Molestata e costretta a dimenticare

| “Avevo bisogno di lavorare”, ammette Marion Cotillard, attrice francese premio Oscar. “Ma ora la rivoluzione è iniziata, e non si fermerà fin quando uomini e donne non impareranno a convivere”

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Niente da fare: la polemica è come la panna, continua a montare fino a nuovo ordine. Vale un po’ dappertutto, ma in questo momento in particolare in Francia, dove l’ormai ben noto manifesto lanciato dalla Deneuve sul pericolo di un neo-puritanesimo come conseguenza immediata dello scandalo Weinstein, ha scatenato un mezzo putiferio. A risponderle, fra le prime, sono state un gruppo di accese femministe capitanate da Carole De Hass. Risultato, una mezza marcia indietro, con le scuse di Catherine alle vere vittime di violenze, ma anche la granitica certezza di essere dalla parte del giusto, rivendicando la fondamentale presenza del maschio nella vita delle donne.

Un’onda anomala che sembrava essersi pacata, almeno fino alla comparsa di un altro nome che pesa: Marion Cotillard, premio Oscar nel 2006 per l’intensa interpretazione di Édith Piaf.

Anche Marion, 42 anni, due figli e una carriera costellata di successi, ha voluto prendere la distanza dalle parole del manifesto della Deneuve: “Quello che sta succedendo è una vera rivoluzione di cui c'era un gran bisogno: le donne hanno finalmente cominciato a denunciare i ricatti e gli abusi sessuali, a gridare la loro verità, a far sentire la propria voce”.

A margine degli incontri di “Unifrance”, organizzazione che promuove il cinema francese nel mondo, l’attrice parigina, sempre molto riservata, confida che anche a lei è successo ciò che la accomuna a decine di altre donne: “Tante volte sono stata molestata, e ogni volta mi sono sentita profondamente ferita, ma avevo bisogno di lavorare e sono stata costretta a guarire da sola. Ci sono donne che mentono accusando gli uomini ingiustamente, ma è una percentuale minima: va premiato il coraggio di quelle che si espongono in prima persona. La rivoluzione è iniziata e non si fermerà, ma sarà ancora più grande quando maschi e femmine inizieranno a guardarsi allo stesso modo”.

Anche se con sfumature diverse, sul manifesto della Deneuve dice la propria anche Juliette Binoche: “Chiariamo: qui non si parla della seduzione che avviene in modo naturale tra un uomo e una donna, ma di mancanza di rispetto e della mente stereotipata di un certo tipo di uomini. Comportamenti che possono avere tanto gli uomini quanto le donne di potere”.

Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Nuova accusa di stupro per Weinstein
Nuova accusa di stupro per Weinstein
La Corte Suprema di Los Angeles al lavoro per la nuova denuncia presentata dall’attrice Paz de la Huerta, dopo che la polizia di New York era pronta ad archiviare il caso
"Rain man è un predatore sessuale"
"Rain man è un predatore sessuale"
Altre quattro donne accusano Dustin Hoffman di aggressioni sessuali. La scrittrice Cori Thomas rivela di essere stata abusata quando aveva 16 anni nel 1980. "E' stato orribile, era molto violento, ha rovinato tante persone"
Almeno 1.000 donne vittime di Weinstein
Almeno 1.000 donne vittime di Weinstein
Un calcolo messo insieme facilmente dall’avvocato che difende i diritti di una class-action contro le violenze dell’ex re mida di Hollywood. Sotto accusa anche il fratello Bob, che sapeva da lungo tempo
Weinstein, tra le prede anche una 16enne
Weinstein, tra le prede anche una 16enne
Jane Doe costretta del 2002 a "toccare" il produttore che voleva lanciarla nel mondo del cinema. Prima la festa, poi un invito a casa. La modella da allora vittima di depressione per gli abusi subiti. Lui: "tutto falso"
Google #MeToo, decine di casi di molestie sessuali
Google #MeToo, decine di casi di molestie sessuali
I dipendenti delle sedi di tutto il mondo in strada contro ricatti e abusi sessuali. Il Ceo Pichar dà ragione a loro: "Bene la protesta, da noi ora tolleranza zero". Ma gli stipendi al femminile sono più bassi
Nel sex scandal arriva anche Google
Nel sex scandal arriva anche Google
Il colosso informatico californiano al centro di un’inchiesta del New York Times. Sotto accusa il padre del sistema Android, protetto per diverso tempo dai vertici aziendali e liquidato con una somma record
Sir Philip Green è il Weinstein britannico
Sir Philip Green è il Weinstein britannico
Nonostante l'ingiunzione del silenzio imposta da un Tribunale, un ex ministro Labour ha rivelato il nome del noto manager in Parlamento. Scoppia così il #MeToo inglese. Già 5 le denunce di dipendenti molestate. Lui nega
Lo scandalo sessuale
che non può essere rivelato
Lo scandalo sessuale<br>che non può essere rivelato
Ne ha parlato il quotidiano inglese The Telegraph, accusando i giudici di aver imbavagliato la stampa. L’uomo d’affari al centro di un’inchiesta avrebbe comprato il silenzio e delle sue vittime abusando dei contratti di non divulgazione
Cade una delle accusatrici di Weinstein
Cade una delle accusatrici di Weinstein
Lucia Evans, ex attrice, era stata fra le protagoniste dei racconti del “New Yorker”: secondo la polizia si è trattato di rapporti consensuali