Penelope Cruz e i gala dinner del Lido

|

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

Non c'è sera, al Lido, che non si chiuda con un party, uno più esclusivo dell'altro. Il gala dinner del marchio "Jager-LeCoultre", nella suggestiva location dell'Arsenale, lo storico main sponsor del Festival lagunare ha richiamato una folla di volti noti, fra cui Catherine Deneuve, celebrata per il contributo alla settima arte, Diane Kruger, Eva Riccobono, Ann Hsu, Rebecca Hall (giurata del Festival), le modelle Coco Rocha, Soo Joo Park e Hikari Mori.

Poco distante, al "Palazzina G - Venice by Starck", luxury hotel disegnato da Philippe Starck, un altro dinner party, questa volta dominato dall'ingombrante presenza di Gerard Depardieu, ospite in laguna per presenziare al restauro di "Novecento", capolavoro di Bernardo Bertolucci. Sulle note di Giulia Regain, DJ considerata fra le 100 top DJ donne al mondo e produttrice musicale.

Ma il red carpet, nel frattempo, ha una nuova regina: la bellissima Penelope Cruz, in compagnia del marito Javier Bardem, con cui torna a lavorare in "Loving Pablo", pellicola di Fernando Leòn de Aranoa che racconta la relazione fra il boss dei narcos Pablo Escobar e la giornalista Virginia Vallejo.

Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Nuova accusa di stupro per Weinstein
Nuova accusa di stupro per Weinstein
La Corte Suprema di Los Angeles al lavoro per la nuova denuncia presentata dall’attrice Paz de la Huerta, dopo che la polizia di New York era pronta ad archiviare il caso
"Rain man è un predatore sessuale"
"Rain man è un predatore sessuale"
Altre quattro donne accusano Dustin Hoffman di aggressioni sessuali. La scrittrice Cori Thomas rivela di essere stata abusata quando aveva 16 anni nel 1980. "E' stato orribile, era molto violento, ha rovinato tante persone"
Almeno 1.000 donne vittime di Weinstein
Almeno 1.000 donne vittime di Weinstein
Un calcolo messo insieme facilmente dall’avvocato che difende i diritti di una class-action contro le violenze dell’ex re mida di Hollywood. Sotto accusa anche il fratello Bob, che sapeva da lungo tempo
Weinstein, tra le prede anche una 16enne
Weinstein, tra le prede anche una 16enne
Jane Doe costretta del 2002 a "toccare" il produttore che voleva lanciarla nel mondo del cinema. Prima la festa, poi un invito a casa. La modella da allora vittima di depressione per gli abusi subiti. Lui: "tutto falso"
Google #MeToo, decine di casi di molestie sessuali
Google #MeToo, decine di casi di molestie sessuali
I dipendenti delle sedi di tutto il mondo in strada contro ricatti e abusi sessuali. Il Ceo Pichar dà ragione a loro: "Bene la protesta, da noi ora tolleranza zero". Ma gli stipendi al femminile sono più bassi
Nel sex scandal arriva anche Google
Nel sex scandal arriva anche Google
Il colosso informatico californiano al centro di un’inchiesta del New York Times. Sotto accusa il padre del sistema Android, protetto per diverso tempo dai vertici aziendali e liquidato con una somma record
Sir Philip Green è il Weinstein britannico
Sir Philip Green è il Weinstein britannico
Nonostante l'ingiunzione del silenzio imposta da un Tribunale, un ex ministro Labour ha rivelato il nome del noto manager in Parlamento. Scoppia così il #MeToo inglese. Già 5 le denunce di dipendenti molestate. Lui nega
Lo scandalo sessuale
che non può essere rivelato
Lo scandalo sessuale<br>che non può essere rivelato
Ne ha parlato il quotidiano inglese The Telegraph, accusando i giudici di aver imbavagliato la stampa. L’uomo d’affari al centro di un’inchiesta avrebbe comprato il silenzio e delle sue vittime abusando dei contratti di non divulgazione
Cade una delle accusatrici di Weinstein
Cade una delle accusatrici di Weinstein
Lucia Evans, ex attrice, era stata fra le protagoniste dei racconti del “New Yorker”: secondo la polizia si è trattato di rapporti consensuali