati dei vari processi Ruby. Giudici confermano le pene
"Film perversi? Mai come tu hai cantato l'inno"
"Film perversi? Mai come tu hai cantato l
Scambio di tweet al vetriolo tra Stormy Daniels e la presentatrice tv Usa Roseanne Barr. La pornostar che accusa Trump smentisce le allusioni della rivale, nota per avere storpiato The Star Spangled Banner
Cosby e Polansky cacciati dall'Academy
Cosby e Polansky cacciati dall
Giudicati incompatibili a causa delle inchieste sulle aggressioni sessuali, mentre anche l'attrice australiana Cate Blanchett si unisce alla lista delle donne molestate da Weinstein
Stupro, il guru condannato all'ergastolo
Stupro, il guru condannato all
Asaram Bapu predicava ai suoi milioni di seguaci l'astinenza sessuale ma stuprò una sedicenne per liberarla dagli spiriti maligni. Guidava un'organizzazione valutata un miliardo e mezzo di dollari
Weinstein disperato, tenta di svendere ai texani
Weinstein disperato, tenta di svendere ai texani
Il tycoon deciso a bloccare l'offerta del produttore Howard Kagan, reo di sostenere finanziariamente le donne che lo accusano di molestie ma la sua offerta è pari a quella dei concorrenti. Verso un massacro giudiziario
Trump pagò Stormy Daniels con i suoi soldi
Trump pagò Stormy Daniels con i suoi soldi
Lo dice il suo avvocato, nessun fondo tratto dai finanziamenti elettorali. Agli americani raccontata una bugia, assicurano i legali. Stormy pronta a pubblicare un'autobiografia. Contratto annullato