Le 100 storie di Natalie

| In un’intervista, la Portman racconta di aver dovuto fronteggiare centinaia di molestie. Per reazione, ha rifiutato per lungo tempo ruoli in cui erano previste scene di sesso: sul set, dice, le donne hanno sempre i ruoli più umili

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Nemmeno 20 premi fra cui l’Oscar, il Golden Globe e il Bafta, e 38 Nominations diverse, a Hollywood valevano come salvacondotto. Lo ha rivelato, fra le ultime ad unirsi al coro, Natalie Portman, intensa, bella e sofisticata interprete, così testarda e potente da potersi permettere di scegliere sempre i ruoli che le piacevano di più, ma non abbastanza da scamparla. L’occasione per svelarlo, un’intervista a cuore aperto con il “Poter Magazine”, in cui l’attrice ha raccontato non una molestia subita in carriera, ma addirittura centinaia. Una confessione accompagnata da un senso di colpa: “Ammetto di essere passata dal pensare di non aver nessuna storia da raccontare dall’averne più di cento. Ma credo che in molti si stiano rendendo conto che certe cose si davano quasi per scontate, perché facevano parte di un meccanismo”.

Cento storie su cui evita di scendere nei dettagli, a parte una, un viaggio su un aereo privato in compagnia di un produttore di cui evita di fare il nome: “C’era un solo letto preparato. Non è successo nulla, non fui assalita: ma ho dovuto comunque spiegare che la situazione mi metteva in forte disagio. Fui rispettata, ma non andava bene comunque: era una tattica inaccettabile e manipolatrice”.

Poi l’ammissione di aver detto di no a tanti progetti perché i ruoli proposti l’avrebbero costretta a donna oggetto: “Non volevo recitare scene a sfondo sessuale, perché all’inizio della mia carriera venivo definita una ‘Lolita’, e non mi piaceva per niente”.

Per finire, la stoccata all’ambiente hollywoodiano: “È un mondo dominato dai maschi, e sui set le donne sono spesso quelle che lavorano al trucco o al guardaroba. Credo sia stato anche un diabolico tentativo di impedire ogni tipo di coalizione: non riuscivamo a pensare che altre centinaia di donne avevano vissuto le nostre stesse esperienze”.

Nata a Gerusalemme nel 1981, Natalie Hershlag aveva solo 13 anni quando il regista Luc Besson la preferisce a Liv Tyler per il ruolo di Mathilda, la ragazzina che impara il mestiere di sicario dal rude Léon, interpretato da Jean Reno.

È l’inizio di una carriera, ma come racconterà anni dopo, anche di un’attenzione quasi maniacale ai ruoli da interpretare, scartando quelli in cui erano previste scene di sesso. Vegetariana convinta e accesa sostenitrice dei diritti degli animali, nel 2011 ha conquistato l’Oscar come miglior attrice protagonista per l’interpretazione ne “Il cigno nero”. È proprio sul set della pellicola che incontra il ballerino e coreografo Benjamin Millepied: nel giugno del 2011 nasce Aleph, l’anno dopo si sposano con una cerimonia a rito ebraico su una spiaggia californiana, e nel febbraio del 2017 alla famiglia si unisce la piccola Amalia.

Sex scandals
Era piccolo, piccolo, piccolo così...
Era piccolo, piccolo, piccolo così...
Anteprima del libro di Stormy Daniels. "Mi voleva in tv, e studiava un trucco per le sfide di the Apprentice". La pornostar s'è sentita minacciata e ora racconta tutto, anche dettagli anatomici imbarazzanti per il presidente
Scoop Giletti, porta Bennet in tv
Scoop Giletti, porta Bennet in tv
Domenica 23 esclusiva di "Non è l'Arena" su La7. Bennet, l'accusatore di Asia Argento, per la prima volta in tv racconta la relazione con l'attrice quando aveva 17 anni
Asia al contrattacco
Asia al contrattacco
Un vero ultimatum indirizzato all’ex amica Rose McGowen: chiedi scusa o finiamo per vie legali
Kavanaugh nei guai per una violenza di 38 anni fa
Kavanaugh nei guai per una violenza di 38 anni fa
Psicologa californiana rivela che il candidato di Trump alla Corte Suprema Usa l'avrebbe spinta sul letto tentando di spogliarla ai tempi del liceo. Lui nega ma i Dem ora chiedono un'indagine dell'Fbi
Lo stuprato da Asia Argento
denunciato dall'ex per violenza
Lo stuprato da Asia Argento<br>denunciato dall
Jimmy Bennet indagato a Los Angeles dalla ex fidanzata: "Mi ha costretto a fare sesso quando ero minorenne". Ha chiesto protezione alla polizia perché teme ritorsioni anche contro la sua famiglia. Maledizione #MeToo
Harvey Weinstein in action
Harvey Weinstein in action
Melissa Thompson, una delle accusatrici del produttore hollywoodiano, ha diffuso un video in cui si vede la prima parte di un approccio che finirà giorni dopo con uno stupro
Le hot-memorie di Stormy Daniels
Le hot-memorie di Stormy Daniels
Il 2 ottobre esce il libro "Full Discosure", autobiografia di una pornostar che, nel 2006, ebbe una breve relazione con Trump. Un capitolo su come fu comprato il suo silenzio. Sarà boom in libreria?
#MeToo abbatte anche il boss Cbs
#MeToo abbatte  anche il boss Cbs
Si dimette Les Moonves, il potente Ceo della CBS, travolto da un'ondata di denunce per episodi avvenuti negli Anni 80 e 90. Dopo Weinstein, cade un altro big. Liquidazione a #MeToo. Attacco di Ronan Farrow
"Stormy, restituiscimi i miei soldi"
"Stormy, restituiscimi i miei soldi"
L'ex avvocato di Trump vuol farsi restituire dalla pornostar i 130 mila dollari pagati per il suo silenzio sulla relazione con il presidente prima delle elezioni. Il legale della texana: "Neanche un cent"
Ombre nere sull'accusatore di Asia
Ombre nere sull
Jimmy Bennet descritto come uno stalker dai legali dell'attrice. E si scopre che aveva anche denunciato i genitori per soldi. I suoi messaggi e le sue confessioni: "Sei la mia fantasia erotica". Sentito dalla polizia