L’Italia s’è desta, ma in ordine sparso

| Nasce “Dissenso comune”, il manifesto antiviolenza e antimolestie controfirmato da 124 attrici italiane. Ma sull’iniziativa, si abbatte la furia di Asia Argento e Miriana Trevisan

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Alla buon ora, dopo aver valutato tutti i pro e soprattutto i contro, anche le attrici italiane si compattano e firmano il loro manifesto contro quella rete di violenze fatte emergere dalle diramazioni italiane del caso Weinstein.

Per stilare “Dissenso comune” sono serviti mesi e mesi di corrispondenza e proposte, che alla fine hanno messo d’accordo 124 interpreti del cinema nostrano, da Paola Cortellesi a Kasia Smutniak, Isabella Ragonese, Ambra Angiolini, Jasmine Trinca, Anna Foglietta e Giovanna Mezzogiorno, tanto per citarne alcune.

Un manifesto - secondo molti tardivo che si limita a fare riferimento a iniziative pubbliche non meglio definite - pubblicato sulle pagine di “Repubblica”, che in fondo è la copia conforme del celebre movimento #metoo nato in America con le stesse finalità.

Nel documento, si legge che “Questo è il tempo in cui abbiamo smesso di avere paura. Non solo è un atto di solidarietà nei confronti di tutte le attrici che hanno avuto il coraggio di parlare in Italia e per questo sono state attaccate, vessate e querelate. Vi ringraziamento perché sappiamo che quello che ognuna di voi racconta è successo a tutte noi, con forme e modi diversi. Sosteniamo e sosterremo in futuro quante sceglieranno di raccontare la loro esperienza”.

Ma a chiamarsi fuori dal coro sono Asia Argento e Miriana Trevisan, che dai rispettivi profili Twitter non hanno perso tempo, criticando aspramente le colleghe. Va giù dura la Argento: “Finalmente è arrivata la letterina di Babbo Natale delle donne del cinema italiano contro le molestie. Contestano il sistema ma si guardano bene dal fare nomi. Nei prossimi giorni interverrò, ora sono troppo incazzata”.

Non si tira indietro neanche Miriana Trevisan: “Sarebbe più onesto dire: ‘Siamo costrette a non esporci perché il sistema è così radicato che perderemmo il lavoro. Ma non puntando il dito pensate che il sistema venga smascherato? In America non mi pare che sia andata così”.

Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Cade una delle accusatrici di Weinstein
Cade una delle accusatrici di Weinstein
Lucia Evans, ex attrice, era stata fra le protagoniste dei racconti del “New Yorker”: secondo la polizia si è trattato di rapporti consensuali
Una crociata contro Ronaldo
Una crociata contro Ronaldo
Dopo lo stupro di Las Vegas, la notte con Ruby. Intanto l'ex modella rivela: "Mi ha sodomizzato con la violenza". E il Sun: "Se colpevole pagherà milioni, gli sponsor gli faranno causa". Ma Yamamay: "Accuse inverosimili, per noi ok"
Harvey Weinstein, l'anno del cinghiale bianco
Harvey Weinstein, l
Il 5 ottobre 2017 esplodeva lo scandalo che ha come simbolo l’ex produttore di Hollywood. Da allora decine di volti noti sono finiti nella bufera, ma ancora oggi spuntano casi come quello del giudice Kavanaugh
"Bennett mi fa pena aveva gli occhi vitrei"
"Bennett mi fa pena aveva gli occhi vitrei"
Asia Argento replica all'attore che l'accusa di averlo violentato quand'era minorenne in un'intervista a "Non è l'Arena". "Lui mi aggredì, disse che ero la sua fantasia sessuale". E Weinstein? "Ha rubato una parte di me"
Ronaldo nel mirino di #MeToo, tabloid scatenati
Ronaldo nel mirino di #MeToo, tabloid scatenati
Duro attacco del Daily Mail al campione portoghese. La donna che afferma di essere stata stuprata attacca: "Con quante altre donne lo ha fatto?". I legali del calciatore pronti alle querele
"Weinstein, restituisci 45 milioni di dollari"
"Weinstein, restituisci 45 milioni di dollari"
Una finanziaria di New York pretende l'immediata restituzione di un prestito concesso all'ex produttore a causa del "modo" in cui gestì la società distrutta dagli scandali sessuali. Rischia l'ergastolo per sei denunce di violenza
Ma le ceneri inviate ad Asia di chi erano?
Ma le ceneri inviate ad Asia di chi erano?
Lo strano regalo della modella compagna dell'ex amica Rose McGowan: le ceneri del compagno suicida ma è falso. Le scuse di Rose: "Ho sbagliato ad accusarti". Replica: "Non ferire altre persone". Domenica Asia in tv da Giletti
L'ex "America's Dad" attende la sentenza
L
Attesa la sentenza per l'attore Bill Cosby accusato di violenza sessuale con l'uso di droghe ai danni di una collega. Rischia da 5 a 10 anni di carcere. L'accusa: "Mai nessun rimorso, il suo posto è una cella"
Una terza donna accusa il giudice
Una terza donna accusa il giudice
L'avvocato di Stormy Daniels tutela una ex funzionaria che avrebbe subito un'aggressione sessuale di gruppo a Yale. C'erano Brett Kavanaugh e un uomo già individuato. Lui si difende: "Complotto Dem"